Un'emozione a settimana

Abbiamo bisogno di indignarci a scadenze regolari, anche per una Miss Italia che non sa quel che dice

Più Popolare

Quando abbiamo cominciato ad annoiarci? Quando mia zia aveva l'età che ho io ora, trascorreva intere serate a fare le parole crociate. Aveva una pila di copie de La settimana enigmistica, ma non aveva un cellulare o una connessione a Internet: mentre cercava il 3 verticale, non controllava i messaggi, non rispondeva a un fidanzato, non leggeva le notizie, non metteva like a qualche foto in cui un'amica fosse venuta male. Faceva una cosa alla volta. Un concetto così straniante che, se ci penso, mi sale la stessa ansia che mi prende quando vedo la batteria del cellulare esaurirsi e so che non potrò ricaricarlo a breve.

Advertisement - Continue Reading Below

Quando mio padre aveva l'età che ho io ora, un weekend il cuginetto settenne venne in campagna da noi. Non c'era la televisione, lui mugugnò che si annoiava e mio padre, col tono con cui si sarebbe rivolto a un proprio coetaneo, disse: «Leggi un libro». Mio padre non è mai stato sveglissimo: neanche allora i settenni viaggiavano con un romanzo nello zainetto, già allora si annoiavano; ma, per ragioni inspiegate, non si annoiavano gli adulti, o gli adolescenti: che cosa diavolo facevamo, quarantott'ore in una casa senza tv e senza Internet? Smettiamola di far finta di credere che prima della connessione permanente si facesse conversazione: ci annoiavamo così poco che non siamo mai arrivati a far conversazione coi genitori per disperazione. Adesso, con un fantastiliardo di stimoli, siamo così annoiati che ci serve un'emozione forte a settimana.

Più Popolare

Ogni weekend ha bisogno della sua indignazione, per farci sentire vivi. Nell'ultimo mese siamo riusciti a indignarci perché la figlia di Eros Ramazzotti legge delle frasi fatte dal gobbo in un programma che nessuno ha mai visto; perché il capo del governo è andato a vedere una finale sportiva tra due italiane a New York; perché Bruno Vespa ha fatto una puntata su una famiglia delle cui vicende tutti parlavano da una settimana; e perché una diciottenne, in un concorso di bellezza, ha dato una risposta da diciottenne a una domanda fessa. Le hanno chiesto in che epoca le sarebbe piaciuto vivere, e quella ha detto 1942. Magari le piacciono i vestiti anni Quaranta, ma sapeva che dalle diciottenni in costume ai concorsi di bellezza si esige profondità. Quindi ha aggiunto che avrebbe voluto guardare la guerra senza partecipare.

Chissà se dopo la diretta qualche amica l'ha messaggiata:«Dovevi dire "Come Hemingway", ho visto su Google che faceva così». La dialettica si sviluppa col crollo senile delle cosce: a diciott'anni, la miss non ha avuto la prontezza di zittire la nostra indignazione ricordandoci che negli stessi giorni festeggiavamo la carriera di Francesco De Gregori, al cui «La ho visto su Google che faceva così». La dialettica si sviluppa col crollo senile delle cosce: a diciott'anni, la miss non ha avuto la prontezza di zittire la nostra indignazione ricordandoci che negli stessi giorni festeggiavamo la carriera di Francesco De Gregori, al cui «La guerra è bella anche se fa male» si era chiaramente ispirata.

Foto: Miss Italia

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento