Migranti, a che cosa serve questa Unione europea?

L'Ungheria vota in un referendum per respingere i profughi, ma per fortuna non è stato raggiunto il quorum: a che serve un'Unione europea dominata da simili egoismi? Se lo domanda Corrado Formigli

A che serve questa Unione europea? Viene da domandarselo ogni giorno di più all'indomani del referendum ungherese contro la distribuzione di quote di profughi nella nazione guidata dal tetro, destrissimo Viktor Orban. La consultazione popolare non ha raggiunto il quorum necessario (il 50 per cento) per bloccare il piano europeo di accoglienza. Ma fa comunque impressione che circa il 90 per cento di chi è andato a votare si sia pronunciato contro l'«invasione». Direte voi: l'Ungheria ha solo 10 milioni di abitanti.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma sapete quanti immigrati in fuga dalla guerra dovrebbe accogliere in base agli accordi europei? 1.300! Lo 0,013 per cento della popolazione.
In
Ungheria non ci sono praticamente immigrati. Eppure, nei mesi in cui migliaia di disperati in fuga dalle bombe di Aleppo e Raqqa marciavano verso il nord lungo la rotta balcanica, i magiari costruirono un muro di reticolati per tenere a distanza quei poveracci. Il fatto più incredibile è che nel 1956, quando i carri armati sovietici occuparono il Paese stroncando la rivoluzione di Budapest, oltre 200.000 ungheresi fuggirono e vennero accolti nelle altre nazioni europee. Ma chi domenica ha votato no a 1.300 profughi evidentemente non se lo ricorda.

Più Popolare

A che serve un'Unione europea dominata da simili micragnosi egoismi? Per fortuna la maggioranza dei magiari ha detto no alla propaganda di Orban. Ma nella settimana in cui si ricordano a Lampedusa le vittime della strage del 3 ottobre 2013, quando annegarono su una carretta del mare 386 migranti, sembra impossibile che il vecchio continente possa sopravvivere alle sue diversità, ai suoi egoismi. A uno come Orban, al prossimo vertice europeo, gli altri capi di governo non dovrebbero neppure stringere la mano.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?
Firme
CONDIVIDI
Terrorismo a Stoccolma e oltre: prove di guerra
Una raffica di attentati in Svezia, Egitto e Somalia ha seminato decine di morti e ha fatto crollare il mito dell'inviolabile sicurezza...