Chi dice di essere contento del tuo successo mente

​Lo mostra il nuovo film con Ben Stiller intitolato "Giovani si diventa"...

Più Popolare

C'è una frase che hanno detto tanti di quegli scrittori da rendere difficile attribuirla (chi avrà confessato l'inconfessabile prima che diventasse di moda ammetterlo?). La frase è:

Non mi basta avere successo, mi serve anche l'insuccesso di tutti i miei amici

Advertisement - Continue Reading Below

Nessuna bugia – non «Ti trovo benissimo», neppure «Non ho mangiato niente tutto il giorno» – nessuna bugia è più bugiarda di «Sono contenta per il tuo successo come se fosse il mio». Non vale mai. Non se parli con tua sorella, con tuo marito, con l'amica di una vita. Se fa il tuo stesso mestiere, vuoi che sia più scarsa di te. Nessun bugiardo è più bugiardo dello scrittore che esulta per lo Strega dell'altro, del regista che tifa per l'Oscar del collega, della popstar che va ad applaudire un'altra popstar che riempie gli stadi.

Più Popolare

A volte il bugiardo s'impegna a credere alle sue stesse bugie,povero, si convince d'essere davvero felice per il successo altrui: 
in genere ne seguono ulcere che ci vuole una vita a tamponare. Se dipingi acquarelli, incidi canzoni, scrivi film o romanzi o anche solo un blog, l'unico rapporto sano che tu possa avere con chi faccia il tuo stesso lavoro è di una sfumatura che va da «Maledetto, perché quest'idea non è venuta a me» a «Meno male che il tuo è andato male, così avanza pubblico per il mio».

La più bella serie televisiva dell'anno scorso, The Affairaveva un personaggio secondario per il quale desidero da un anno uno spin-off: il suocero. Il protagonista era un romanziere fallito che tradiva la moglie. Il suocero era un romanziere di gran successo (per fare le proporzioni: come se io avessi per suocera Sveva Casati Modignani). Il motore di tutto erano le sane pulsioni di odio e invidia e fallita emulazione del genero nei confronti del suocero. A un certo punto praticamente glielo diceva, alla moglie: ti ho tradito perché tuo padre vende più di me.

Giovani si diventa è uscito al cinema adesso (in omaggio due ore d'aria condizionata) e parla di noi: del rincoglionimento che coglie i quarantenni che figliano (e si fanno tatuare l'ecografia), e del figliare come ripiego a talenti professionali che a un certo punto ci si arrende a non avere. In più, contiene lo spin-off che volevo: il suocero è un documentarista famosissimo, mentre Ben Stiller (nella foto) sta lavorando a un documentario da dieci anni senza concludere niente. Dice che un certo filmato serve a mettere a disagio lo spettatore, e il suocero: «Non ero a disagio: ero annoiato». Lui pensa che glielo dica per invidia, e invece no: c'è un ventenne più bravo di lui, gli ruberà le lodi che lui pensa gli spettino. Perché, che facciamo acquarelli o canzoni o blog, pensiamo di essere faticosi e complessi e destinati a gloria postuma, mica semplicemente scarsi.

nessuna bugia è più bugiarda di «Sono contenta per il tuo successo come se fosse il mio»

Foto: Getty

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne