Al Family Day sono buoni come Rossella O'Hara in Via col vento

Nel film i sudisti-schiavisti sono i buoni. Come quelli del Family Day: non credono nell'uguaglianza, ma sono bravissimi coi bambini

Più Popolare

So che anche voi sapete a memoria Via col vento, e quindi sapete che non c'è una scena in cui i nordisti non siano cattivi. Quando rovinano quelle belle merende alle Dodici Querce con la loro stupida guerra. Quando uccidono il primo marito di Rossella, e poi i loro amici, perfino i gemelli Tarleton, che erano stati i primi a farle dire «Perdindirindina», e insomma non si fa così. Quando la riducono in miseria e poco ci manca che perda Tara (per fortuna Rossella è piena di risorse e di tende di velluto e di propensione a sposare un po' chiunque). Sono tutti orrendi, da quelli che fanno morire Elena contagiandola con le loro malattie a quelli che vorrebbero arrestare Ashley solo perché ha guidato una spedizione punitiva contro dei teppisti.

Advertisement - Continue Reading Below

Di solito Via col vento si vede la prima volta – quella che conta, quella dell'imprinting – quando si è abbastanza piccole da non aver ancora studiato la guerra civile americana. Io avevo sette anni; se qualcuno, nei decenni successivi, mi avesse detto che, facendo il tifo per Rossella, stavo dalla parte degli schiavisti, mi sarei offesa moltissimo. Loro sono i buoni, non vedi? Gli schiavi sono più contenti di stare in famiglia! Non ti ricordi che il nero Sam, quando la incontra ad Atlanta dove lavora da uomo libero, la prega di rimandarlo alla piantagione? Lui con quella gentaglia mica voleva starci. Il nord sarà pure emancipazione e liberazione, ma la schiava Mamy lo trova volgarissimo. E i sudisti agli schiavi vogliono bene: Rossella non frusta nemmeno Prissy, che pure se lo meriterebbe moltissimo.

Più Popolare

A fine gennaio, la versione contemporanea dei sudisti s'è riunita a Roma, al Circo Massimo. Non erano i diritti civili dei neri, il pretesto, ma quelli dei gay. Per il resto era tutto uguale: pensavano alla famiglia, volevano bene ai loro bambini, volevano proteggerli dalle sporche usanze della modernità, quelle che prevedono schiavi liberati e adozioni ai gay. Come si fa a non capirli: loro sono i buoni, non vedi? Non vogliono neanche mettere fuorilegge l'omosessualità, che pure se lo meriterebbe moltissimo. Li guardavo e pensavo che non avevano fatto abbastanza provini, però: nel cast mica c'era una cui sarebbe stato bene il velluto verde.

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità