Gwyneth Paltrow, aiutami a fare ginnastica in casa prima di Natale

I programmi di fitness casalingo sono tornati di moda, come negli anni 80, anche grazie all'attrice americana e alla sua allenatrice

Più Popolare

Cara Gwyneth Paltrow,

proteggimi dal Natale.

Solo tu puoi. Perché tra i vantaggi offerti all'umanità dalla tua presenza sul pianeta non c'e soltanto la diffusione del disaccoppiamento consapevole e del cavolo riccio – entrambe pratiche utili sotto le feste. Pure l'abitudine che ho preso di zompettare scoordinata (quasi) ogni mattina tra il primo e il secondo caffè è merito tuo. E della tua amica pazza e/o spietata allenatrice Tracy Anderson. La quale, non contenta di aver convertito al suo maiuscolo Metodo molteplici sventole hollywoodiane – che hanno almeno la scusa di un red carpet ogni tanto – ha pubblicato dvd a dozzine per indurre le comuni chiattone a pensare di avere muscoli ancora vivi sotto la pellancica.

Advertisement - Continue Reading Below

Noi ci abbiamo creduto. Io e le mie amiche chiattone, dico. Insieme a milioni di insospettabili invasate che hanno una cartellina sul computer piena di video dai nomi estenuanti – Walk it off! Banish Fat! Belly Blast! – e aspettano di rimanere sole in casa per vedere se in 60 giorni qualcosa di miracoloso può succedere (spoiler: e chi lo sa, non ho mai fatto 60 giorni di seguito). Cercando il mezzo gaudio, ho altresì scoperto che il fitness casalingo è tornato di moda. Come le nostre mamme negli anni Ottanta con le videocassette di Jane Fonda, ma senza gli scaldamuscoli fluo.

Più Popolare

Non sono tutte seguaci del sacro Metodo, Gwyneth, devi scusarle. Ci sono quelle che camminano sul posto e battono le mani, quelle che esercitano tutti i muscoli senza mai alzarsi dalla sedia, quelle che si sentono soldati di Sparta prima della battaglia e quelle che da piccole volevano diventare étoile del Bolshoi – io! io! io! – e quando hanno letto che gli angeli si preparano alla sfilata di Victoria's Secret con gli esercizi di Ballet BeautifulMary Helen Bowers te la ricordi? Allenava Natalie Portman sul set de Il cigno nero – sono uscite di corsa a comprare mutande col pizzo.

Io e le mie amiche chiattone abbiamo pure una chat motivazionale su Whatsapp. A parte la volta in cui ci siamo messe a provare ricette di gnocco fritto, devo dire che funziona. Di solito così: io dichiaro che piuttosto che muoverle mi taglierei le gambe, tutt'e due; la saputella di turno mi spiega che sbaglio, perché sono all'inizio: il movimento è come una droga, le endorfine danno dipendenza, vedrai ti piacerà. Allora mi indispettisco – le mie endorfine sono rotte: a me non è mai piaciuto fare niente – e saltello mezz'ora solo per il gusto di tornare lì a scriverle: visto? L'ho fatto e sono di pessimo umore, esattamente come prima. Non serve a niente, passami una fetta di panettone.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia