Ben Affleck: se mi lasci, rimango

​Jennifer Garner lo molla (era ora) ma lui non se va. Lo fa per i figli, dice. È continuità affettiva o cialtroneria?

Più Popolare

Per quanto romantica una si ostini a essere, la reazione alla notizia della separazione di Ben Affleck e Jennifer Garner non può che somigliare a «Vabbè, dài: era anche ora». 

La parità non esiste, e ogni relazione funzionale si fonda sull'equilibrio di diseguaglianze capricciose a piacere.

Advertisement - Continue Reading Below

Per dire: io sono anni che mi faccio sbucciare la frutta, e in cambio tengo gli occhi aperti davanti alle scene più cruente deIl trono di spade.

A casa Affleck, invece, lui si occupava di vincere premi Oscar, perdere soldi a carte, mascherarsi da supereroe; lei andava a fare la spesa, accompagnava i figli a judo, ogni tanto girava un film per sentirsi emancipata.

A sentirli, era un matrimonio «molto consapevole: ci sforziamo di fare le cose insieme, e di mostrarci affettuosi». Avvincente come una riunione di condominio.

Più Popolare

E in effetti pare dovessero divorziare già tre anni fa. O forse non sposarsi affatto, viste le referenze di lui: «Il suo ideale di donna è una spogliarellista», sosteneva Gwyneth Paltrow dopo i tre anni di sua competenza. E Jennifer Lopez, che l'ha pressoché abbandonato all'altare, non fa distinguo quando archivia i suoi amori passati alla voce «mezze calzette».

Un cialtrone, ma di cui è impossibile liberarsi. Con la scusa di garantire ai figli continuità affettiva, infatti, Affleck continuerà a vivere in alcuni degli 800 metri quadri della casa di famiglia.

È il problema dei disaccopiamenti moderni: l'amore finisce, l'accollo rimane.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine