Al Family Day sono buoni come Rossella O'Hara in Via col vento

Nel film i sudisti-schiavisti sono i buoni. Come quelli del Family Day: non credono nell'uguaglianza, ma sono bravissimi coi bambini

Più Popolare

So che anche voi sapete a memoria Via col vento, e quindi sapete che non c'è una scena in cui i nordisti non siano cattivi. Quando rovinano quelle belle merende alle Dodici Querce con la loro stupida guerra. Quando uccidono il primo marito di Rossella, e poi i loro amici, perfino i gemelli Tarleton, che erano stati i primi a farle dire «Perdindirindina», e insomma non si fa così. Quando la riducono in miseria e poco ci manca che perda Tara (per fortuna Rossella è piena di risorse e di tende di velluto e di propensione a sposare un po' chiunque). Sono tutti orrendi, da quelli che fanno morire Elena contagiandola con le loro malattie a quelli che vorrebbero arrestare Ashley solo perché ha guidato una spedizione punitiva contro dei teppisti.

Advertisement - Continue Reading Below

Di solito Via col vento si vede la prima volta – quella che conta, quella dell'imprinting – quando si è abbastanza piccole da non aver ancora studiato la guerra civile americana. Io avevo sette anni; se qualcuno, nei decenni successivi, mi avesse detto che, facendo il tifo per Rossella, stavo dalla parte degli schiavisti, mi sarei offesa moltissimo. Loro sono i buoni, non vedi? Gli schiavi sono più contenti di stare in famiglia! Non ti ricordi che il nero Sam, quando la incontra ad Atlanta dove lavora da uomo libero, la prega di rimandarlo alla piantagione? Lui con quella gentaglia mica voleva starci. Il nord sarà pure emancipazione e liberazione, ma la schiava Mamy lo trova volgarissimo. E i sudisti agli schiavi vogliono bene: Rossella non frusta nemmeno Prissy, che pure se lo meriterebbe moltissimo.

Più Popolare

A fine gennaio, la versione contemporanea dei sudisti s'è riunita a Roma, al Circo Massimo. Non erano i diritti civili dei neri, il pretesto, ma quelli dei gay. Per il resto era tutto uguale: pensavano alla famiglia, volevano bene ai loro bambini, volevano proteggerli dalle sporche usanze della modernità, quelle che prevedono schiavi liberati e adozioni ai gay. Come si fa a non capirli: loro sono i buoni, non vedi? Non vogliono neanche mettere fuorilegge l'omosessualità, che pure se lo meriterebbe moltissimo. Li guardavo e pensavo che non avevano fatto abbastanza provini, però: nel cast mica c'era una cui sarebbe stato bene il velluto verde.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna