Referendum costituzionale, una grande occasione persa

Si spendono enormi quantità di tempo ed energia politica per sostenere il sì o il no alla riforma costituzionale e nessuno parla più dei veri problemi degli italiani

Più lo scontro sul referendum costituzionale s'infuoca, più mi convinco che sia un peccato che tutta questa energia politica e questo tempo spesi in tour propagandistici e sfide televisive non siano utilizzati per progetti più importanti. Fateci caso: viviamo mesi sospesi, nei quali la battaglia per un sì o per
un no ha non solo monopolizzato l'opinione pubblica, ma congelato ogni altro tipo di dibattito politico. Perfino la Legge di stabilità, ormai nella fase finale, sembra languire sullo sfondo. 

Advertisement - Continue Reading Below

A prescindere da come si decida di votare, a me questo scontro infinito sul referendum pare soprattutto una grande occasione persa. Con la crescita economica a zero e una disoccupazione giovanile spaventosa – nel sud non lavora quasi un giovane su due – vorrei che nel mio Paese ci si accapigliasse su come e dove ridurre drasticamente il peso delle tasse, investire nella ricerca, avere una giustizia più veloce, tagliare gli sprechi e le spese improduttive. Per non parlare poi del sistema dell'accoglienza al collasso, dell'allarme terrorismo sempre alto e delle tante emergenze belliche che ci vedono coinvolti, dalla Libia all'Iraq. 

Più Popolare

Problemi giganteschi che rischiano di lasciare l'Italia indietro, ruota di scorta fra le potenze occidentali. Ma i capi partito e i loro sottoposti, affetti dalla consueta miopia, si scannano sul voto del 4 dicembre 2016. Che non ci porterà, nell'un caso o nell'altro, più occupazione, sicurezza e legalità. Vista dalla trincea dell'italiano medio che si sbatte per conservare il lavoro e arrivare a fine mese, del piccolo imprenditore che prova a pagare le tasse e non licenziare o dell'insegnante malpagato di una scuola pubblica fatiscente, la sfida sì-no sembra soprattutto una resa dei conti, l'ennesima occasione sprecata. L'ultima prova di immaturità dei politici italiani. 

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia