Diventare etero: meno gay in 5 giorni

​A offrire il pacchetto è un centro religioso lombardo e dimostra che siamo malati, sì, ma di omofobia

Dato il legittimo sospetto che "curare i gay" sia un'operazione a scopro di lucro, più o meno come organizzare crociere per omosessuali, solo più di nicchia (e infatti: cinque giorni di messe, canti, preghiere, invocazioni dello spirito santo, confessioni, meditazioni a luce spenta, lezioni più dispense e dvd a soli 185 euro), si vorrebbe liquidare l'ultima imperdibile offerta, il seminario proposto dal centro di spiritualità Sant'Obizio in provincia di Brescia, come una boiata pazzesca.

Advertisement - Continue Reading Below

Meno gay in cinque giorni, ah ah! Riderci su.Sorridere del fatto che tra i docenti ci sarebbe anche quel Luca era gay e adesso-sta con lei della canzone di Povia. Del titolo del corso, Adamo ed Eva: dove siete? Del curriculum dei docenti: tre "ex gay" affiancati da un frate francescano e da un padre passionista.

Minimizzare insomma, dirsi: "Boh, sarà uno di quegli annunci che finiscono da soli nella cartella spam della posta elettronica, insieme alle proposte di allungamento del pene e di vantaggiose transazioni finanziarie con certe banche nigeriane". Tocca invece disperarsi e prendere serissimamente pure i presunti Luca di Povia.

Più Popolare

Perché siamo in un Paese in cui "curare i gay" non è solo brand cretino e di super nicchia, ma stupidaggine ammessa e strumentalizzata dalla politica; è idea balorda patrocinata (è successo in Lombardia) dalle istituzioni. Un Paese in cui, mentre c'è chi pretende di curare gli altrui orientamenti sessuali, si rinuncia a medicare le ferite che vistosamente dilagano e imputridiscono: ignoranza, intolleranza, oscurantismo, prevaricazione, incitazione all'odio.

Una parte della società italiana è ammalata, sì: d'omofobia e più in generale di razzismo, che è una malattia molto, molto grave. È intossicata da parole violente e oscurantiste. È esposta al contagio del cinismo cialtrone e irresponsabile.

C'è un bisogno grande di parole che curino. C'è bisogno che la politica, per prima, le pronunci.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Rose McGowan ovvero la donna che per prima ha dato il via allo scandalo delle molestie a Hollywood
Esce in Italia il libro dell'attrice che con la sua denuncia ha dato il via allo scandalo delle molestie di Hollywood
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori