Libia, andiamo in guerra ma è meglio se non ne parliamo

Libia, si prepara la missione internazionale coordinata dall'Italia, ma il Parlamento tace

C'è una parola che fatichiamo a pronunciare: la parola guerra. L'Italia sta entrando in guerra ma quasi non se ne parla. In Libia Isis si sta espandendo e ha già una capitale: Sirte, la città dove nacque e morì Gheddafi. Il governo libico, che dovrebbe essere la sintesi fra laici e islamisti, fatica invece a insediarsi fra liti tribali e rivalità militari. La comunità internazionale attende l'insediamento affinché si compia la piccola farsa della richiesta di aiuto: soltanto se lo chiederà Tripoli, l'intervento sarà legittimo (nella foto, un soldato fedele al governo di Tripoli controlla una casa bombardata a Bengasi).

Advertisement - Continue Reading Below

Nell'attesa, nel deserto libico si moltiplicano le impronte degli scarponi. Francesi innanzitutto, ma anche americani, inglesi e italiani. Naturalmente tutti si affrettano a smentire, ma è cosa nota che i corpi speciali stiano già individuando gli obiettivi da colpire. Il tutto, ovviamente, in clandestinità. Alla luce del sole, invece, sono i decolli di droni americani armati di missili dalla nostra base di Sigonella. Abbiamo autorizzato Washington a utilizzarla solo per "finalità difensive": in pratica, se i corpi speciali Usa attaccano una postazione Isis e si trovano in difficoltà, dalla Sicilia arrivano i rinforzi.

Più Popolare

Intanto, l'Italia testa armamenti, addestra soldati, calcola voli e trasferimenti via mare. Con un nemico dichiarato, il Califfato nero. E uno nascosto: la Francia con le sue mire espansionistiche sul petrolio della Cirenaica. La francese Total, non è un mistero, agogna nuove posizioni scalzando la nostra Eni. Il rischio più grande del conflitto libico è che si ripetano gli errori della guerra del 2011, quando per cacciare Gheddafi si consegnò il Paese al caos e ai fondamentalisti. Ma a restar fermi si rischia che Isis si rafforzi ancor più. Un bel rebus. Con l'Europa ancora divisa e la necessità di coordinarsi con gli americani. Gli stessi americani che, come dice Wikileaks, non si sono fatti scrupoli nello spiare a piacimento i nostri governanti.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento