Leo Di Caprio, era meglio metrosexual

​Per compiacere noi che ci lamentiamo dell'uomo raffinato, in Revenant Leonardo DiCaprio torna maschio primitivo. Pure troppo

Non l'ha fatto per prendere finalmente l'Oscar, no. Leonardo DiCaprio l'ha fatto, questo film in cui un orso gli fa una tracheotomia, e lui dorme dentro una carcassa di cavallo, e mangia bufali crudi senza posate, per rispondere alla nostra disperazione.

Per compiacere noialtre che da anni ci lamentiamo di uomini che passano a farsi belli più tempo di noi, che si depilano le sopracciglia, che ci occupano gli scaffali del bagno con le loro creme. L'ha fatto per ricordarci quel dogma che diceva: l'uomo deve puzzare.

Advertisement - Continue Reading Below

Certo, però, anche un po' di moderazione male non farebbe. Perché dopo giorni (settimane? Vai a capire: in un film in cui nessuno fa conversazione, non è mica semplice tenere il conto del tempo) in cui Leonardo con le unghie nere sopravvive nella foresta, dopo giorni in cui digiuna e non per questo sembra perdere mezz'etto (l'uomo deve puzzare e anche avere la pancia, per noialtre che preferiamo Jack Nicholson a David Beckham), dopo un intero film di capelli unti (erano unti anche prima che restasse, dato per morto, a cavarsela nei boschi; un dettaglio d'autore attento alla verosimiglianza: all'inizio dell'Ottocento non è che ci si facesse la messinpiega tre volte a settimana dopo aver applicato una maschera nutriente) – ecco, dopo tutto questo, il nostro debole per il maschio primitivo, per il bruto che non ha neanche lo specchio in casa, per lo zotico mal lavato, beh, quella nostra propensione vacilla pericolosamente.

Il crollo, più ancora di quando s'infila nella carcassa di cavallo come fossero lenzuola fresche di bucato, avviene quando addenta il cadavere di bufalo. Non puoi non pensare: santo cielo, chissà che alito. Non puoi non sorprenderti a considerare, vergognandoti un po' per come stai rinnegando tutto ciò in cui credevi, che forse sarebbe meglio baciare un metrosexual.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Eva Amurri e le madri da competizione
Crescere un figlio è una gara: chi non lo capisce ha perso
Firme
CONDIVIDI
Ma Beppe Grillo è contro o pro l'Europa?
Il Movimento 5 stelle ha cercato l'alleanza con gli europeisti dell'Alde, ma si è beccato un bel rifiuto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi piacciono le vite degli altri
Io quando entro in un salotto guardo dettagli. Dove sono tutti i telecomandi? La tv? La poltrona sarà comoda?
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo