Migranti, a che cosa serve questa Unione europea?

L'Ungheria vota in un referendum per respingere i profughi, ma per fortuna non è stato raggiunto il quorum: a che serve un'Unione europea dominata da simili egoismi? Se lo domanda Corrado Formigli

A che serve questa Unione europea? Viene da domandarselo ogni giorno di più all'indomani del referendum ungherese contro la distribuzione di quote di profughi nella nazione guidata dal tetro, destrissimo Viktor Orban. La consultazione popolare non ha raggiunto il quorum necessario (il 50 per cento) per bloccare il piano europeo di accoglienza. Ma fa comunque impressione che circa il 90 per cento di chi è andato a votare si sia pronunciato contro l'«invasione». Direte voi: l'Ungheria ha solo 10 milioni di abitanti.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma sapete quanti immigrati in fuga dalla guerra dovrebbe accogliere in base agli accordi europei? 1.300! Lo 0,013 per cento della popolazione.
In
Ungheria non ci sono praticamente immigrati. Eppure, nei mesi in cui migliaia di disperati in fuga dalle bombe di Aleppo e Raqqa marciavano verso il nord lungo la rotta balcanica, i magiari costruirono un muro di reticolati per tenere a distanza quei poveracci. Il fatto più incredibile è che nel 1956, quando i carri armati sovietici occuparono il Paese stroncando la rivoluzione di Budapest, oltre 200.000 ungheresi fuggirono e vennero accolti nelle altre nazioni europee. Ma chi domenica ha votato no a 1.300 profughi evidentemente non se lo ricorda.

Più Popolare

A che serve un'Unione europea dominata da simili micragnosi egoismi? Per fortuna la maggioranza dei magiari ha detto no alla propaganda di Orban. Ma nella settimana in cui si ricordano a Lampedusa le vittime della strage del 3 ottobre 2013, quando annegarono su una carretta del mare 386 migranti, sembra impossibile che il vecchio continente possa sopravvivere alle sue diversità, ai suoi egoismi. A uno come Orban, al prossimo vertice europeo, gli altri capi di governo non dovrebbero neppure stringere la mano.

More from Gioia!:
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà