Se la carrozza silenziosa è rumorosa lo stesso

​Sui treni inglesi c'è un vagone dove è proibito telefonare ad alta voce, ma da noi, su Italo, non sono solo i passeggeri a disturbare...

Più Popolare

Ho capito che quella britannica era una civiltà superiore la prima volta in cui su un treno inglese ho visto una silent coach, una carrozza silenziosa. Quelle in cui gli altri non possono costringerti ad ascoltare le loro conversazioni al cellulare. Quelle in cui si abbassano le suonerie e si sta zitti. Le conversazioni altrui sono sempre state fastidiose ma, da quando nessuno usa più il telefono per telefonare, hanno anche un sovrappiù di esibizionismo molesto: se in un luogo pubblico, invece di mandare messaggi, parli a voce alta, quella non è una conversazione, è una performance. Che mi viene imposta: dalla galleria di Marina Abramovic posso andarmene, dal treno in corsa no.

Advertisement - Continue Reading Below

Ho mugugnato sull'inciviltà italiana ognuna delle (poche) volte in cui ho ottimisticamente prenotato un posto sulla carrozza silenziosa di Italo. Speravo di fare un pisolino, ma c'era un annuncio a tutto volume ogni cinque secondi. Speravo che bastasse guardar male quello che aveva prenotato sulla carrozza silenziosa e stava al telefono lo stesso, ma il passeggero italiano è insensibile agli sguardi assassini.

Più Popolare

Una volta, per la disperazione mi sono messa le cuffie – più per ripararmi dagli annunci idioti che ogni minuto ci tenevano a ricordarti da dove fosse partito il treno su cui viaggiavi, che per guardare il film che avevo sul computer; è arrivata la hostess e mi ha detto che non si poteva: anche dalla cuffia sarebbe potuto uscire un suono, e quella era la carrozza-silenzio. Non solo la carrozza silenziosa è rumorosa, ma non puoi neanche difenderti.

Molti anni fa feci una vacanza in una spa in Thailandia. Per dieci giorni, le uniche parole che ho sentito dalle massaggiatrici sono state «Va bene la pressione?». Quando mi chiedono se frequenti spa in Italia, dico di no: in Italia ti tocca far conversazione con le massaggiatrici. Che si paghi un'ora in una spa o un viaggio in treno, il silenzio sembra non essere previsto tra i servizi forniti.

Ho avuto la conferma della superiorità britannica quando ho letto che in Galles un sant'uomo che si chiama Scott Miller dà la possibilità, nel salone di parrucchiere di cui è proprietario, di prenotare una "sedia silenziosa": vai a tagliarti i capelli e non devi far conversazione; niente domande su cosa fai a Capodanno o resoconti della lite col fidanzato di quella che ti taglia la frangia.

Le indigene sono entusiaste. Una racconta che lei finora andava dal parrucchiere il sabato mattina, quando lui ha mal di testa per la sbronza del venerdì e non vuole chiacchierare. In attesa di importare la civiltà parrucchieristica, si potrebbe applicare il metodo alternativo ai treni: senti che silenzio, in questa carrozza? Solo passeggeri con postumi di sbronza.


Foto: Getty

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne