Taylor Swift: dopo Tom Hiddleston, serve una vacanza

​La coppia più paparazzata dell'estate è scoppiata. Colpa di lui? Colpa di lei? Ecco perché non ha importanza

Più Popolare

Cara Taylor,

rimani pure in vacanza.

Sì, lo so che te ne sei stata prevalentemente per fatti tuoi per più di un mese, dopo le quotidiane cartoline romantiche d'inizio estate (tutte piuttosto stucchevoli, pure per le più abbindolabili di noi) insieme a Tom Hiddleston. Hai persino deciso di non farti vedere agli MTV Video Music Award, un po' perché c'era Beyoncé, e quindi niente da vincere; un po' perché c'era Kanye West, e quindi molto da litigare. Poi le vacanze sono finite: io sono tornata a lavorare, e tu hai lasciato Tom Hiddleston. Oppure è lui che ha lasciato te? Non si capisce. Non ha importanza.

Advertisement - Continue Reading Below

Nel primo caso, la storia sarebbe questa: lui, candidato per The Night Manager (una serie tv di spie che avrebbe dovuto garantirgli un posto da James Bond, ma più verosimilmente lo ha immortalato erede di Gabriel Garko) voleva che lo accompagnassi sul red carpet degli Emmy a scopo visibilità, tu ti sei sentita sfruttata e hai deciso che non era amore vero. Perspicace. Neanche per idea – dicono gli amici di Tom: lui è uno spezzacuori sistematico, e dopo al massimo tre mesi si stufa di chiunque, anche della fidanzata più prestigiosa. Mascalzone. In ogni caso, di che riempire diari segreti e dischi di platino.

Più Popolare

Non lo fare, Tay. Non questa volta. Abbiamo tutte un'amica sentimentalmente tormentata (e se pensate di non averla, siete voi). Nome in codice: la lagnosa. Una che tutte le volte si innamora davvero: organizza vacanze, scomoda genitori, progetta lieti fini da raccontare ai nipotini. Poi viene mollata – oppure molla: non si capisce, non ha importanza – e per una quantità irragionevole di tempo disseziona ogni messaggio. Ogni sospiro. Ogni silenzio. Non c'è niente di più noioso dell'autopsia di un amore immaginario.

Il problema della lagnosa è che ha perso ogni contatto con la realtà. Esiste in una dimensione parallela, un delirio paranoide in cui ogni cosa è dissimulata. È sinceramente convinta che una faccina su Whatsapp significhi qualcosa di diverso da «sembrava brutto non rispondere». È intimamente persuasa che tutti vogliano esprimere molte più cose di quante si prendano il disturbo di verbalizzare. E giura su quanto ha di più caro che è proprio per questo che rimane sempre sola: troppo sensibile, troppo impegnativa.

La differenza tra una lagnosa e Sienna Miller – a proposito: è vero che adesso sta con il regista di Foxcatcher? – è la reputazione. La tua non può permettersi altri equivoci. Arriva il momento, nella vita di ogni ragazza sessualmente attiva, in cui per essere presa sul serio bisogna smettere di dare la colpa all'amore. Ti assicuro, risulteresti canticchiabilissima anche così.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi piacciono le vite degli altri
Io quando entro in un salotto guardo dettagli. Dove sono tutti i telecomandi? La tv? La poltrona sarà comoda?
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
milano nolo graffiti
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo
Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano: fateci un salto. A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop