Referendum costituzionale, una grande occasione persa

Si spendono enormi quantità di tempo ed energia politica per sostenere il sì o il no alla riforma costituzionale e nessuno parla più dei veri problemi degli italiani

Più lo scontro sul referendum costituzionale s'infuoca, più mi convinco che sia un peccato che tutta questa energia politica e questo tempo spesi in tour propagandistici e sfide televisive non siano utilizzati per progetti più importanti. Fateci caso: viviamo mesi sospesi, nei quali la battaglia per un sì o per
un no ha non solo monopolizzato l'opinione pubblica, ma congelato ogni altro tipo di dibattito politico. Perfino la Legge di stabilità, ormai nella fase finale, sembra languire sullo sfondo. 

Advertisement - Continue Reading Below

A prescindere da come si decida di votare, a me questo scontro infinito sul referendum pare soprattutto una grande occasione persa. Con la crescita economica a zero e una disoccupazione giovanile spaventosa – nel sud non lavora quasi un giovane su due – vorrei che nel mio Paese ci si accapigliasse su come e dove ridurre drasticamente il peso delle tasse, investire nella ricerca, avere una giustizia più veloce, tagliare gli sprechi e le spese improduttive. Per non parlare poi del sistema dell'accoglienza al collasso, dell'allarme terrorismo sempre alto e delle tante emergenze belliche che ci vedono coinvolti, dalla Libia all'Iraq. 

Più Popolare

Problemi giganteschi che rischiano di lasciare l'Italia indietro, ruota di scorta fra le potenze occidentali. Ma i capi partito e i loro sottoposti, affetti dalla consueta miopia, si scannano sul voto del 4 dicembre 2016. Che non ci porterà, nell'un caso o nell'altro, più occupazione, sicurezza e legalità. Vista dalla trincea dell'italiano medio che si sbatte per conservare il lavoro e arrivare a fine mese, del piccolo imprenditore che prova a pagare le tasse e non licenziare o dell'insegnante malpagato di una scuola pubblica fatiscente, la sfida sì-no sembra soprattutto una resa dei conti, l'ennesima occasione sprecata. L'ultima prova di immaturità dei politici italiani. 

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio