Ben Affleck: se mi lasci, rimango

​Jennifer Garner lo molla (era ora) ma lui non se va. Lo fa per i figli, dice. È continuità affettiva o cialtroneria?

Più Popolare

Per quanto romantica una si ostini a essere, la reazione alla notizia della separazione di Ben Affleck e Jennifer Garner non può che somigliare a «Vabbè, dài: era anche ora». 

La parità non esiste, e ogni relazione funzionale si fonda sull'equilibrio di diseguaglianze capricciose a piacere.

Advertisement - Continue Reading Below

Per dire: io sono anni che mi faccio sbucciare la frutta, e in cambio tengo gli occhi aperti davanti alle scene più cruente deIl trono di spade.

A casa Affleck, invece, lui si occupava di vincere premi Oscar, perdere soldi a carte, mascherarsi da supereroe; lei andava a fare la spesa, accompagnava i figli a judo, ogni tanto girava un film per sentirsi emancipata.

A sentirli, era un matrimonio «molto consapevole: ci sforziamo di fare le cose insieme, e di mostrarci affettuosi». Avvincente come una riunione di condominio.

Più Popolare

E in effetti pare dovessero divorziare già tre anni fa. O forse non sposarsi affatto, viste le referenze di lui: «Il suo ideale di donna è una spogliarellista», sosteneva Gwyneth Paltrow dopo i tre anni di sua competenza. E Jennifer Lopez, che l'ha pressoché abbandonato all'altare, non fa distinguo quando archivia i suoi amori passati alla voce «mezze calzette».

Un cialtrone, ma di cui è impossibile liberarsi. Con la scusa di garantire ai figli continuità affettiva, infatti, Affleck continuerà a vivere in alcuni degli 800 metri quadri della casa di famiglia.

È il problema dei disaccopiamenti moderni: l'amore finisce, l'accollo rimane.

More from Gioia!:
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award