Migranti, a che cosa serve questa Unione europea?

L'Ungheria vota in un referendum per respingere i profughi, ma per fortuna non è stato raggiunto il quorum: a che serve un'Unione europea dominata da simili egoismi? Se lo domanda Corrado Formigli

A che serve questa Unione europea? Viene da domandarselo ogni giorno di più all'indomani del referendum ungherese contro la distribuzione di quote di profughi nella nazione guidata dal tetro, destrissimo Viktor Orban. La consultazione popolare non ha raggiunto il quorum necessario (il 50 per cento) per bloccare il piano europeo di accoglienza. Ma fa comunque impressione che circa il 90 per cento di chi è andato a votare si sia pronunciato contro l'«invasione». Direte voi: l'Ungheria ha solo 10 milioni di abitanti.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma sapete quanti immigrati in fuga dalla guerra dovrebbe accogliere in base agli accordi europei? 1.300! Lo 0,013 per cento della popolazione.
In
Ungheria non ci sono praticamente immigrati. Eppure, nei mesi in cui migliaia di disperati in fuga dalle bombe di Aleppo e Raqqa marciavano verso il nord lungo la rotta balcanica, i magiari costruirono un muro di reticolati per tenere a distanza quei poveracci. Il fatto più incredibile è che nel 1956, quando i carri armati sovietici occuparono il Paese stroncando la rivoluzione di Budapest, oltre 200.000 ungheresi fuggirono e vennero accolti nelle altre nazioni europee. Ma chi domenica ha votato no a 1.300 profughi evidentemente non se lo ricorda.

Più Popolare

A che serve un'Unione europea dominata da simili micragnosi egoismi? Per fortuna la maggioranza dei magiari ha detto no alla propaganda di Orban. Ma nella settimana in cui si ricordano a Lampedusa le vittime della strage del 3 ottobre 2013, quando annegarono su una carretta del mare 386 migranti, sembra impossibile che il vecchio continente possa sopravvivere alle sue diversità, ai suoi egoismi. A uno come Orban, al prossimo vertice europeo, gli altri capi di governo non dovrebbero neppure stringere la mano.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo