Che cos'ha che non va il nome della figlia di Samantha Cristoforetti?

L'astronauta ha partorito una bambina alla fine del 2016 e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù perché di origini arabe: i fondamentalisti de' noantri sono purtroppo in crescita

Come noto, l'immensa Samantha Cristoforetti - aviatrice, ingegnere, astronauta militare, prima italiana negli equipaggi dell'Agenzia spaziale europea, due lauree di quelle da paura, poliglotta e cittadina dei mondi – ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal. O forse no, forse uno dei due nomi è un po' diverso ma nessuno tra i media che hanno diffuso la notizia avrebbe, a quanto pare, verificato.

Advertisement - Continue Reading Below

Nel caso fosse vero, Kelsey Amal starebbe per «coraggiosa speranza», ottimo auspicio per una bambina; ma, anche questo è noto, a parte dell'opinione pubblica il nome non va giù e c'è chi se n'è talmente risentito che ha ritenuto opportuno esprimere il suo dissenso malevolo e arrogante. È un problema? Sì, lo è. Non solo perché scagliarsi contro un nome «di origine araba» è una stupidaggine (un sacco di ordinari e italianissimi cognomi lo sono, talvolta a insaputa di chi li porta). Il fatto inquietante è che, a quanto pare, ci sono connazionali convinti di poter processare una cittadina italiana in quanto non ha dato alla figlia «un nome cristiano». Fondamentalisti de' noantri, purtroppo in crescita. E confusione, tanta confusione, sui fondamentali.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria
Firme
CONDIVIDI
Politica vs stampa: non sparate sul cronista
Tempi duri per la libertà di stampa: dalla Turchia agli Usa, fino all'Italia, i politici forzano la mano sui giornalisti
Firme
CONDIVIDI
Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè
I ragazzi di oggi, rivela il Censis, di sesso ne sanno, ma il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e...