Omicidio Luca Varani: il commento di Corrado Formigli

La morte del giovane per mano di due depravati che volevano vedere l'effetto che fa, ha scatenato le analisi sui giornali e in tv: tutti a chiedersi perché, ma non c'è nessun perché​

Per una settimana le cronache ci sono andate giù dure.Descrizioni minuziose, ricostruzioni pedisseque. Dello strazio di Luca Varani non ci è stato risparmiato nulla. Il martello, il punteruolo, i video stupri sul telefonino. La cocaina, le parrucche, i tacchi a spillo. Manuel Foffo e Marco Prato, travestiti per uccidere.  Per la prima volta, nonostante il cinismo da giornalista esperto, non sono riuscito a terminare la lettura degli articoli. Una morbosità così appiccicosa non la leggevo da anni.  Roba da farti venire il complesso del guardone.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma che cosa è successo veramente col delitto del Collatino? Che la violenza assoluta e perversa è diventata il giusto paradigma dei tempi, il simbolo facile del vuoto di valori. Il pretesto per diagnosi strampalate. E allora giù con l'analisi, la sociologia, le dispute su Family day e pianeta gay. Sono andate fortissimo le discettazioni sulla repressione della cultura gender, l'inadeguatezza dei padri, il vuoto della politica. Tutti alla ricerca di un perché. Perché ci si chiude tre giorni in una stanza con 25 grammi di cocaina? Come si fa a dormire abbracciati accanto a un ragazzo che sta morendo? Vuoi vedere che dietro la violenza c'è un rifiuto paterno? Quante balle abbiamo letto e ascoltato su Foffo e Prato. Quante ricerche inutili di un perché. Non c'è un perché, non c'è. 

Più Popolare

In American psycho, romanzo folle e bellissimo di Bret Easton Ellis, il male ha l'aspetto di un giovane yuppie newyorchese anni Ottanta ben vestito e accessoriato, razza bianca e conto a sei cifre. Qui al Collatino, di due ragazzi integrati e benestanti, ossessionati dalla coca, dal sesso estremo e dai selfie in canotta. Senza la traccia di un disagio patito, un danno subito, una rivoluzione fallita.  Niente di niente. Né amore né odio. Solo l'attrazione irresistibile e nichilista per la droga, i suoi effetti, le sue perversioni. Per l'affermazione totale di sé. E tutto intorno, noia. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna