Leo Di Caprio, era meglio metrosexual

​Per compiacere noi che ci lamentiamo dell'uomo raffinato, in Revenant Leonardo DiCaprio torna maschio primitivo. Pure troppo

Non l'ha fatto per prendere finalmente l'Oscar, no. Leonardo DiCaprio l'ha fatto, questo film in cui un orso gli fa una tracheotomia, e lui dorme dentro una carcassa di cavallo, e mangia bufali crudi senza posate, per rispondere alla nostra disperazione.

Per compiacere noialtre che da anni ci lamentiamo di uomini che passano a farsi belli più tempo di noi, che si depilano le sopracciglia, che ci occupano gli scaffali del bagno con le loro creme. L'ha fatto per ricordarci quel dogma che diceva: l'uomo deve puzzare.

Advertisement - Continue Reading Below

Certo, però, anche un po' di moderazione male non farebbe. Perché dopo giorni (settimane? Vai a capire: in un film in cui nessuno fa conversazione, non è mica semplice tenere il conto del tempo) in cui Leonardo con le unghie nere sopravvive nella foresta, dopo giorni in cui digiuna e non per questo sembra perdere mezz'etto (l'uomo deve puzzare e anche avere la pancia, per noialtre che preferiamo Jack Nicholson a David Beckham), dopo un intero film di capelli unti (erano unti anche prima che restasse, dato per morto, a cavarsela nei boschi; un dettaglio d'autore attento alla verosimiglianza: all'inizio dell'Ottocento non è che ci si facesse la messinpiega tre volte a settimana dopo aver applicato una maschera nutriente) – ecco, dopo tutto questo, il nostro debole per il maschio primitivo, per il bruto che non ha neanche lo specchio in casa, per lo zotico mal lavato, beh, quella nostra propensione vacilla pericolosamente.

Il crollo, più ancora di quando s'infila nella carcassa di cavallo come fossero lenzuola fresche di bucato, avviene quando addenta il cadavere di bufalo. Non puoi non pensare: santo cielo, chissà che alito. Non puoi non sorprenderti a considerare, vergognandoti un po' per come stai rinnegando tutto ciò in cui credevi, che forse sarebbe meglio baciare un metrosexual.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se l'autore è donna, cambia tutto
Philip Roth che parla della sua prostata è un artista, ma Nora Ephron che scrive un libro sul suo divorzio è priva di fantasia
Firme
CONDIVIDI
La sinistra italiana si divide e lo pagherà
Con il Pd in pezzi, la condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa
zero-assoluto-studio-registrazione
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, così nasce una canzone
Scrivere canzoni è qualcosa che si rinnova ogni volta. Ed è una scommessa che ogni volta vale la pena di fare
Mentre si diffonde la notizia della fine del suo secondo matrimonio, Scarlett Johansson racconta in un'intervista a Playboy perché non ha fiducia nella monogamia.
Firme
CONDIVIDI
Cara Scarlett, la monogamia è sottovalutata
Ora ti spiego a cosa serve il matrimonio
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente