Marissa Mayer, la secchiona incompresa

L'amministratore delegato di Yahoo! sostiene che per ottenere risultati a volte bisogna lavorare molto e sacrificare il tempo con i figli, e fa infuriare le mamme del web

Più Popolare

Cara Marissa,

devi avere pazienza.

Non siamo abituate alla disciplina. Quando eravamo ancora tutte spiaggiate al sole, sulla stampa locale è rimbalzata un'intervista a Bloomberg in cui parlavi di un sacco di cose interessanti, molte addirittura attuali: la crisi di Yahoo!, la vendita a Verizon, l'arrivo inaspettato delle gemelle nel mentre, la rinuncia al congedo parentale come «un fatto della vita», perché «ci sono tante opzioni, tutte valide, e poi c'è quella che scegli, e cerchi di far funzionare meglio che puoi».

Advertisement - Continue Reading Below

Di passaggio, hai parlato pure di quando lavoravi a Google. Eri la dipendente numero 20: avevi 24 anni, nel 1999, ed eri il primo ingegnere donna in un'azienda che stava per cambiare i meccanismi del mondo. Tirava un'aria rivoluzionaria, a Mountain View. Ed è facile immaginare l'entusiasmo dei pionieri: «Si sottovaluta sempre l'importanza del lavoro duro. Quando i giornalisti scrivono dell'ascesa di Google, la raccontano come fosse inevitabile. In realtà l'esperienza è stata più simile a… "Puoi lavorare 130 ore a settimana?". La risposta è sì, se pianifichi con attenzione pipì, docce e sonnellini».

Più Popolare

Nel linguaggio internazionale delle secchione significa: il segreto di ogni successo è l'organizzazione prussiana. Sotto gli ombrelloni è diventato: questa scriteriata lavora – rumore di calcolatrice – 18,5 ore al giorno, poveri bambini. Quali? Non si sa: il tuo primo è nato nel 2012. Ma la verità non conta, quando bisogna giocare al piccolo moralista. E il rispetto per le scelte delle donne è sempre proporzionale a quanto somigliano alle nostre.

Le secchione, quest'estate, alle Olimpiadi hanno guardato soprattutto la ginnastica artistica. Cioè: la sublimazione agonistica del perfezionismo ossessivo. Simone Biles – la diciannovenne americana che ha vinto quattro medaglie d'oro – non ha per niente l'aria della martire, anzi: la sua allenatrice «la lascia sorridere», perché sostiene che per migliorare abbia soprattutto bisogno di divertirsi. Infatti passa in palestra meno tempo di tutte, e ai campionati del mondo dell'anno scorso a Glasgow ha guidato la squadra alla rivolta, pretendendo un pomeriggio di pausa dopo tre settimane di preparazione ininterrotta.

La coordinatrice della squadra americana era Márta Károlyi: la leggendaria moglie del leggendario Béla, allenatore senza pietà, che nel 1976 portò Nadia Comăneci al primo 10 perfetto della storia. Siccome i tempi sono cambiati, alle ginnaste ribelli di Glasgow Márta ha dato il permesso di fare una passeggiata. Le ragazze sono tornate in palestra dopo appena venti minuti. Il resto del mondo non capisce, Marissa, ma per voi secchione di successo la devozione maniacale è parte integrante del divertimento.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita