Vietato offendere le madri di famiglia

Le donne che non appartengono a nessun maschio si possono invece insolentire, come dimostrano le frasi sessiste di Trump e tutti gli altri commenti comunemente definiti «da spogliatoio»​: l'opinione di Guia Soncini

Più Popolare

Sulla mia scrivania c'è un foglio con annotate delle idee che potrei voler usare per questa paginetta. Mi sono arresa ad appuntarmele la 150ª volta in cui mi sono resa conto troppo tardi che mi ero dimenticata di scrivere  di una cosa di cui volevo scrivere  (è la versione professionale  di quando mi alzo per andare a prendere qualcosa in un'altra stanza e poi, arrivata lì, mi guardo intorno smarrita: cosa sono venuta di qua a fare?). Su quel foglio, da qualche settimana c'è scritto: «E se una è orfana e zitella?». È una frase che ho scarabocchiato dopo aver letto un po' di reazioni a una storia che qualche settimana fa era su tutti i giornali e i siti: in un reality televisivo, due tizi che non spiccano per eleganza hanno fatto una serie di commenti di quelli che vengono comunemente definiti «da spogliatoio». C'era tutto il repertorio, dalla lista di quelle che ti sei portato a letto (coi nomi, ovviamente tutti noti al pubblico) alle reazioni maschili in caso di tradimento.  Tutti quelli che hanno stigmatizzato l'episodio, ma proprio tutti, l'hanno fatto con la stessa formula: avete offeso delle madri di famiglia. 

Advertisement - Continue Reading Below

Sarà che, come tutti, penso innanzitutto a me; sarà che, pur non avendo mai avuto un padre o un fratello o un marito che mi difendessero dalle prepotenze, mi piacerebbe comunque vedere ufficialmente riconosciuto il mio diritto a essere rispettata; sarà che mi sembra übermaschilista l'idea che, per avere diritto a essere difesa dai maschilismi, tu debba essere annessa a qualche maschio. È tutto un complesso di cose, fatto sta che quel tic da stato di famiglia mi aveva molto irritata. Però poi non ne ho scritto. Ho pensato: magari sono ipersensibile io. Poi c'è stato Trump. E la registrazione di quello che, per giustificarsi, ha definito un discorso da spogliatoio: una conversazione in cui si vantava di saltare addosso alle belle donne, tanto «se sei una star te lo lasciano fare» (che forse non è neanche del tutto falso, ma nella campagna elettorale Usa puoi insultare messicani, reduci di guerra, Presidenti in carica, ma guai se ti beccano a fare lo sciupafemmine). Persino lui, che ha col chiedere scusa il rapporto di Fonzie in Happy days,  si è dovuto scusare.
E tutti i repubblicani, compreso il suo candidato vice, hanno preso le distanze. Tutti come commentando un reality italiano: in nome delle figlie e madri e mogli. Per fortuna sono arrivati Jill e Frank. 

Più Popolare

Jill Soloway è la capoprogetto di Transparent, la serie tv che ha vinto ogni premio possibile e anche quelli impossibili. Ha scritto un articolo su Time in cui mette perfettamente a fuoco la questione: è come se l'idea platonica di femminilità fosse divisa in due, metà sono le intoccabili madri e mogli, l'altra metà sono quelle che puoi insolentire perché non appartengono a nessun maschio. In nessuno spogliatoio, scrive Soloway, si commentano le gambe o il culo della moglie o della figlia o della madre d'un altro uomo. Frank Bruni è un editorialista del New York Times. Il suo articolo cominciava così: «Sono basito dai commenti di Trump: lo sono in quanto padre di nessuna figlia; ne sono offeso in quanto marito di nessuna moglie». È un sollievo che sulle scrivanie di Jill e Frank ci siano i miei stessi appunti: quindi non era una fissazione mia. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?
Firme
CONDIVIDI
Non si finisce mai di fare le madri
Un calciatore vince una partita e dice che sua mamma da lassù lo starà guardando, ma dovrà guardarlo giocare anche da morta?