Vietato offendere le madri di famiglia

Le donne che non appartengono a nessun maschio si possono invece insolentire, come dimostrano le frasi sessiste di Trump e tutti gli altri commenti comunemente definiti «da spogliatoio»​: l'opinione di Guia Soncini

Più Popolare

Sulla mia scrivania c'è un foglio con annotate delle idee che potrei voler usare per questa paginetta. Mi sono arresa ad appuntarmele la 150ª volta in cui mi sono resa conto troppo tardi che mi ero dimenticata di scrivere  di una cosa di cui volevo scrivere  (è la versione professionale  di quando mi alzo per andare a prendere qualcosa in un'altra stanza e poi, arrivata lì, mi guardo intorno smarrita: cosa sono venuta di qua a fare?). Su quel foglio, da qualche settimana c'è scritto: «E se una è orfana e zitella?». È una frase che ho scarabocchiato dopo aver letto un po' di reazioni a una storia che qualche settimana fa era su tutti i giornali e i siti: in un reality televisivo, due tizi che non spiccano per eleganza hanno fatto una serie di commenti di quelli che vengono comunemente definiti «da spogliatoio». C'era tutto il repertorio, dalla lista di quelle che ti sei portato a letto (coi nomi, ovviamente tutti noti al pubblico) alle reazioni maschili in caso di tradimento.  Tutti quelli che hanno stigmatizzato l'episodio, ma proprio tutti, l'hanno fatto con la stessa formula: avete offeso delle madri di famiglia. 

Advertisement - Continue Reading Below

Sarà che, come tutti, penso innanzitutto a me; sarà che, pur non avendo mai avuto un padre o un fratello o un marito che mi difendessero dalle prepotenze, mi piacerebbe comunque vedere ufficialmente riconosciuto il mio diritto a essere rispettata; sarà che mi sembra übermaschilista l'idea che, per avere diritto a essere difesa dai maschilismi, tu debba essere annessa a qualche maschio. È tutto un complesso di cose, fatto sta che quel tic da stato di famiglia mi aveva molto irritata. Però poi non ne ho scritto. Ho pensato: magari sono ipersensibile io. Poi c'è stato Trump. E la registrazione di quello che, per giustificarsi, ha definito un discorso da spogliatoio: una conversazione in cui si vantava di saltare addosso alle belle donne, tanto «se sei una star te lo lasciano fare» (che forse non è neanche del tutto falso, ma nella campagna elettorale Usa puoi insultare messicani, reduci di guerra, Presidenti in carica, ma guai se ti beccano a fare lo sciupafemmine). Persino lui, che ha col chiedere scusa il rapporto di Fonzie in Happy days,  si è dovuto scusare.
E tutti i repubblicani, compreso il suo candidato vice, hanno preso le distanze. Tutti come commentando un reality italiano: in nome delle figlie e madri e mogli. Per fortuna sono arrivati Jill e Frank. 

Più Popolare

Jill Soloway è la capoprogetto di Transparent, la serie tv che ha vinto ogni premio possibile e anche quelli impossibili. Ha scritto un articolo su Time in cui mette perfettamente a fuoco la questione: è come se l'idea platonica di femminilità fosse divisa in due, metà sono le intoccabili madri e mogli, l'altra metà sono quelle che puoi insolentire perché non appartengono a nessun maschio. In nessuno spogliatoio, scrive Soloway, si commentano le gambe o il culo della moglie o della figlia o della madre d'un altro uomo. Frank Bruni è un editorialista del New York Times. Il suo articolo cominciava così: «Sono basito dai commenti di Trump: lo sono in quanto padre di nessuna figlia; ne sono offeso in quanto marito di nessuna moglie». È un sollievo che sulle scrivanie di Jill e Frank ci siano i miei stessi appunti: quindi non era una fissazione mia. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Lui colleziona donne: devo dargliela o no?»
Se lui è un dongiovanni di professione, tu sei una calcolatrice senza fantasia: il vostro è un poker truccato, non vince nessuno!
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada