Cara Elisabetta, grazie di esistere

Lettera alla regina d'Inghilterra in occasione di The Crown, la serie Netflix dedicata ai sessant'anni di regno: finalmente un'eroina vera

Più Popolare

Cara Elisabettagrazie di esistere, sua maestà.

Dal vivo, per le numerose ragioni che abbiamo passato gli ultimi mesi a elencare – 90 anni di vita, 60 di regno, due guerre mondiali, cinque pronipoti e un Twitter – e adesso anche in televisione: «Un altro esempio della velocità alla quale le cose cambiano intorno a noi», dicevi nel primo discorso di Natale trasmesso in diretta dalla libreria di casa tua a Sandringham. Era il 1957, e pensavi non fosse possibile concedere ai sudditi più confidenza di così.

Advertisement - Continue Reading Below

Dal 4 novembre è disponibile su Netflix – una diavoleria di sceneggiati su richiesta – The Crown, la serie che racconta (per ora, ma sono previste sei stagioni) i primi dieci anni di regno come fosse una saga familiare. «Toglieremo la maschera alla famiglia reale: li vedrete umani e vulnerabili», ha promesso Matt Smith (quello che fa il principe Filippo). Dicono che da Buckingham Palace abbiate manifestato una qual preoccupata curiosità, e che la produzione abbia provato a ottenere una benedizione ufficiale, ma figuriamoci. Dicono pure che guardavi Downton Abbey segnando tutti gli errori storici, quindi forse i più preoccupati sono loro.

Più Popolare

In ogni caso: grazie, Betty. Finalmente una serie che racconta le avventure di una supereroina autentica. Sono tempi televisivamente disperanti: siccome da anni ci ripetono che è questa l'arte della contemporaneità; siccome tutti sono convinti di essere titolati alla critica sociale; siccome abbiamo smesso di andare al cinema – con questa pioggia, poi – ma non di volerci sentire intelligenti, ci toccano soltanto storie densissime e cupissime e con almeno mezza dozzina di livelli di lettura. Di quelle che se non ti piacciano è perché non le capisci (in The Walking Dead i veri mostri sono gli uomini? Rivoluzionario!). Di quelle che se ti appisoli due volte di seguito sei persa per sempre (infatti io Westworld lo guardo solo di mattina). Di quelle che le sceneggiature audaci si riconoscono dal numero di morti ammazzati (e no, Il trono di spade non è un volgare fantasy: ci sono i draghi, ma vuoi mettere la dinamica politica). Zang-tumb-zang-tuuum-tuuumb. Splat.

Non voglio dirvi come sarà questo The Crown. Ma certo come come non sarà: niente apocalissi, niente replicanti, niente draghi. Niente attoroni di Hollywood venuti a riscuotere la candidatura agli Emmy. Mi aspetto cani, cavalli, moltissimi gioielli, e un numero precocemente diagnosticabile di morti e feriti. Niente distopie, qualche parata. E soprattutto: nessun mistero, vinci sempre tu. I finali a sorpresa sono per chi ha svolgimenti senza fantasia.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Lui colleziona donne: devo dargliela o no?»
Se lui è un dongiovanni di professione, tu sei una calcolatrice senza fantasia: il vostro è un poker truccato, non vince nessuno!
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada