Impariamo da Lena Dunham ad amare il nostro corpo senza l'aiuto di Photoshop

L'attrice è alla testa delle celebrities contrarie alla pubblicazione delle foto ritoccate, perché è importante accettarci, difetti compresi

Più Popolare

Tutta la verità, nient'altro che la verità. Si allarga il fronte delle star che non vogliono più bluffare sul corpo. In principio fu Kate Winslet, diventata star planetaria esibendo bracciotte tornite sotto abitini con maniche a sbuffo nel colossal Titanic. È stata lei la prima a fare outing. Insofferente ai gossip da red carpet, ha sempre dichiarato di ignorare i commenti sul suo peso e chiesto alla casa cosmetica di cui è testimonial di ritrarla così com'è, senza ritocchi al Photoshop. Se avesse dato ascolto a chi da ragazzina le diceva che con quel corpo poteva al massimo ambire a "ruoli da grassa" – ha confessato ai Bafta – oggi non sarebbe lì dov'è, cioè nella top list degli attori più richiesti di Hollywood. 

Advertisement - Continue Reading Below

Lena Dunham, da sempre dura e pura dell'adipe sbandierato (nella serie tv Girls c'è un tale sfoggio di cellulite e carni tremule, che non si può non pensare a una dichiarata rivendicazione sovversiva rispetto al pensiero-normopeso-dominante), è entrata nell'agone a gamba tesa. In un post indirizzato la scorsa settimana al quotidiano spagnolo El Paísha espresso tutto il suo disappunto nel vedersi ritratta in forme ridotte e mendaci. Peccato che quella foto fosse arrivata al giornale proprio così, con l'autorizzazione del fotografo, dell'agenzia e anche del suo publicist: insomma nessuna manipolazione da parte del giornale. Tante scuse, Spagna, «ma è davvero una strana sensazione vedere un'immagine e non sapere se quello è proprio il tuo corpo… Voglio essere onesta riguardo a chi sono», si è giustificata Lena.

Più Popolare

Shailene Woodley, deliziosa attrice 24enne taglia 42, una che non deve nascondere né ciccia né rughe, nell'intervista che ha rilasciato al nostro giornale, ha detto: «Una volta ho visto su una rivista una ragazza che si supponeva fossi io, ma aveva labbra che non erano mie, tette di tre taglie più grandi, pancia scolpita e pelle trasparente. Ecco: io non ho quella pelle e ho pure la pancetta». Se non ce lo avesse detto lei, noi non ce ne saremmo mai accorti. La verità è che ci siamo disabituati ai corpi veri. O assuefatti a quelli finti. Insomma abbiamo perso l'abitudine all'autenticità. E per quanto dichiariamo che non ne possiamo più di modelli perfetti e irraggiungibili, di fatto stigmatizziamo i "portatori sani di difetti". Le over 60 senza aiutino sono anziane signore che "accipicchia, quant'è brutta la vecchiaia"; le XL risolte, autolesioniste senza forza di volontà. 

A inizio febbraio è uscito sul New York Times un interessante pezzo di Sarai Walker, dal titolo: Yes, I'm fat. It's Ok. I said it.  Sarai Walker è una bella ragazza dagli occhi verdi e il corpo rotondo, autrice di un libro, Dietland, in cui rivendica il sacrosanto diritto non solo a essere e restare cicciona – cioè ribellarsi al destino di tutte le taglie oversize che si autoinfliggono una vita di frustrazione sopra una bilancia – ma anche a usare senza imbarazzo la parola fat. Una parola, nota la Walker, trattata come un insulto: «Amore, non dire a quel bambino che è grasso…». Talmente ne abbiamo paura, che pur di non dirla ci aggrappiamo ai sinonimi socialmente accettabili: curvy, morbido, burroso. Il punto è che per accettare "quel" vocabolo e non trovarlo offensivo, bisogna accettare la cosa in sé. E di questo parla il suo romanzo, di una donna sovrappeso che impara ad amare il suo corpo così com'è. «Sono diventata l'involontaria ambasciatrice di questa rivoluzionaria idea che non c'è niente di sbagliato nell'essere grassa e femmina». O secca o rugosa o tappa, più tutte le altre cose che ci fanno sentire fuori sinc rispetto a come dovremmo essere. E femmine, certo.

More from Gioia!:
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award
Cucire lavoro per diventare ricca
Firme
CONDIVIDI
Vuoi essere ricca? Impara a rammendare
Nessuna inchiesta dice che il convento è ben più utile per trovare un'occupazione, perché t'insegnano a cucire
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, cosa ho capito dopo 1 anno in questa città
Milano mi ha cambiato il metabolismo e anche i pensieri, mettendoli tutti in fila, ordinati, uno dietro l'altro, come un domino, come una...