Omicidio Luca Varani: il commento di Corrado Formigli

La morte del giovane per mano di due depravati che volevano vedere l'effetto che fa, ha scatenato le analisi sui giornali e in tv: tutti a chiedersi perché, ma non c'è nessun perché​

Per una settimana le cronache ci sono andate giù dure.Descrizioni minuziose, ricostruzioni pedisseque. Dello strazio di Luca Varani non ci è stato risparmiato nulla. Il martello, il punteruolo, i video stupri sul telefonino. La cocaina, le parrucche, i tacchi a spillo. Manuel Foffo e Marco Prato, travestiti per uccidere.  Per la prima volta, nonostante il cinismo da giornalista esperto, non sono riuscito a terminare la lettura degli articoli. Una morbosità così appiccicosa non la leggevo da anni.  Roba da farti venire il complesso del guardone.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma che cosa è successo veramente col delitto del Collatino? Che la violenza assoluta e perversa è diventata il giusto paradigma dei tempi, il simbolo facile del vuoto di valori. Il pretesto per diagnosi strampalate. E allora giù con l'analisi, la sociologia, le dispute su Family day e pianeta gay. Sono andate fortissimo le discettazioni sulla repressione della cultura gender, l'inadeguatezza dei padri, il vuoto della politica. Tutti alla ricerca di un perché. Perché ci si chiude tre giorni in una stanza con 25 grammi di cocaina? Come si fa a dormire abbracciati accanto a un ragazzo che sta morendo? Vuoi vedere che dietro la violenza c'è un rifiuto paterno? Quante balle abbiamo letto e ascoltato su Foffo e Prato. Quante ricerche inutili di un perché. Non c'è un perché, non c'è. 

Più Popolare

In American psycho, romanzo folle e bellissimo di Bret Easton Ellis, il male ha l'aspetto di un giovane yuppie newyorchese anni Ottanta ben vestito e accessoriato, razza bianca e conto a sei cifre. Qui al Collatino, di due ragazzi integrati e benestanti, ossessionati dalla coca, dal sesso estremo e dai selfie in canotta. Senza la traccia di un disagio patito, un danno subito, una rivoluzione fallita.  Niente di niente. Né amore né odio. Solo l'attrazione irresistibile e nichilista per la droga, i suoi effetti, le sue perversioni. Per l'affermazione totale di sé. E tutto intorno, noia. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Rose McGowan ovvero la donna che per prima ha dato il via allo scandalo delle molestie a Hollywood
Esce in Italia il libro dell'attrice che con la sua denuncia ha dato il via allo scandalo delle molestie di Hollywood
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori