Libia, due ostaggi liberi, due morti, ma nessuno sa che cosa è successo davvero

Libia, troppi interrogativi aperti sul sequestro dei quattro tecnici italiani e sul perché due di loro siano morti a fine trattativa

Due vivi e due morti. Non puoi gioire un solo istante per la liberazione e il ritorno a casa di Gino Pollicardo e Filippo Calcagno. Perché, accanto alle loro foto, ci saranno sempre quelle dei colleghi e amici Salvatore Failla e Fausto Piano, assassinati in circostanze ancora misteriose. Potevano, dovevano salvarsi tutti e quattro, perché evidentemente la trattativa era arrivata in porto. Quel che è successo nelle ultime ore è misterioso e inquietante. Le ipotesi sono molteplici e contraddittorie. D'altra parte, i libici che indagano su quel sequestro non si sa bene a che titolo lo facciano: a quale dei vari governi appartengono? A quale tribù, banda o fazione? 

Advertisement - Continue Reading Below

Sabratha, la città che ha tenuto nascosti gli italiani per quasi otto mesi, è un incrocio di contrabbandieri, foreign fighters diretti a Sirte per arruolarsi nell'Isis, rapinatori e predoni. All'Italia, le autorità locali non hanno ancora spiegato neppure se gli ostaggi siano stati uccisi in un blitz dentro un casolare oppure, come appare più probabile da alcune fotografie pubblicate da Piazzapulita su La7, in uno scontro a fuoco fra veicoli nel deserto alle porte della città. Una di quelle foto ritrae il corpo senza vita di un ostaggio italiano adagiato ai piedi di una jeep, presumibilmente quella che lo stava trasportando. Nella foto successiva, la jeep viene data alle fiamme, come a voler subito cancellare eventuali tracce e indizi utili alla ricostruzione dei fatti. 

Più Popolare

Tutte le foto sono scattate in pieno giorno, col sole alto, mentre l'uccisione di Failla e Piano è avvenuta sicuramente di notte. Il tutto ha il sapore schifoso di una messinscena. Nel modo in cui sono stati uccisi questi due lavoratori, costretti a emigrare per trovare il pane, c'è tutta la follia della Libia. E un monito pesante a chi pensa di fare la guerra senza sapere chi dobbiamo combattere. Quel Paese è un immenso deserto di sabbia senza  regole. Pieno di falsi amici e trappole nascoste. Si rischia, se non un Vietnam, un'altra Somalia.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria
Firme
CONDIVIDI
Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè
I ragazzi di oggi, rivela il Censis, di sesso ne sanno, ma il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e...
Firme
CONDIVIDI
La Caporetto della grammatica
I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: gli italiani non sanno più scrivere né parlare
Firme
CONDIVIDI
Sally te lo aveva detto, Donald!
Sally Yates, l'ex procuratrice licenziata con l'accusa di tradimento, aveva provato a spiegare a Trump che il Muslim ban era una boiata