Marissa Mayer, la secchiona incompresa

L'amministratore delegato di Yahoo! sostiene che per ottenere risultati a volte bisogna lavorare molto e sacrificare il tempo con i figli, e fa infuriare le mamme del web

Più Popolare

Cara Marissa,

devi avere pazienza.

Non siamo abituate alla disciplina. Quando eravamo ancora tutte spiaggiate al sole, sulla stampa locale è rimbalzata un'intervista a Bloomberg in cui parlavi di un sacco di cose interessanti, molte addirittura attuali: la crisi di Yahoo!, la vendita a Verizon, l'arrivo inaspettato delle gemelle nel mentre, la rinuncia al congedo parentale come «un fatto della vita», perché «ci sono tante opzioni, tutte valide, e poi c'è quella che scegli, e cerchi di far funzionare meglio che puoi».

Advertisement - Continue Reading Below

Di passaggio, hai parlato pure di quando lavoravi a Google. Eri la dipendente numero 20: avevi 24 anni, nel 1999, ed eri il primo ingegnere donna in un'azienda che stava per cambiare i meccanismi del mondo. Tirava un'aria rivoluzionaria, a Mountain View. Ed è facile immaginare l'entusiasmo dei pionieri: «Si sottovaluta sempre l'importanza del lavoro duro. Quando i giornalisti scrivono dell'ascesa di Google, la raccontano come fosse inevitabile. In realtà l'esperienza è stata più simile a… "Puoi lavorare 130 ore a settimana?". La risposta è sì, se pianifichi con attenzione pipì, docce e sonnellini».

Più Popolare

Nel linguaggio internazionale delle secchione significa: il segreto di ogni successo è l'organizzazione prussiana. Sotto gli ombrelloni è diventato: questa scriteriata lavora – rumore di calcolatrice – 18,5 ore al giorno, poveri bambini. Quali? Non si sa: il tuo primo è nato nel 2012. Ma la verità non conta, quando bisogna giocare al piccolo moralista. E il rispetto per le scelte delle donne è sempre proporzionale a quanto somigliano alle nostre.

Le secchione, quest'estate, alle Olimpiadi hanno guardato soprattutto la ginnastica artistica. Cioè: la sublimazione agonistica del perfezionismo ossessivo. Simone Biles – la diciannovenne americana che ha vinto quattro medaglie d'oro – non ha per niente l'aria della martire, anzi: la sua allenatrice «la lascia sorridere», perché sostiene che per migliorare abbia soprattutto bisogno di divertirsi. Infatti passa in palestra meno tempo di tutte, e ai campionati del mondo dell'anno scorso a Glasgow ha guidato la squadra alla rivolta, pretendendo un pomeriggio di pausa dopo tre settimane di preparazione ininterrotta.

La coordinatrice della squadra americana era Márta Károlyi: la leggendaria moglie del leggendario Béla, allenatore senza pietà, che nel 1976 portò Nadia Comăneci al primo 10 perfetto della storia. Siccome i tempi sono cambiati, alle ginnaste ribelli di Glasgow Márta ha dato il permesso di fare una passeggiata. Le ragazze sono tornate in palestra dopo appena venti minuti. Il resto del mondo non capisce, Marissa, ma per voi secchione di successo la devozione maniacale è parte integrante del divertimento.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda