Cara Elisabetta, grazie di esistere

Lettera alla regina d'Inghilterra in occasione di The Crown, la serie Netflix dedicata ai sessant'anni di regno: finalmente un'eroina vera

Più Popolare

Cara Elisabettagrazie di esistere, sua maestà.

Dal vivo, per le numerose ragioni che abbiamo passato gli ultimi mesi a elencare – 90 anni di vita, 60 di regno, due guerre mondiali, cinque pronipoti e un Twitter – e adesso anche in televisione: «Un altro esempio della velocità alla quale le cose cambiano intorno a noi», dicevi nel primo discorso di Natale trasmesso in diretta dalla libreria di casa tua a Sandringham. Era il 1957, e pensavi non fosse possibile concedere ai sudditi più confidenza di così.

Advertisement - Continue Reading Below

Dal 4 novembre è disponibile su Netflix – una diavoleria di sceneggiati su richiesta – The Crown, la serie che racconta (per ora, ma sono previste sei stagioni) i primi dieci anni di regno come fosse una saga familiare. «Toglieremo la maschera alla famiglia reale: li vedrete umani e vulnerabili», ha promesso Matt Smith (quello che fa il principe Filippo). Dicono che da Buckingham Palace abbiate manifestato una qual preoccupata curiosità, e che la produzione abbia provato a ottenere una benedizione ufficiale, ma figuriamoci. Dicono pure che guardavi Downton Abbey segnando tutti gli errori storici, quindi forse i più preoccupati sono loro.

Più Popolare

In ogni caso: grazie, Betty. Finalmente una serie che racconta le avventure di una supereroina autentica. Sono tempi televisivamente disperanti: siccome da anni ci ripetono che è questa l'arte della contemporaneità; siccome tutti sono convinti di essere titolati alla critica sociale; siccome abbiamo smesso di andare al cinema – con questa pioggia, poi – ma non di volerci sentire intelligenti, ci toccano soltanto storie densissime e cupissime e con almeno mezza dozzina di livelli di lettura. Di quelle che se non ti piacciano è perché non le capisci (in The Walking Dead i veri mostri sono gli uomini? Rivoluzionario!). Di quelle che se ti appisoli due volte di seguito sei persa per sempre (infatti io Westworld lo guardo solo di mattina). Di quelle che le sceneggiature audaci si riconoscono dal numero di morti ammazzati (e no, Il trono di spade non è un volgare fantasy: ci sono i draghi, ma vuoi mettere la dinamica politica). Zang-tumb-zang-tuuum-tuuumb. Splat.

Non voglio dirvi come sarà questo The Crown. Ma certo come come non sarà: niente apocalissi, niente replicanti, niente draghi. Niente attoroni di Hollywood venuti a riscuotere la candidatura agli Emmy. Mi aspetto cani, cavalli, moltissimi gioielli, e un numero precocemente diagnosticabile di morti e feriti. Niente distopie, qualche parata. E soprattutto: nessun mistero, vinci sempre tu. I finali a sorpresa sono per chi ha svolgimenti senza fantasia.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile