Kim Kardashian, il 2016 che anno difficile!

Dopo la rapina di Parigi la socialite californiana stava provando a ricostruire una vita normale, ma il marito si è fatto venire un attacco psicotico

Più Popolare

Cara Kim Kardashian,

anche il 2016 passerà.

È stato un anno disgraziato, e l'indispensabile accessorio di stagione è l'aria distrutta con cui si dichiara di non poterne più. E pure se hai motivi più validi di molte di noi, il concetto dei ricchi che piangono è credibile soltanto alla tv. Che ingiustizia.

All'inizio di ottobre sei stata rapinata da certi ladri di Parigi che hanno portato via sacchetti di gioielli per sei milioni di euro, e soprattutto: l'instancabile sfrontatezza del tuo esibizionismo. «Il mio primo pensiero è stato: è la fine di un sogno», ha detto un paparazzo francese a nome della categoria.

Advertisement - Continue Reading Below

This guy is always in my shot!

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

Più Popolare

L'indagine sul caso – o come lo chiami tu: «Un'esperienza di pre-morte» – è ancora aperta, ma intrepida la settimana scorsa avevi cominciato a ricostruire una qual normalità, in aereo verso il primo impegno ufficiale, quando Kanye si è fatto venire una crisi di nervi. I mariti sono così: se si sentono usurpati del loro diritto al lamento – «Mi sono alzata alle sei, sono andata a farmi cavare un dente, mi hanno scippato all'ingresso della metropolitana, sono tornata a piedi sotto il diluvio, e tu sei stanco?» – i poverini danno di matto.

Kanye ha fatto le cose in grande: ha pubblicamente insultato Beyoncé, ha interrotto quel che rimaneva del suo tour mondiale, ha dichiarato di sentirsi «sotto attacco spirituale», ed è stato portato in manette all'ospedale di Los Angeles. Esaurimento, si dice in questi casi. Oppure: mancanza cronica di sonno. Ma c'è chi sostiene fosse abituato a confidare nel tuo senso della realtà e, quando hai avuto gli affari tuoi di cui occuparti, lui è andato in pezzi. Vorrai mica che un maschio adulto sappia badare a se stesso.

💥📸💥

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

Forse l'universo sta cercando di dirti qualcosa, Kim. Vedi, io ero come te. Certo: più povera, ma l'ingordigia è solo marginalmente funzione del patrimonio. Io compravo pantaloni a mazzi di cinque da Zara, tu dozzine di abiti da Balmain, ma alla fine abbiamo entrambe più roba di quanta se ne possa indossare. Poi io sono cambiata. È successo quando in aeroporto mi hanno perso il bagaglio, e ho vissuto dieci giorni in mezzo al nulla dotata solo di: un paio di pantaloni; quattro magliette; due golfini. Sembravo una di quelle invasate che fanno le prove di forza col guardaroba, ma sono sopravvissuta. E ho maturato una consapevolezza ascetica: eliminare gratifica più di accumulare.

Il 2016 sta per finire (grazie al cielo, sono distrutta) e bisogna fare propositi per l'anno nuovo. Primo: bandire il superfluo. Non temere, puoi tenere tutti i tuoi vestiti. Ma per cortesia, butta quel marito.

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali