Libia, andiamo in guerra ma è meglio se non ne parliamo

Libia, si prepara la missione internazionale coordinata dall'Italia, ma il Parlamento tace

C'è una parola che fatichiamo a pronunciare: la parola guerra. L'Italia sta entrando in guerra ma quasi non se ne parla. In Libia Isis si sta espandendo e ha già una capitale: Sirte, la città dove nacque e morì Gheddafi. Il governo libico, che dovrebbe essere la sintesi fra laici e islamisti, fatica invece a insediarsi fra liti tribali e rivalità militari. La comunità internazionale attende l'insediamento affinché si compia la piccola farsa della richiesta di aiuto: soltanto se lo chiederà Tripoli, l'intervento sarà legittimo (nella foto, un soldato fedele al governo di Tripoli controlla una casa bombardata a Bengasi).

Advertisement - Continue Reading Below

Nell'attesa, nel deserto libico si moltiplicano le impronte degli scarponi. Francesi innanzitutto, ma anche americani, inglesi e italiani. Naturalmente tutti si affrettano a smentire, ma è cosa nota che i corpi speciali stiano già individuando gli obiettivi da colpire. Il tutto, ovviamente, in clandestinità. Alla luce del sole, invece, sono i decolli di droni americani armati di missili dalla nostra base di Sigonella. Abbiamo autorizzato Washington a utilizzarla solo per "finalità difensive": in pratica, se i corpi speciali Usa attaccano una postazione Isis e si trovano in difficoltà, dalla Sicilia arrivano i rinforzi.

Più Popolare

Intanto, l'Italia testa armamenti, addestra soldati, calcola voli e trasferimenti via mare. Con un nemico dichiarato, il Califfato nero. E uno nascosto: la Francia con le sue mire espansionistiche sul petrolio della Cirenaica. La francese Total, non è un mistero, agogna nuove posizioni scalzando la nostra Eni. Il rischio più grande del conflitto libico è che si ripetano gli errori della guerra del 2011, quando per cacciare Gheddafi si consegnò il Paese al caos e ai fondamentalisti. Ma a restar fermi si rischia che Isis si rafforzi ancor più. Un bel rebus. Con l'Europa ancora divisa e la necessità di coordinarsi con gli americani. Gli stessi americani che, come dice Wikileaks, non si sono fatti scrupoli nello spiare a piacimento i nostri governanti.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?