Leo Di Caprio, era meglio metrosexual

​Per compiacere noi che ci lamentiamo dell'uomo raffinato, in Revenant Leonardo DiCaprio torna maschio primitivo. Pure troppo

Non l'ha fatto per prendere finalmente l'Oscar, no. Leonardo DiCaprio l'ha fatto, questo film in cui un orso gli fa una tracheotomia, e lui dorme dentro una carcassa di cavallo, e mangia bufali crudi senza posate, per rispondere alla nostra disperazione.

Per compiacere noialtre che da anni ci lamentiamo di uomini che passano a farsi belli più tempo di noi, che si depilano le sopracciglia, che ci occupano gli scaffali del bagno con le loro creme. L'ha fatto per ricordarci quel dogma che diceva: l'uomo deve puzzare.

Advertisement - Continue Reading Below

Certo, però, anche un po' di moderazione male non farebbe. Perché dopo giorni (settimane? Vai a capire: in un film in cui nessuno fa conversazione, non è mica semplice tenere il conto del tempo) in cui Leonardo con le unghie nere sopravvive nella foresta, dopo giorni in cui digiuna e non per questo sembra perdere mezz'etto (l'uomo deve puzzare e anche avere la pancia, per noialtre che preferiamo Jack Nicholson a David Beckham), dopo un intero film di capelli unti (erano unti anche prima che restasse, dato per morto, a cavarsela nei boschi; un dettaglio d'autore attento alla verosimiglianza: all'inizio dell'Ottocento non è che ci si facesse la messinpiega tre volte a settimana dopo aver applicato una maschera nutriente) – ecco, dopo tutto questo, il nostro debole per il maschio primitivo, per il bruto che non ha neanche lo specchio in casa, per lo zotico mal lavato, beh, quella nostra propensione vacilla pericolosamente.

Il crollo, più ancora di quando s'infila nella carcassa di cavallo come fossero lenzuola fresche di bucato, avviene quando addenta il cadavere di bufalo. Non puoi non pensare: santo cielo, chissà che alito. Non puoi non sorprenderti a considerare, vergognandoti un po' per come stai rinnegando tutto ciò in cui credevi, che forse sarebbe meglio baciare un metrosexual.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?