Victoria Beckham, consigli per il successo

​In una lettera alla se stessa diciottenne, la Spice tamarra evoluta in maestra d'eleganza ci rassicura: anche le ragazzine goffe possono diventare adulte di successo

Più Popolare

Cara Victoria,

come sei saggia.

Per accompagnare la quarta copertina del Vogue d'Inghilterra, invece della solita intervista in cui racconti quanto sei emancipata, impegnata, benefattrice e innamorata, hai scritto una lettera alla te stessa diciottenne per rassicurarla: nonostante l'acne, le cosciotte e l'insicurezza cronica, nel suo destino c'è un'adulta di successo: emancipata, impegnata, benefattrice e innamorata. (E adesso giura: tu e David non vi lascerete mai. Almeno voi).

Advertisement - Continue Reading Below

Cose che avrei voluto sapere, l'hai intitolata. E alcune sono effettivamente utili. Tipo: «Mettiti gli occhiali da sole. Spesso. Anche al chiuso. Soprattutto in aeroporto. Trasformano qualunque straccetto in un completo figo». Il che è piuttosto vero ma, se scrivessi alla me stessa diciottenne, aggiungerei: «Investi anche in lenti graduate, per l'amor del cielo, ché miope come sei rischi di andare a sbattere contro l'aereo». Se solo avessi saputo, quante brutte figure mi sarei risparmiata.

Più Popolare

Non essere la più magra né la più carina – sostieni, ed è una parabola di riscatto che porti in tour da un po', quella della bambina goffa vessata dai compagnucci delle medie – ti ha aiutato a sviluppare una qual scorza, indispensabile per sopravvivere alle sistematiche critiche e illazioni (ma pure: cattiverie e bugie) che per 15 anni sono state il tuo principale punto di accesso alla realtà. Il bullismo è il nuovo greco antico: serve a selezionare la classe dirigente.

Certo, con le Spice Girls hai venduto 75 milioni di dischi: aiutano a farsi una ragione delle malelingue. Ma adesso che va di moda riverirti – «Elegante, mai sfacciata», ha detto della tua recente sfilata Suzy Menkes – il risarcimento minimo che ti spetta è un attestato di preveggenza. In Wannabe c'era già tutto il millennio in corso: l'amicizia coreografata, la diversità come criterio costitutivo, il femminismo pop. Noi sculettanti all'epoca non lo sapevamo, ma lo sapevamo già. Non serve fare le intellettuali da piccole, per crescere intelligenti.

Non sei più la ragazza semplice di un tempo, non fai neanche finta di crederci (grazie). Hai imparato «a sostituire i tacchi con le Stan Smith, e i miniabiti con le camicie immacolate. Ma non sarai mai una che sembra scappata di casa». Né ti sentirai mai a tuo agio in bikini. E questa è la cosa rassicurante da far sapere, alle noi stesse ancora troppo giovani. Puoi avere tutto il successo del mondo oppure anche meno, fare quattro figli oppure nessuno, fondare imperi milionari oppure combattere ogni anno contro l'anticipo dell'IVA: le paranoie frivole sono per sempre. Nessuno potrà mai portartele via.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?