Putin, il padrone del vapore

Spadroneggia in Medio Oriente: fra i capi sulla scena politica non ce n'è uno come lo Zar, sarà lui la grande sfida per Hillary Clinton​, se conquisterà la Casa bianca

Un ex ufficiale del Kgb che piace da impazzire a tutte le destre d'Occidente. È Vladimir Putin, il leader della più grande «democratura» del mondo, neologismo che indica gli Stati autoritari dove la democrazia è la facciata, la dittatura la sostanza. La Russia spadroneggia in Medio Oriente: ad Aleppo, al fianco di Assad, bombarda i ribelli facendo strage della popolazione civile, mentre la sua intelligence sorveglia da vicino l'offensiva contro Mosul, la capitale del califfato nero dell'Isis in Iraq. 

Advertisement - Continue Reading Below

Fra i capi sulla scena, non ce n'è uno come Putin. Obama incarna la figura del presidente riluttante, contrario a ogni avventurismo bellico. Quanto ai presidenti europei, non si può certo dire che la Merkel, Hollande o Juncker abbiano un'immagine tonica e volitiva. In aggiunta, hanno un'opinione pubblica e dei parlamenti ai quali rendere conto. Lo Zar no, e per questo sta vivendo il suo momento d'oro. 

Più Popolare

Mentre in Medio Oriente i suoi jet bombardano città e ospedali, hacker professionisti addestrati a Mosca sono riusciti a svelare le mail segrete
di Hillary Clinton al fine di screditarla agli occhi degli elettori americani e avvantaggiare Donald Trump, amico
del Cremlino. Nel frattempo, in Siria sono morti sotto le bombe 5.200 bambini e nessuno sa come fermare il massacro. 

Putin appare sempre più il padrone del vapore, colui che distribuisce le carte. Sa bene che nell'Europa impaurita dalle ritorsioni energetiche nessuno avrà il coraggio di realizzare un vero embargo contro Mosca. E che le democrazie, oggi, trascorrono la maggior parte del tempo amleticamente davanti allo specchio. Sarà lo Zar la grande sfida per Hillary Clinton, se conquisterà la Casa Bianca.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...