Eva Amurri e le madri da competizione

Essere genitori è una gara furiosa e sistematica: dall'asilo all'università c'è sempre una madre migliore di te

Più Popolare

Cara Eva,

certo che non è stata colpa tua.

Ma siccome di mestiere fai la mamma online, quando in nome del principio di condivisione universale hai raccontato di come la tata che si occupava di tuo figlio neonato una notte invece si è appisolata facendolo cadere di testa, e della frattura cranica a seguire – con pianto isterico, corsa in ospedale, 48 ore di controlli «strazianti» – sapevi già che dichiararti in pubblico affranta e traumatizzata non sarebbe bastato. Perché, nonostante il piccoletto ne sia uscito benone – mia nonna direbbe: Santa Pupa – la ragione ultima per cui la gente si impiccia su internet non è sapere: è trovare qualcuno cui dare la colpa.

Advertisement - Continue Reading Below

Pertanto hai incassato la prevedibile dose di insulti scemi – infinite le variazioni sul tema «Se non passassi la giornata a scrivere sul blog, di notte non saresti così stanca da aver bisogno di una tata», ma nessuno che si sia chiesto che scusa avesse quella per dormire sul lavoro – e hai risposto con pazienza misurata: piantàtela, infelici, fare i genitori non è una gara.

Più Popolare

Ecco, Eva. Spiace dover essere io a darti la notizia, ma oltre al giovane infortunato hai pure una bambina di due anni, ed è quindi urgente che tu sappia: fare i genitori è una gara, sì. Eccome. Furiosa e sistematica. Lo capisci quando i ragazzini cominciano ad avere una reputazione sociale, e quella reputazione diventa tua precisa responsabilità. Lo capisci all'asilo, quando ogni golfino smarrito innesca un carteggio di illazioni e specifiche tessili – perché io valgo, almeno quanto il mucchietto di cachemire e seta che serviva a tenere calda la mia creatura (e che voi poveracce avete rubato). Lo capisci a scuola, quando ogni festa comandata termina con la tradizionale lamentala sulla mole di compiti – perché io, oltre a valere, sono appena tornata da Antigua, e adesso ci tocca fare tutto di corsa (o voi siete così scioperate da lasciarli fare i compiti da soli?).

Quando Barack Obama ha tenuto a Chicago il suo ultimo discorso da presidente, in prima fila c'erano Michelle e Malia, ma niente Sasha. «Dov'è Sasha?», ci siamo chieste tutte. Perché non è venuta ad applaudire tanto padre? È malata? Fuggita? Adolescente? E davvero i suoi genitori non sono riusciti a costringerla? Non potevano organizzarsi meglio? Poi Michelle gongolante ha spiegato. Sasha aveva un esame a scuola, il giorno dopo, ed essere la figlia di un presidente in partenza non la autorizzava a rimandarlo: saluterà un'altra volta. Fare i genitori è una gara, sì. Eccome. L'hanno vinta gli Obama.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda