Virginia Raggi, è presto per giudicare la sindaca di Roma

La politica dei Cinque Stelle è stata eletta sindaca di Roma da quasi il 70 per cento dei votanti: ora ha il dovere di rispondere alle critiche ma anche quello di lavorare con tranquillità

Ci sono due atteggiamenti insopportabili nella vicenda Cinque stelle a Roma. Il primo è di chi, nel movimento di Grillo, lamenta vittimisticamente un accanimento mediatico contro la sindaca Virginia Raggi. La colpa di quello che sta accadendo nella capitale non sarebbe degli errori della sindaca e dei vertici M5S, bensì della propaganda brutta e cattiva dei "giornaloni" e della tv, pronti a punire ogni loro minimo errore e nascondere gli inciampi delle giunte del Pd. È un atteggiamento infantile, anche perché non è vero che avvisi di garanzia e scandali nel partito di Renzi non siano stati raccontati dai media: si pensi solo alla vicenda Tempa Rossa o a quella del governatore della Campania De Luca.

Advertisement - Continue Reading Below

E poi cosa si aspettavano i grillini dopo aver sputato fuoco e fiamme per anni contro ogni minima grana giudiziaria altrui? Ora, con un assessore all'ambiente indagato (e traballante) e un altro già silurato prima ancora di sedersi in giunta, riscoprono il garantismo. Ma non possono evitare il contrappasso mediatico. I Cinque stelle a Roma sono una novità assoluta e incarnano le speranze di molti cittadini. Che abbiano più occhi puntati addosso è del tutto normale.

Più Popolare

Ma qui arriviamo al secondo atteggiamento sbagliato al quale ci tocca assistere: è di chi si frega le mani per il possibile fallimento della Raggi. Leggere le dichiarazioni trionfanti di parecchi politici fa davvero pena. Di cosa ci sarebbe da rallegrarsi  se la sindaca fallisse? Vogliamo la capitale italiana sommersa dai rifiuti e ancor più derisa in mondovisione? Speriamo in una catastrofe purificatrice? E poi, chi governerà sulle macerie? 

Le critiche vanno bene, il tifo da stadio no: Roma va salvata, adesso. E Virginia Raggi, scelta da quasi il 70 per cento dei votanti, ha il dovere di rispondere alle critiche ma anche il diritto di lavorare con un po' di tranquillità. Poi, al momento opportuno, i cittadini la giudicheranno.

More from Gioia!:
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu