Che cos'ha che non va il nome della figlia di Samantha Cristoforetti?

L'astronauta ha partorito una bambina alla fine del 2016 e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù perché di origini arabe: i fondamentalisti de' noantri sono purtroppo in crescita

Come noto, l'immensa Samantha Cristoforetti - aviatrice, ingegnere, astronauta militare, prima italiana negli equipaggi dell'Agenzia spaziale europea, due lauree di quelle da paura, poliglotta e cittadina dei mondi – ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal. O forse no, forse uno dei due nomi è un po' diverso ma nessuno tra i media che hanno diffuso la notizia avrebbe, a quanto pare, verificato.

Advertisement - Continue Reading Below

Nel caso fosse vero, Kelsey Amal starebbe per «coraggiosa speranza», ottimo auspicio per una bambina; ma, anche questo è noto, a parte dell'opinione pubblica il nome non va giù e c'è chi se n'è talmente risentito che ha ritenuto opportuno esprimere il suo dissenso malevolo e arrogante. È un problema? Sì, lo è. Non solo perché scagliarsi contro un nome «di origine araba» è una stupidaggine (un sacco di ordinari e italianissimi cognomi lo sono, talvolta a insaputa di chi li porta). Il fatto inquietante è che, a quanto pare, ci sono connazionali convinti di poter processare una cittadina italiana in quanto non ha dato alla figlia «un nome cristiano». Fondamentalisti de' noantri, purtroppo in crescita. E confusione, tanta confusione, sui fondamentali.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda