Eva Amurri e le madri da competizione

Essere genitori è una gara furiosa e sistematica: dall'asilo all'università c'è sempre una madre migliore di te

Più Popolare

Cara Eva,

certo che non è stata colpa tua.

Ma siccome di mestiere fai la mamma online, quando in nome del principio di condivisione universale hai raccontato di come la tata che si occupava di tuo figlio neonato una notte invece si è appisolata facendolo cadere di testa, e della frattura cranica a seguire – con pianto isterico, corsa in ospedale, 48 ore di controlli «strazianti» – sapevi già che dichiararti in pubblico affranta e traumatizzata non sarebbe bastato. Perché, nonostante il piccoletto ne sia uscito benone – mia nonna direbbe: Santa Pupa – la ragione ultima per cui la gente si impiccia su internet non è sapere: è trovare qualcuno cui dare la colpa.

Advertisement - Continue Reading Below

Pertanto hai incassato la prevedibile dose di insulti scemi – infinite le variazioni sul tema «Se non passassi la giornata a scrivere sul blog, di notte non saresti così stanca da aver bisogno di una tata», ma nessuno che si sia chiesto che scusa avesse quella per dormire sul lavoro – e hai risposto con pazienza misurata: piantàtela, infelici, fare i genitori non è una gara.

Più Popolare

Ecco, Eva. Spiace dover essere io a darti la notizia, ma oltre al giovane infortunato hai pure una bambina di due anni, ed è quindi urgente che tu sappia: fare i genitori è una gara, sì. Eccome. Furiosa e sistematica. Lo capisci quando i ragazzini cominciano ad avere una reputazione sociale, e quella reputazione diventa tua precisa responsabilità. Lo capisci all'asilo, quando ogni golfino smarrito innesca un carteggio di illazioni e specifiche tessili – perché io valgo, almeno quanto il mucchietto di cachemire e seta che serviva a tenere calda la mia creatura (e che voi poveracce avete rubato). Lo capisci a scuola, quando ogni festa comandata termina con la tradizionale lamentala sulla mole di compiti – perché io, oltre a valere, sono appena tornata da Antigua, e adesso ci tocca fare tutto di corsa (o voi siete così scioperate da lasciarli fare i compiti da soli?).

Quando Barack Obama ha tenuto a Chicago il suo ultimo discorso da presidente, in prima fila c'erano Michelle e Malia, ma niente Sasha. «Dov'è Sasha?», ci siamo chieste tutte. Perché non è venuta ad applaudire tanto padre? È malata? Fuggita? Adolescente? E davvero i suoi genitori non sono riusciti a costringerla? Non potevano organizzarsi meglio? Poi Michelle gongolante ha spiegato. Sasha aveva un esame a scuola, il giorno dopo, ed essere la figlia di un presidente in partenza non la autorizzava a rimandarlo: saluterà un'altra volta. Fare i genitori è una gara, sì. Eccome. L'hanno vinta gli Obama.

More from Gioia!:
Femminicidio e libertà delle ragazze
Firme
CONDIVIDI
Femminicidi, le ragazze devono essere libere
L'amore non ordina e non vieta, le ragazze non devono avere padroni
Nessun avevva dubbi su quale fosse la natura della relazione di Katie Holmes e Jamie Foxx, ma dopo quattro anni l'embargo è stato sollevato, e ora possono farsi fotografare in pubblico.
Firme
CONDIVIDI
Katie e Jamie: storia di un amore segreto
Dopo quattro anni di smentite la storia con Jamie Foxx è confermata, ma riuscirà l'amore a sopravvivere all'ufficialità?
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: il potere dell'amore renderà possibile l'integrazione
Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi...
serie-tv-problema-di-coppia-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Le serie tv ora sono un problema di coppia
Le mie amiche si annoiano con Narcos, i mariti si addormentano con Fleabag, ma divani separati mai: cominci con Netflix e poi...
Firme
CONDIVIDI
Figli: fino a che età è giusto mantenerli?
I figli hanno diritto ad essere mantenuti fino a una certa età, i genitori, d'altra parte, a scaricarli dopo una certa età
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, l'agonia dell'ascoltare i racconti delle vacanze altrui
Armati di sorriso standard e tanta pazienza iniziamo a giro antiorario, con telefono per un supporto fotografico, a sentire gli...
Insieme al marito Mark Zuckerberg, Priscilla Chan ha scritto su Facebook una lettera, alla neonata figlia secondogenita, piena di buoni sentimenti e riassumibile in: stai lontana da Facebook
Firme
CONDIVIDI
Cara Priscilla, devi comprare un giardino più grande (per Mark)
O qualunque altra cosa possa servire a tenerlo lontano da Facebook
Bruce Springsteen concerto Broadway
Firme
CONDIVIDI
Quando il desiderio rimane in standby
E poi cerchi di consolarti dicendoti che lo spettacolo di Bruce Springsteen sarà insignificante
Firme
CONDIVIDI
Anche una pacca sul sedere è molestia sessuale
La popstar ha vinto in tribunale contro un dj che l'aveva palpeggiata: anche questo è un abuso, che non può essere accettato o sminuito
Helen Mirren film Paolo Virzì
Firme
CONDIVIDI
Niente «cose da vecchia» per Helen Mirren se il regista è Virzì
L'attrice 71enne recita in Elle & John, film «di malati terminali», e Paolo Virzì le ha spiegato un'ovvietà: si ammalano anche i giovani