Gwyneth Paltrow, aiutami a fare ginnastica in casa prima di Natale

I programmi di fitness casalingo sono tornati di moda, come negli anni 80, anche grazie all'attrice americana e alla sua allenatrice

Più Popolare

Cara Gwyneth Paltrow,

proteggimi dal Natale.

Solo tu puoi. Perché tra i vantaggi offerti all'umanità dalla tua presenza sul pianeta non c'e soltanto la diffusione del disaccoppiamento consapevole e del cavolo riccio – entrambe pratiche utili sotto le feste. Pure l'abitudine che ho preso di zompettare scoordinata (quasi) ogni mattina tra il primo e il secondo caffè è merito tuo. E della tua amica pazza e/o spietata allenatrice Tracy Anderson. La quale, non contenta di aver convertito al suo maiuscolo Metodo molteplici sventole hollywoodiane – che hanno almeno la scusa di un red carpet ogni tanto – ha pubblicato dvd a dozzine per indurre le comuni chiattone a pensare di avere muscoli ancora vivi sotto la pellancica.

Advertisement - Continue Reading Below

Noi ci abbiamo creduto. Io e le mie amiche chiattone, dico. Insieme a milioni di insospettabili invasate che hanno una cartellina sul computer piena di video dai nomi estenuanti – Walk it off! Banish Fat! Belly Blast! – e aspettano di rimanere sole in casa per vedere se in 60 giorni qualcosa di miracoloso può succedere (spoiler: e chi lo sa, non ho mai fatto 60 giorni di seguito). Cercando il mezzo gaudio, ho altresì scoperto che il fitness casalingo è tornato di moda. Come le nostre mamme negli anni Ottanta con le videocassette di Jane Fonda, ma senza gli scaldamuscoli fluo.

Più Popolare

Non sono tutte seguaci del sacro Metodo, Gwyneth, devi scusarle. Ci sono quelle che camminano sul posto e battono le mani, quelle che esercitano tutti i muscoli senza mai alzarsi dalla sedia, quelle che si sentono soldati di Sparta prima della battaglia e quelle che da piccole volevano diventare étoile del Bolshoi – io! io! io! – e quando hanno letto che gli angeli si preparano alla sfilata di Victoria's Secret con gli esercizi di Ballet BeautifulMary Helen Bowers te la ricordi? Allenava Natalie Portman sul set de Il cigno nero – sono uscite di corsa a comprare mutande col pizzo.

Io e le mie amiche chiattone abbiamo pure una chat motivazionale su Whatsapp. A parte la volta in cui ci siamo messe a provare ricette di gnocco fritto, devo dire che funziona. Di solito così: io dichiaro che piuttosto che muoverle mi taglierei le gambe, tutt'e due; la saputella di turno mi spiega che sbaglio, perché sono all'inizio: il movimento è come una droga, le endorfine danno dipendenza, vedrai ti piacerà. Allora mi indispettisco – le mie endorfine sono rotte: a me non è mai piaciuto fare niente – e saltello mezz'ora solo per il gusto di tornare lì a scriverle: visto? L'ho fatto e sono di pessimo umore, esattamente come prima. Non serve a niente, passami una fetta di panettone.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda