Com'era discreto il secolo scorso

Simon Le Bon scelse Yasmin da una foto e nessuno ebbe niente da dire, oggi tutto è social: chiedete a Kim Kardashian e a Elena Ferrante

Più Popolare

Forse il problema è che crediamo di dover trovare criteri moderni per valutare fenomeni antichi. Mi è venuto in mente la settimana scorsa, guardando Yasmin Le Bon sulla copertina di Gioia!. Chiunque abbia l'età giusta per essere stata fan dei Duran Duran se lo ricorda: Simon la scelse come da un catalogo. Vide una foto e disse: mi piace questa. Gli organizzarono un incontro: nell'epoca in cui non esisteva Tinder, se eri la popstar del momento c'era qualcuno disposto a trovarti il numero di telefono d'una modella da copertina.

Advertisement - Continue Reading Below
Simon Le Bon in una foto giovanile.

Pensate cosa commenteremmo se, oggi, un personaggio pubblico dicesse d'aver selezionato quella con cui uscire da un catalogo di bellocce. Nel più blando dei casi si prenderebbe del superficiale; di media lo liquideremmo come uno che considera le donne degli oggetti decorativi; e qualche commentatrice particolarmente smaniosa di farsi notare sparandola grossa riuscirebbe persino a indicarlo come responsabile del tasso di femminicidi.

Più Popolare

Chissà se sarebbe mai diventato un matrimonio riuscito, in questi anni qui; se la storia di come l'aveva scelta lui l'avesse raccontata nell'epoca in cui azioni e dichiarazioni vengono dissezionate da chiunque abbia uno smartphone. Per loro fortuna era il Novecento: Simon e Yasmin stanno insieme da tre decenni e hanno avuto tre figlie; senza sapere niente del loro legame, azzardo che non si duri così a lungo solo perché lei era caruccia in copertina e lui carismatico sul palco. 

Il capodanno novecentesco in cui i ladri entrarono nella nostra suite, in un albergo in Costa Azzurra,
e rubarono i gioielli di mia madre, non esistevano le geolocalizzazioni, gli smartphone, i like. Semplicemente, un ladro che sapesse fare il proprio mestiere dava per scontato che a capodanno gli ospiti delle camere d'albergo fossero fuori e che la gente che pagava così tanti soldi per una stanza in un hotel fosse gente che viaggiava con roba di valore. Nessuno disse a mia madre che probabilmente i ladri sapevano dov'era perché aveva messo un video su Snapchat, come ha più o meno detto la polizia dopo che Kim Kardashian è stata aggredita e rapinata nella sua suite a Parigi. Non ho letto neanche un articolo che facesse la domanda giusta alla polizia parigina: ma davvero siete così fessi da pensare che, in mancanza di suoi autoscatti,
la presenza di Kim Kardashian
alle sfilate parigine sarebbe passata inosservata? 

Il New York Magazine ha paragonato l'impicciarsi dell'identità di Elena Ferrante e la rapina di Kim Kardashian: donne alle quali viene fatta una qualche forma di violenza e poi viene pure detto che se la sono cercata. In effetti, secondo il giornalista che ha ritenuto prioritario informare il mondo delle transazioni bancarie di Anita Raja e della deduzione che fosse quindi lei la Ferrante, è lei che l'ha provocato. In La frantumaglia, ha spiegato stizzito, s'inventa un'identità che non è quella reale, un'autobiografia posticcia: mente ai lettori, puntesclamativo. Ma tu pensa. Romanzieri
che mentono ai lettori. Che roba scandalosa, mai sentita, inaccettabile. E io che credevo si diventasse romanzieri per dire la noiosa verità, tutta la verbosa verità, nient'altro che la stucchevole verità. E io che credevo di farla franca coi miei ricordi di Simon e Yasmin: presto un'inchiesta svelerà che ero fan degli Spandau Ballet

More from Gioia!:
Cersei Lena Headey Il trono di spade
Firme
CONDIVIDI
Cara Lena Headey, dobbiamo parlare di Cersei Lannister
So poco di lei, la regina del Trono di spade, ma abbastanza per decidere che è la sola, in quel mucchio di scappati di casa, a meritare una...
Emergenza migranti: tutti addosso allo scafista
Firme
CONDIVIDI
Emergenza migranti: dagli allo scafista
È lui il nuovo nemico assoluto: fermarlo è la priorità, la causa comune che ci autorizza a buttare a mare tutto il resto
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...