Cara Elisabetta, grazie di esistere

Lettera alla regina d'Inghilterra in occasione di The Crown, la serie Netflix dedicata ai sessant'anni di regno: finalmente un'eroina vera

Più Popolare

Cara Elisabettagrazie di esistere, sua maestà.

Dal vivo, per le numerose ragioni che abbiamo passato gli ultimi mesi a elencare – 90 anni di vita, 60 di regno, due guerre mondiali, cinque pronipoti e un Twitter – e adesso anche in televisione: «Un altro esempio della velocità alla quale le cose cambiano intorno a noi», dicevi nel primo discorso di Natale trasmesso in diretta dalla libreria di casa tua a Sandringham. Era il 1957, e pensavi non fosse possibile concedere ai sudditi più confidenza di così.

Advertisement - Continue Reading Below

Dal 4 novembre è disponibile su Netflix – una diavoleria di sceneggiati su richiesta – The Crown, la serie che racconta (per ora, ma sono previste sei stagioni) i primi dieci anni di regno come fosse una saga familiare. «Toglieremo la maschera alla famiglia reale: li vedrete umani e vulnerabili», ha promesso Matt Smith (quello che fa il principe Filippo). Dicono che da Buckingham Palace abbiate manifestato una qual preoccupata curiosità, e che la produzione abbia provato a ottenere una benedizione ufficiale, ma figuriamoci. Dicono pure che guardavi Downton Abbey segnando tutti gli errori storici, quindi forse i più preoccupati sono loro.

Più Popolare

In ogni caso: grazie, Betty. Finalmente una serie che racconta le avventure di una supereroina autentica. Sono tempi televisivamente disperanti: siccome da anni ci ripetono che è questa l'arte della contemporaneità; siccome tutti sono convinti di essere titolati alla critica sociale; siccome abbiamo smesso di andare al cinema – con questa pioggia, poi – ma non di volerci sentire intelligenti, ci toccano soltanto storie densissime e cupissime e con almeno mezza dozzina di livelli di lettura. Di quelle che se non ti piacciano è perché non le capisci (in The Walking Dead i veri mostri sono gli uomini? Rivoluzionario!). Di quelle che se ti appisoli due volte di seguito sei persa per sempre (infatti io Westworld lo guardo solo di mattina). Di quelle che le sceneggiature audaci si riconoscono dal numero di morti ammazzati (e no, Il trono di spade non è un volgare fantasy: ci sono i draghi, ma vuoi mettere la dinamica politica). Zang-tumb-zang-tuuum-tuuumb. Splat.

Non voglio dirvi come sarà questo The Crown. Ma certo come come non sarà: niente apocalissi, niente replicanti, niente draghi. Niente attoroni di Hollywood venuti a riscuotere la candidatura agli Emmy. Mi aspetto cani, cavalli, moltissimi gioielli, e un numero precocemente diagnosticabile di morti e feriti. Niente distopie, qualche parata. E soprattutto: nessun mistero, vinci sempre tu. I finali a sorpresa sono per chi ha svolgimenti senza fantasia.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?