Migranti, a che cosa serve questa Unione europea?

L'Ungheria vota in un referendum per respingere i profughi, ma per fortuna non è stato raggiunto il quorum: a che serve un'Unione europea dominata da simili egoismi? Se lo domanda Corrado Formigli

A che serve questa Unione europea? Viene da domandarselo ogni giorno di più all'indomani del referendum ungherese contro la distribuzione di quote di profughi nella nazione guidata dal tetro, destrissimo Viktor Orban. La consultazione popolare non ha raggiunto il quorum necessario (il 50 per cento) per bloccare il piano europeo di accoglienza. Ma fa comunque impressione che circa il 90 per cento di chi è andato a votare si sia pronunciato contro l'«invasione». Direte voi: l'Ungheria ha solo 10 milioni di abitanti.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma sapete quanti immigrati in fuga dalla guerra dovrebbe accogliere in base agli accordi europei? 1.300! Lo 0,013 per cento della popolazione.
In
Ungheria non ci sono praticamente immigrati. Eppure, nei mesi in cui migliaia di disperati in fuga dalle bombe di Aleppo e Raqqa marciavano verso il nord lungo la rotta balcanica, i magiari costruirono un muro di reticolati per tenere a distanza quei poveracci. Il fatto più incredibile è che nel 1956, quando i carri armati sovietici occuparono il Paese stroncando la rivoluzione di Budapest, oltre 200.000 ungheresi fuggirono e vennero accolti nelle altre nazioni europee. Ma chi domenica ha votato no a 1.300 profughi evidentemente non se lo ricorda.

Più Popolare

A che serve un'Unione europea dominata da simili micragnosi egoismi? Per fortuna la maggioranza dei magiari ha detto no alla propaganda di Orban. Ma nella settimana in cui si ricordano a Lampedusa le vittime della strage del 3 ottobre 2013, quando annegarono su una carretta del mare 386 migranti, sembra impossibile che il vecchio continente possa sopravvivere alle sue diversità, ai suoi egoismi. A uno come Orban, al prossimo vertice europeo, gli altri capi di governo non dovrebbero neppure stringere la mano.

More from Gioia!:
compiti-delle-vacanze-estive-ozio
Firme
CONDIVIDI
Perché l'ozio è il miglior compito delle vacanze
Perché se non hai più spazi vuoti, quand'è che trovi il tempo per la libertà, la memoria, i desideri, il sogno?
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità