La ragazza del treno non è curvy: è grassa

​La trovata rivoluzionaria del nuovo bestseller è che la protagonista è brutta e grassa perché alcolizzata. Ma al cinema, resterà così?

Più Popolare

Forse in questo momento, sotto l'ombrellone, state leggendo La ragazza del treno. Forse l'avete già letto. Di sicuro ne avete sentito parlare: bestseller a sorpresa dell'anno, per il quale si scomodano paragoni con Hitchcock (la Rachel che dal treno guarda le vite degli altri e diventa testimone d'un crimine è un fin troppo facile rimando a La finestra sul cortile) e con L'amore bugiardo. Anche qui, nessun matrimonio è quello che sembra: non quello ormai finito di Rachel; non quello nuovo del suo ex marito Tom; non quello di Megan, la morta che Rachel guardava passando in treno davanti a casa sua.Probabilmente sapete già tutto, anche chi è l'assassino. Io non l'ho capito fino alla fine, ma io sono particolarmente tonna. E per tutta la lettura ero concentrata su un dettaglio anormale: Rachel è brutta. Brutta come non si è più abituati a leggerne: brutta che in 306 pagine nessuno le dice mai «Ma cosa dici, sei bellissima», brutta senza il rifugio di un'«Ognuna è bella a modo suo», brutta che a fine lettura ho subito pensato che, mannaggia, scommetto che nella versione hollywoodiana sarà bella, e invece che sia brutta è il vero senso della storia.E infatti le voci di casting dicono che, nell'immancabile adattamento cinematografico del bestseller, la protagonista sarà Emily Blunt. Chissà se ingrasserà come fanno le Charlize Theron e le Renée Zellweger quando vogliono sembrare più simili a noi mortali e più degne di un Oscar. Chissà se metterà su quei venti chili che fanno passare Rachel da ragazza formosa (educato eufemismo per dire «se metti su un altro etto passerai da "sexy" a "vescica di lardo"») a «quella cicciona», come la apostrofa la moglie del suo ex.

Advertisement - Continue Reading Below

Rachel è diventata così bevendo, è sempre ubriaca (che è la ragione per cui ci vogliono trecento pagine a risolvere la storia: mica sa se ha visto davvero quel che crede d'aver visto), e il passaggio da formosa a sfatta ricorda Liz Taylor: solo che, se sei Liz Taylor, il tuo disfacimento ha qualcosa di grandioso; se sei una disoccupata delle periferie inglesi, ti rende solo una che l'ex marito si vergogna d'aver sposato. Una – è questo che la rende un personaggio sovversivo – del tutto al di fuori del gioco del desiderio.

Più Popolare

Anche se Rachel ha rapporti sessuali nell'arco della storia, sono frutto del caso e della disperazione, mai di un meccanismo seduttivo, al quale ingrassare è la maniera più efficace per sottrarsi. La Amy di L'amore bugiardo era una psicopatica, ma (anzi: proprio per questo) era costantemente seduttiva. La Rachel di La ragazza del treno sperimenta l'unica trovata narrativa rivoluzionaria: il coraggio di non nascondersi dietro baggianate tipo «curvy», e di fare della tua protagonista una sgradevole cicciona.

Nella foto, il quadro Q Train di Nigel Van Wieck.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?