Un'emozione a settimana

​Abbiamo bisogno di indignarci a scadenze regolari, anche per una Miss Italia che non sa quel che dice

Più Popolare

Quando abbiamo cominciato ad annoiarci? Quando mia zia aveva l'età che ho io ora, trascorreva intere serate a fare le parole crociate. Aveva una pila di copie de La settimana enigmistica, ma non aveva un cellulare o una connessione a Internet: mentre cercava il 3 verticale, non controllava i messaggi, non rispondeva a un fidanzato, non leggeva le notizie, non metteva like a qualche foto in cui un'amica fosse venuta male. Faceva una cosa alla volta. Un concetto così straniante che, se ci penso, mi sale la stessa ansia che mi prende quando vedo la batteria del cellulare esaurirsi e so che non potrò ricaricarlo a breve.

Advertisement - Continue Reading Below

Quando mio padre aveva l'età che ho io ora, un weekend il cuginetto settenne venne in campagna da noi. Non c'era la televisione, lui mugugnò che si annoiava e mio padre, col tono con cui si sarebbe rivolto a un proprio coetaneo, disse: «Leggi un libro». Mio padre non è mai stato sveglissimo: neanche allora i settenni viaggiavano con un romanzo nello zainetto, già allora si annoiavano; ma, per ragioni inspiegate, non si annoiavano gli adulti, o gli adolescenti: che cosa diavolo facevamo, quarantott'ore in una casa senza tv e senza Internet? Smettiamola di far finta di credere che prima della connessione permanente si facesse conversazione: ci annoiavamo così poco che non siamo mai arrivati a far conversazione coi genitori per disperazione. Adesso, con un fantastiliardo di stimoli, siamo così annoiati che ci serve un'emozione forte a settimana.

Più Popolare

Ogni weekend ha bisogno della sua indignazione, per farci sentire vivi. Nell'ultimo mese siamo riusciti a indignarci perché la figlia di Eros Ramazzotti legge delle frasi fatte dal gobbo in un programma che nessuno ha mai visto; perché il capo del governo è andato a vedere una finale sportiva tra due italiane a New York; perché Bruno Vespa ha fatto una puntata su una famiglia delle cui vicende tutti parlavano da una settimana; e perché una diciottenne, in un concorso di bellezza, ha dato una risposta da diciottenne a una domanda fessa. Le hanno chiesto in che epoca le sarebbe piaciuto vivere, e quella ha detto 1942. Magari le piacciono i vestiti anni Quaranta, ma sapeva che dalle diciottenni in costume ai concorsi di bellezza si esige profondità. Quindi ha aggiunto che avrebbe voluto guardare la guerra senza partecipare.

Chissà se dopo la diretta qualche amica l'ha messaggiata:«Dovevi dire "Come Hemingway", ho visto su Google che faceva così». La dialettica si sviluppa col crollo senile delle cosce: a diciott'anni, la miss non ha avuto la prontezza di zittire la nostra indignazione ricordandoci che negli stessi giorni festeggiavamo la carriera di Francesco De Gregori, al cui «La ho visto su Google che faceva così». La dialettica si sviluppa col crollo senile delle cosce: a diciott'anni, la miss non ha avuto la prontezza di zittire la nostra indignazione ricordandoci che negli stessi giorni festeggiavamo la carriera di Francesco De Gregori, al cui «La guerra è bella anche se fa male» si era chiaramente ispirata.

Foto: Miss Italia

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Lui colleziona donne: devo dargliela o no?»
Se lui è un dongiovanni di professione, tu sei una calcolatrice senza fantasia: il vostro è un poker truccato, non vince nessuno!
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada