Libia, andiamo in guerra ma è meglio se non ne parliamo

Libia, si prepara la missione internazionale coordinata dall'Italia, ma il Parlamento tace

C'è una parola che fatichiamo a pronunciare: la parola guerra. L'Italia sta entrando in guerra ma quasi non se ne parla. In Libia Isis si sta espandendo e ha già una capitale: Sirte, la città dove nacque e morì Gheddafi. Il governo libico, che dovrebbe essere la sintesi fra laici e islamisti, fatica invece a insediarsi fra liti tribali e rivalità militari. La comunità internazionale attende l'insediamento affinché si compia la piccola farsa della richiesta di aiuto: soltanto se lo chiederà Tripoli, l'intervento sarà legittimo (nella foto, un soldato fedele al governo di Tripoli controlla una casa bombardata a Bengasi).

Advertisement - Continue Reading Below

Nell'attesa, nel deserto libico si moltiplicano le impronte degli scarponi. Francesi innanzitutto, ma anche americani, inglesi e italiani. Naturalmente tutti si affrettano a smentire, ma è cosa nota che i corpi speciali stiano già individuando gli obiettivi da colpire. Il tutto, ovviamente, in clandestinità. Alla luce del sole, invece, sono i decolli di droni americani armati di missili dalla nostra base di Sigonella. Abbiamo autorizzato Washington a utilizzarla solo per "finalità difensive": in pratica, se i corpi speciali Usa attaccano una postazione Isis e si trovano in difficoltà, dalla Sicilia arrivano i rinforzi.

Più Popolare

Intanto, l'Italia testa armamenti, addestra soldati, calcola voli e trasferimenti via mare. Con un nemico dichiarato, il Califfato nero. E uno nascosto: la Francia con le sue mire espansionistiche sul petrolio della Cirenaica. La francese Total, non è un mistero, agogna nuove posizioni scalzando la nostra Eni. Il rischio più grande del conflitto libico è che si ripetano gli errori della guerra del 2011, quando per cacciare Gheddafi si consegnò il Paese al caos e ai fondamentalisti. Ma a restar fermi si rischia che Isis si rafforzi ancor più. Un bel rebus. Con l'Europa ancora divisa e la necessità di coordinarsi con gli americani. Gli stessi americani che, come dice Wikileaks, non si sono fatti scrupoli nello spiare a piacimento i nostri governanti.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Sono tornate di moda le magliette con le scritte
Inutile giurare che, trent'anni prima, vestivo come oggi veste Amal Clooney, o Carine Roitfeld
kristen-stewart-lesbica-cool
Firme
CONDIVIDI
Kristen Stewart è il mio uomo ideale
Dacché l'attrice ha espresso inclinazioni gay mi basta guardarla per sentirmi fluida, pur essendo etero
A un anno dall'inizio della separazione, il matrimonio di Jennifer Garner e Ben Affleck ancora resiste: ecco perché certi amori non finiscono mai.
Firme
CONDIVIDI
Cara Jennifer, ecco perché certi amori non finiscono
La prima regola del matrimonio è: non è mai questione di corna
Firme
CONDIVIDI
«Lui colleziona donne: devo dargliela o no?»
Se lui è un dongiovanni di professione, tu sei una calcolatrice senza fantasia: il vostro è un poker truccato, non vince nessuno!
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace