Kim Kardashian, il 2016 che anno difficile!

Dopo la rapina di Parigi la socialite californiana stava provando a ricostruire una vita normale, ma il marito si è fatto venire un attacco psicotico

Più Popolare

Cara Kim Kardashian,

anche il 2016 passerà.

È stato un anno disgraziato, e l'indispensabile accessorio di stagione è l'aria distrutta con cui si dichiara di non poterne più. E pure se hai motivi più validi di molte di noi, il concetto dei ricchi che piangono è credibile soltanto alla tv. Che ingiustizia.

All'inizio di ottobre sei stata rapinata da certi ladri di Parigi che hanno portato via sacchetti di gioielli per sei milioni di euro, e soprattutto: l'instancabile sfrontatezza del tuo esibizionismo. «Il mio primo pensiero è stato: è la fine di un sogno», ha detto un paparazzo francese a nome della categoria.

Advertisement - Continue Reading Below

This guy is always in my shot!

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

Più Popolare

L'indagine sul caso – o come lo chiami tu: «Un'esperienza di pre-morte» – è ancora aperta, ma intrepida la settimana scorsa avevi cominciato a ricostruire una qual normalità, in aereo verso il primo impegno ufficiale, quando Kanye si è fatto venire una crisi di nervi. I mariti sono così: se si sentono usurpati del loro diritto al lamento – «Mi sono alzata alle sei, sono andata a farmi cavare un dente, mi hanno scippato all'ingresso della metropolitana, sono tornata a piedi sotto il diluvio, e tu sei stanco?» – i poverini danno di matto.

Kanye ha fatto le cose in grande: ha pubblicamente insultato Beyoncé, ha interrotto quel che rimaneva del suo tour mondiale, ha dichiarato di sentirsi «sotto attacco spirituale», ed è stato portato in manette all'ospedale di Los Angeles. Esaurimento, si dice in questi casi. Oppure: mancanza cronica di sonno. Ma c'è chi sostiene fosse abituato a confidare nel tuo senso della realtà e, quando hai avuto gli affari tuoi di cui occuparti, lui è andato in pezzi. Vorrai mica che un maschio adulto sappia badare a se stesso.

💥📸💥

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

Forse l'universo sta cercando di dirti qualcosa, Kim. Vedi, io ero come te. Certo: più povera, ma l'ingordigia è solo marginalmente funzione del patrimonio. Io compravo pantaloni a mazzi di cinque da Zara, tu dozzine di abiti da Balmain, ma alla fine abbiamo entrambe più roba di quanta se ne possa indossare. Poi io sono cambiata. È successo quando in aeroporto mi hanno perso il bagaglio, e ho vissuto dieci giorni in mezzo al nulla dotata solo di: un paio di pantaloni; quattro magliette; due golfini. Sembravo una di quelle invasate che fanno le prove di forza col guardaroba, ma sono sopravvissuta. E ho maturato una consapevolezza ascetica: eliminare gratifica più di accumulare.

Il 2016 sta per finire (grazie al cielo, sono distrutta) e bisogna fare propositi per l'anno nuovo. Primo: bandire il superfluo. Non temere, puoi tenere tutti i tuoi vestiti. Ma per cortesia, butta quel marito.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della vioneza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando