Leo Di Caprio, era meglio metrosexual

​Per compiacere noi che ci lamentiamo dell'uomo raffinato, in Revenant Leonardo DiCaprio torna maschio primitivo. Pure troppo

Non l'ha fatto per prendere finalmente l'Oscar, no. Leonardo DiCaprio l'ha fatto, questo film in cui un orso gli fa una tracheotomia, e lui dorme dentro una carcassa di cavallo, e mangia bufali crudi senza posate, per rispondere alla nostra disperazione.

Per compiacere noialtre che da anni ci lamentiamo di uomini che passano a farsi belli più tempo di noi, che si depilano le sopracciglia, che ci occupano gli scaffali del bagno con le loro creme. L'ha fatto per ricordarci quel dogma che diceva: l'uomo deve puzzare.

Advertisement - Continue Reading Below

Certo, però, anche un po' di moderazione male non farebbe. Perché dopo giorni (settimane? Vai a capire: in un film in cui nessuno fa conversazione, non è mica semplice tenere il conto del tempo) in cui Leonardo con le unghie nere sopravvive nella foresta, dopo giorni in cui digiuna e non per questo sembra perdere mezz'etto (l'uomo deve puzzare e anche avere la pancia, per noialtre che preferiamo Jack Nicholson a David Beckham), dopo un intero film di capelli unti (erano unti anche prima che restasse, dato per morto, a cavarsela nei boschi; un dettaglio d'autore attento alla verosimiglianza: all'inizio dell'Ottocento non è che ci si facesse la messinpiega tre volte a settimana dopo aver applicato una maschera nutriente) – ecco, dopo tutto questo, il nostro debole per il maschio primitivo, per il bruto che non ha neanche lo specchio in casa, per lo zotico mal lavato, beh, quella nostra propensione vacilla pericolosamente.

Il crollo, più ancora di quando s'infila nella carcassa di cavallo come fossero lenzuola fresche di bucato, avviene quando addenta il cadavere di bufalo. Non puoi non pensare: santo cielo, chissà che alito. Non puoi non sorprenderti a considerare, vergognandoti un po' per come stai rinnegando tutto ciò in cui credevi, che forse sarebbe meglio baciare un metrosexual.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna