Sasha Obama, figlia di femminista

In vacanza a Martha's Vineyard, la figlia del presidente arrotonda come una normale ragazza ricca​: sono le pari opportunità

Più Popolare

Cara Sasha,

è quasi finita. Ancora pochi mesi, e poi papà sarà il presidente più rimpianto dai femminili di tutto il mondo – a cantare l'inno nazionale il giorno del secondo insediamento chiamò Beyoncé: come potrà mai andare meglio di così? – e tu avrai finalmente il diritto di vivere come una qualunque quindicenne figlia di miliardari democratici. Che non è facile, mi rendo conto, ma quantomeno nessuno reputerà ancora opportuno fotografarti in pantaloni beige mentre lavori in un ristorante di Martha's Vineyard.

Advertisement - Continue Reading Below

Questa del lavoretto estivo è una fissazione dei genitori ricchi di sinistra: come se sparecchiare nel locale di certi amici al mare, aiutata da sei guardie del corpo, in orari di bassa affluenza, potesse somigliare anche lontanamente a un lavoro vero. La responsabilità più delicata che hai imparato ad assumerti, in quella settimana (scarsa) da cameriera, è stata di tenere sempre in testa il cappello aziendale con visiera. Peraltro orrendo. Poi sull'isola è arrivato anche il resto della famiglia – mamma e papà dalla campagna elettorale, quella gran culo di Malia dai prati del Lollapalooza – e la vacanza è potuta cominciare.

Più Popolare

Prima di partire, però, tuo padre l'infaticabile ha lasciato al mondo un messaggio su cui riflettere – come compito per le vacanze – sotto forma di editoriale breve per quindicenni che comprano Glamour (così non hai manco la scusa di non averlo letto perché dovevi lavorare). «Le persone più importanti della mia vita sono state donne», ha scritto lì per cominciare. Èd è stato allora che mi sei venuta in mente tu.

Dopo nonna Ann buonanima, che faceva la ragazza madre e l'antropologa quando le femmine erano al massimo mogli di carriera; dopo mamma Michelle, che ha reso quello della first lady un mestiere allettante anche per un marito; e dopo la solita Malia, che l'anno scorso era sul set con Lena Dunham e il prossimo andrà ad Harvard come papà; tu servi gamberi freschi fritti alla fermata dello yacht. Ci vuole coraggio a fare la secondogenita.

Ma lui vuole bene a tutt'e due, ci mancherebbe. A un certo punto scrive: «È importante per le mie figlie avere modelli di riferimento in posizioni di vertice, qualunque sia il campo che scelgono» – "qualunque", capisci? – «Ed è cruciale che il loro papà sia femminista, perché questo adesso è quello che si aspettano da tutti i maschi». Non importa cosa tu decida di diventare, Sasha. Lui ha sbucciato le tue mele.

Nel mio piccolo, ho un padre anch'io. A casa era lui che sbucciava la frutta, per me e le mie sorelle. Pertanto, quando ho incontrato mio marito, ho messo in chiaro: «Va bene la parità, ma alla frutta ci pensi tu». Ha protestato, sbuffato, rivendicato. Ma è stato quando ha cominciato a occuparsi di frutta per le sue figlie che ha capito. Lui non sbuccia le mele: stabilisce uno standard.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...