Fidel Castro, per la sua morte nessuno deve esultare

Fidel Castro ha oppresso i suoi oppositori e negato libertà ai cubani, ma chi lo condanna non deve dimenticare i terribili dittatori che ricevono ancora l'appoggio dell'Occidente, come Al Sisi in Egitto o di Assad in Siria

Fidel Castro era un dittatore, spesso brutale. Ma il fatto che la sua rivoluzione comunista abbia rovesciato un regime dispotico filoamericano, quello di Batista, ne ha alimentato il mito. Il suo regime ha incarcerato oppositori politici, impedito la libertà di parola, imposto il culto della personalità. Calpestato con la polizia segreta il sogno apparente di un'utopia autarchica ed egualitaria. Eppure milioni di persone lo considerano il comandante coraggioso che per decenni ha tenuto a bada la più grande potenza del mondo che pure distava poche miglia dalle sue coste e più volte aveva tentato di rovesciarlo.

Advertisement - Continue Reading Below

Qualche risultato Fidel lo ha certo ottenuto. Scuola e sanità di buona qualità per tutti, mortalità infantile molto più bassa rispetto alle fragili e corrotte democrazie caraibiche e centroamericane. Il regista Michael Moore, nel film Sicko, dedicato all'iniquo sistema sanitario americana (solo Obama ha provato, con risultati controversi, a correggerlo), gira una sequenza scandalosa nella quale immagina vecchi americani malati imbarcarsi per L'Avana nella speranza di ottenere cure gratuite. Il mito della sanità cubana ha retto fino a oggi, consentendo allo stesso Fidel Castro di sopravvivere a lungo a una terribile malattia. E la popolazione, pur oppressa, non ha mai smesso di sentirsi una comunità.

Più Popolare

Insomma, condanniamo pure il Castro dittatore. Ma chi oggi esulta per la sua morte, come lo sguaiato Donald Trump, farebbe bene a condannare tutti gli altri terribili autocrati che sosteniamo. Come Al Sisi in Egitto e i reali sauditi, i cui petrodollari non ci stanchiamo di accogliere. O come il regime di Pechino, che incarcera migliaia di cinesi ogni anno. Per non parlare di Assad, il macellaio di Damasco che bombarda i civili col muto consenso dei leader d'Occidente. Ma l'indignazione, si sa, nelle democrazie occidentali va quasi sempre a braccetto con la convenienza.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
matteo-maffucci-foto-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città di tutti
Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano non si placherà mai: per esempio, che scoperta la metro!
Firme
CONDIVIDI
«Una notte con uno più giovane, senza rimpianti»
«Dopo due matrimoni falliti va più che bene il carpe diem», senza recriminazioni: l'eco della tua serata arriva limpida e spavalda!