Omicidio Luca Varani: il commento di Corrado Formigli

La morte del giovane per mano di due depravati che volevano vedere l'effetto che fa, ha scatenato le analisi sui giornali e in tv: tutti a chiedersi perché, ma non c'è nessun perché​

Per una settimana le cronache ci sono andate giù dure.Descrizioni minuziose, ricostruzioni pedisseque. Dello strazio di Luca Varani non ci è stato risparmiato nulla. Il martello, il punteruolo, i video stupri sul telefonino. La cocaina, le parrucche, i tacchi a spillo. Manuel Foffo e Marco Prato, travestiti per uccidere.  Per la prima volta, nonostante il cinismo da giornalista esperto, non sono riuscito a terminare la lettura degli articoli. Una morbosità così appiccicosa non la leggevo da anni.  Roba da farti venire il complesso del guardone.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma che cosa è successo veramente col delitto del Collatino? Che la violenza assoluta e perversa è diventata il giusto paradigma dei tempi, il simbolo facile del vuoto di valori. Il pretesto per diagnosi strampalate. E allora giù con l'analisi, la sociologia, le dispute su Family day e pianeta gay. Sono andate fortissimo le discettazioni sulla repressione della cultura gender, l'inadeguatezza dei padri, il vuoto della politica. Tutti alla ricerca di un perché. Perché ci si chiude tre giorni in una stanza con 25 grammi di cocaina? Come si fa a dormire abbracciati accanto a un ragazzo che sta morendo? Vuoi vedere che dietro la violenza c'è un rifiuto paterno? Quante balle abbiamo letto e ascoltato su Foffo e Prato. Quante ricerche inutili di un perché. Non c'è un perché, non c'è. 

Più Popolare

In American psycho, romanzo folle e bellissimo di Bret Easton Ellis, il male ha l'aspetto di un giovane yuppie newyorchese anni Ottanta ben vestito e accessoriato, razza bianca e conto a sei cifre. Qui al Collatino, di due ragazzi integrati e benestanti, ossessionati dalla coca, dal sesso estremo e dai selfie in canotta. Senza la traccia di un disagio patito, un danno subito, una rivoluzione fallita.  Niente di niente. Né amore né odio. Solo l'attrazione irresistibile e nichilista per la droga, i suoi effetti, le sue perversioni. Per l'affermazione totale di sé. E tutto intorno, noia. 

More from Gioia!:
compiti-delle-vacanze-estive-ozio
Firme
CONDIVIDI
Perché l'ozio è il miglior compito delle vacanze
Perché se non hai più spazi vuoti, quand'è che trovi il tempo per la libertà, la memoria, i desideri, il sogno?
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità