Fidel Castro, per la sua morte nessuno deve esultare

Fidel Castro ha oppresso i suoi oppositori e negato libertà ai cubani, ma chi lo condanna non deve dimenticare i terribili dittatori che ricevono ancora l'appoggio dell'Occidente, come Al Sisi in Egitto o di Assad in Siria

Fidel Castro era un dittatore, spesso brutale. Ma il fatto che la sua rivoluzione comunista abbia rovesciato un regime dispotico filoamericano, quello di Batista, ne ha alimentato il mito. Il suo regime ha incarcerato oppositori politici, impedito la libertà di parola, imposto il culto della personalità. Calpestato con la polizia segreta il sogno apparente di un'utopia autarchica ed egualitaria. Eppure milioni di persone lo considerano il comandante coraggioso che per decenni ha tenuto a bada la più grande potenza del mondo che pure distava poche miglia dalle sue coste e più volte aveva tentato di rovesciarlo.

Advertisement - Continue Reading Below

Qualche risultato Fidel lo ha certo ottenuto. Scuola e sanità di buona qualità per tutti, mortalità infantile molto più bassa rispetto alle fragili e corrotte democrazie caraibiche e centroamericane. Il regista Michael Moore, nel film Sicko, dedicato all'iniquo sistema sanitario americana (solo Obama ha provato, con risultati controversi, a correggerlo), gira una sequenza scandalosa nella quale immagina vecchi americani malati imbarcarsi per L'Avana nella speranza di ottenere cure gratuite. Il mito della sanità cubana ha retto fino a oggi, consentendo allo stesso Fidel Castro di sopravvivere a lungo a una terribile malattia. E la popolazione, pur oppressa, non ha mai smesso di sentirsi una comunità.

Più Popolare

Insomma, condanniamo pure il Castro dittatore. Ma chi oggi esulta per la sua morte, come lo sguaiato Donald Trump, farebbe bene a condannare tutti gli altri terribili autocrati che sosteniamo. Come Al Sisi in Egitto e i reali sauditi, i cui petrodollari non ci stanchiamo di accogliere. O come il regime di Pechino, che incarcera migliaia di cinesi ogni anno. Per non parlare di Assad, il macellaio di Damasco che bombarda i civili col muto consenso dei leader d'Occidente. Ma l'indignazione, si sa, nelle democrazie occidentali va quasi sempre a braccetto con la convenienza.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda