Fidel Castro, per la sua morte nessuno deve esultare

Fidel Castro ha oppresso i suoi oppositori e negato libertà ai cubani, ma chi lo condanna non deve dimenticare i terribili dittatori che ricevono ancora l'appoggio dell'Occidente, come Al Sisi in Egitto o di Assad in Siria

Fidel Castro era un dittatore, spesso brutale. Ma il fatto che la sua rivoluzione comunista abbia rovesciato un regime dispotico filoamericano, quello di Batista, ne ha alimentato il mito. Il suo regime ha incarcerato oppositori politici, impedito la libertà di parola, imposto il culto della personalità. Calpestato con la polizia segreta il sogno apparente di un'utopia autarchica ed egualitaria. Eppure milioni di persone lo considerano il comandante coraggioso che per decenni ha tenuto a bada la più grande potenza del mondo che pure distava poche miglia dalle sue coste e più volte aveva tentato di rovesciarlo.

Advertisement - Continue Reading Below

Qualche risultato Fidel lo ha certo ottenuto. Scuola e sanità di buona qualità per tutti, mortalità infantile molto più bassa rispetto alle fragili e corrotte democrazie caraibiche e centroamericane. Il regista Michael Moore, nel film Sicko, dedicato all'iniquo sistema sanitario americana (solo Obama ha provato, con risultati controversi, a correggerlo), gira una sequenza scandalosa nella quale immagina vecchi americani malati imbarcarsi per L'Avana nella speranza di ottenere cure gratuite. Il mito della sanità cubana ha retto fino a oggi, consentendo allo stesso Fidel Castro di sopravvivere a lungo a una terribile malattia. E la popolazione, pur oppressa, non ha mai smesso di sentirsi una comunità.

Più Popolare

Insomma, condanniamo pure il Castro dittatore. Ma chi oggi esulta per la sua morte, come lo sguaiato Donald Trump, farebbe bene a condannare tutti gli altri terribili autocrati che sosteniamo. Come Al Sisi in Egitto e i reali sauditi, i cui petrodollari non ci stanchiamo di accogliere. O come il regime di Pechino, che incarcera migliaia di cinesi ogni anno. Per non parlare di Assad, il macellaio di Damasco che bombarda i civili col muto consenso dei leader d'Occidente. Ma l'indignazione, si sa, nelle democrazie occidentali va quasi sempre a braccetto con la convenienza.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Ma Beppe Grillo è contro o pro l'Europa?
Il Movimento 5 stelle ha cercato l'alleanza con gli europeisti dell'Alde, ma si è beccato un bel rifiuto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi piacciono le vite degli altri
Io quando entro in un salotto guardo dettagli. Dove sono tutti i telecomandi? La tv? La poltrona sarà comoda?
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio