Gwyneth Paltrow, aiutami a fare ginnastica in casa prima di Natale

I programmi di fitness casalingo sono tornati di moda, come negli anni 80, anche grazie all'attrice americana e alla sua allenatrice

Più Popolare

Cara Gwyneth Paltrow,

proteggimi dal Natale.

Solo tu puoi. Perché tra i vantaggi offerti all'umanità dalla tua presenza sul pianeta non c'e soltanto la diffusione del disaccoppiamento consapevole e del cavolo riccio – entrambe pratiche utili sotto le feste. Pure l'abitudine che ho preso di zompettare scoordinata (quasi) ogni mattina tra il primo e il secondo caffè è merito tuo. E della tua amica pazza e/o spietata allenatrice Tracy Anderson. La quale, non contenta di aver convertito al suo maiuscolo Metodo molteplici sventole hollywoodiane – che hanno almeno la scusa di un red carpet ogni tanto – ha pubblicato dvd a dozzine per indurre le comuni chiattone a pensare di avere muscoli ancora vivi sotto la pellancica.

Advertisement - Continue Reading Below

Noi ci abbiamo creduto. Io e le mie amiche chiattone, dico. Insieme a milioni di insospettabili invasate che hanno una cartellina sul computer piena di video dai nomi estenuanti – Walk it off! Banish Fat! Belly Blast! – e aspettano di rimanere sole in casa per vedere se in 60 giorni qualcosa di miracoloso può succedere (spoiler: e chi lo sa, non ho mai fatto 60 giorni di seguito). Cercando il mezzo gaudio, ho altresì scoperto che il fitness casalingo è tornato di moda. Come le nostre mamme negli anni Ottanta con le videocassette di Jane Fonda, ma senza gli scaldamuscoli fluo.

Più Popolare

Non sono tutte seguaci del sacro Metodo, Gwyneth, devi scusarle. Ci sono quelle che camminano sul posto e battono le mani, quelle che esercitano tutti i muscoli senza mai alzarsi dalla sedia, quelle che si sentono soldati di Sparta prima della battaglia e quelle che da piccole volevano diventare étoile del Bolshoi – io! io! io! – e quando hanno letto che gli angeli si preparano alla sfilata di Victoria's Secret con gli esercizi di Ballet BeautifulMary Helen Bowers te la ricordi? Allenava Natalie Portman sul set de Il cigno nero – sono uscite di corsa a comprare mutande col pizzo.

Io e le mie amiche chiattone abbiamo pure una chat motivazionale su Whatsapp. A parte la volta in cui ci siamo messe a provare ricette di gnocco fritto, devo dire che funziona. Di solito così: io dichiaro che piuttosto che muoverle mi taglierei le gambe, tutt'e due; la saputella di turno mi spiega che sbaglio, perché sono all'inizio: il movimento è come una droga, le endorfine danno dipendenza, vedrai ti piacerà. Allora mi indispettisco – le mie endorfine sono rotte: a me non è mai piaciuto fare niente – e saltello mezz'ora solo per il gusto di tornare lì a scriverle: visto? L'ho fatto e sono di pessimo umore, esattamente come prima. Non serve a niente, passami una fetta di panettone.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica