La ragazza del treno non è curvy: è grassa

​La trovata rivoluzionaria del nuovo bestseller è che la protagonista è brutta e grassa perché alcolizzata. Ma al cinema, resterà così?

Più Popolare

Forse in questo momento, sotto l'ombrellone, state leggendo La ragazza del treno. Forse l'avete già letto. Di sicuro ne avete sentito parlare: bestseller a sorpresa dell'anno, per il quale si scomodano paragoni con Hitchcock (la Rachel che dal treno guarda le vite degli altri e diventa testimone d'un crimine è un fin troppo facile rimando a La finestra sul cortile) e con L'amore bugiardo. Anche qui, nessun matrimonio è quello che sembra: non quello ormai finito di Rachel; non quello nuovo del suo ex marito Tom; non quello di Megan, la morta che Rachel guardava passando in treno davanti a casa sua.Probabilmente sapete già tutto, anche chi è l'assassino. Io non l'ho capito fino alla fine, ma io sono particolarmente tonna. E per tutta la lettura ero concentrata su un dettaglio anormale: Rachel è brutta. Brutta come non si è più abituati a leggerne: brutta che in 306 pagine nessuno le dice mai «Ma cosa dici, sei bellissima», brutta senza il rifugio di un'«Ognuna è bella a modo suo», brutta che a fine lettura ho subito pensato che, mannaggia, scommetto che nella versione hollywoodiana sarà bella, e invece che sia brutta è il vero senso della storia.E infatti le voci di casting dicono che, nell'immancabile adattamento cinematografico del bestseller, la protagonista sarà Emily Blunt. Chissà se ingrasserà come fanno le Charlize Theron e le Renée Zellweger quando vogliono sembrare più simili a noi mortali e più degne di un Oscar. Chissà se metterà su quei venti chili che fanno passare Rachel da ragazza formosa (educato eufemismo per dire «se metti su un altro etto passerai da "sexy" a "vescica di lardo"») a «quella cicciona», come la apostrofa la moglie del suo ex.

Advertisement - Continue Reading Below

Rachel è diventata così bevendo, è sempre ubriaca (che è la ragione per cui ci vogliono trecento pagine a risolvere la storia: mica sa se ha visto davvero quel che crede d'aver visto), e il passaggio da formosa a sfatta ricorda Liz Taylor: solo che, se sei Liz Taylor, il tuo disfacimento ha qualcosa di grandioso; se sei una disoccupata delle periferie inglesi, ti rende solo una che l'ex marito si vergogna d'aver sposato. Una – è questo che la rende un personaggio sovversivo – del tutto al di fuori del gioco del desiderio.

Più Popolare

Anche se Rachel ha rapporti sessuali nell'arco della storia, sono frutto del caso e della disperazione, mai di un meccanismo seduttivo, al quale ingrassare è la maniera più efficace per sottrarsi. La Amy di L'amore bugiardo era una psicopatica, ma (anzi: proprio per questo) era costantemente seduttiva. La Rachel di La ragazza del treno sperimenta l'unica trovata narrativa rivoluzionaria: il coraggio di non nascondersi dietro baggianate tipo «curvy», e di fare della tua protagonista una sgradevole cicciona.

Nella foto, il quadro Q Train di Nigel Van Wieck.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà