Ben Affleck: se mi lasci, rimango

​Jennifer Garner lo molla (era ora) ma lui non se va. Lo fa per i figli, dice. È continuità affettiva o cialtroneria?

Più Popolare

Per quanto romantica una si ostini a essere, la reazione alla notizia della separazione di Ben Affleck e Jennifer Garner non può che somigliare a «Vabbè, dài: era anche ora». 

La parità non esiste, e ogni relazione funzionale si fonda sull'equilibrio di diseguaglianze capricciose a piacere.

Advertisement - Continue Reading Below

Per dire: io sono anni che mi faccio sbucciare la frutta, e in cambio tengo gli occhi aperti davanti alle scene più cruente deIl trono di spade.

A casa Affleck, invece, lui si occupava di vincere premi Oscar, perdere soldi a carte, mascherarsi da supereroe; lei andava a fare la spesa, accompagnava i figli a judo, ogni tanto girava un film per sentirsi emancipata.

A sentirli, era un matrimonio «molto consapevole: ci sforziamo di fare le cose insieme, e di mostrarci affettuosi». Avvincente come una riunione di condominio.

Più Popolare

E in effetti pare dovessero divorziare già tre anni fa. O forse non sposarsi affatto, viste le referenze di lui: «Il suo ideale di donna è una spogliarellista», sosteneva Gwyneth Paltrow dopo i tre anni di sua competenza. E Jennifer Lopez, che l'ha pressoché abbandonato all'altare, non fa distinguo quando archivia i suoi amori passati alla voce «mezze calzette».

Un cialtrone, ma di cui è impossibile liberarsi. Con la scusa di garantire ai figli continuità affettiva, infatti, Affleck continuerà a vivere in alcuni degli 800 metri quadri della casa di famiglia.

È il problema dei disaccopiamenti moderni: l'amore finisce, l'accollo rimane.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile