Chi dice di essere contento del tuo successo mente

​Lo mostra il nuovo film con Ben Stiller intitolato "Giovani si diventa"...

Più Popolare

C'è una frase che hanno detto tanti di quegli scrittori da rendere difficile attribuirla (chi avrà confessato l'inconfessabile prima che diventasse di moda ammetterlo?). La frase è:

Non mi basta avere successo, mi serve anche l'insuccesso di tutti i miei amici

Advertisement - Continue Reading Below

Nessuna bugia – non «Ti trovo benissimo», neppure «Non ho mangiato niente tutto il giorno» – nessuna bugia è più bugiarda di «Sono contenta per il tuo successo come se fosse il mio». Non vale mai. Non se parli con tua sorella, con tuo marito, con l'amica di una vita. Se fa il tuo stesso mestiere, vuoi che sia più scarsa di te. Nessun bugiardo è più bugiardo dello scrittore che esulta per lo Strega dell'altro, del regista che tifa per l'Oscar del collega, della popstar che va ad applaudire un'altra popstar che riempie gli stadi.

Più Popolare

A volte il bugiardo s'impegna a credere alle sue stesse bugie,povero, si convince d'essere davvero felice per il successo altrui: 
in genere ne seguono ulcere che ci vuole una vita a tamponare. Se dipingi acquarelli, incidi canzoni, scrivi film o romanzi o anche solo un blog, l'unico rapporto sano che tu possa avere con chi faccia il tuo stesso lavoro è di una sfumatura che va da «Maledetto, perché quest'idea non è venuta a me» a «Meno male che il tuo è andato male, così avanza pubblico per il mio».

La più bella serie televisiva dell'anno scorso, The Affairaveva un personaggio secondario per il quale desidero da un anno uno spin-off: il suocero. Il protagonista era un romanziere fallito che tradiva la moglie. Il suocero era un romanziere di gran successo (per fare le proporzioni: come se io avessi per suocera Sveva Casati Modignani). Il motore di tutto erano le sane pulsioni di odio e invidia e fallita emulazione del genero nei confronti del suocero. A un certo punto praticamente glielo diceva, alla moglie: ti ho tradito perché tuo padre vende più di me.

Giovani si diventa è uscito al cinema adesso (in omaggio due ore d'aria condizionata) e parla di noi: del rincoglionimento che coglie i quarantenni che figliano (e si fanno tatuare l'ecografia), e del figliare come ripiego a talenti professionali che a un certo punto ci si arrende a non avere. In più, contiene lo spin-off che volevo: il suocero è un documentarista famosissimo, mentre Ben Stiller (nella foto) sta lavorando a un documentario da dieci anni senza concludere niente. Dice che un certo filmato serve a mettere a disagio lo spettatore, e il suocero: «Non ero a disagio: ero annoiato». Lui pensa che glielo dica per invidia, e invece no: c'è un ventenne più bravo di lui, gli ruberà le lodi che lui pensa gli spettino. Perché, che facciamo acquarelli o canzoni o blog, pensiamo di essere faticosi e complessi e destinati a gloria postuma, mica semplicemente scarsi.

nessuna bugia è più bugiarda di «Sono contenta per il tuo successo come se fosse il mio»

Foto: Getty

More from Gioia!:
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award