L'arte sottile dell'invettiva

​Se non riuscite a diventare famose, fate come Nicole Arbour: caricate su YouTube un video così odioso che tutti vi insultano

Più Popolare

Come si distingue una cattiva da un'eroina? Nicole Arbour è una canadese belloccia di quelle che non si capisce che lavoro facciano. Nessuno l'aveva mai sentita nominare come attrice (ha fatto delle particine) o come coreografa, poi si è messa a girare dei video, genere "invettiva spiritosa". Li ha messi su YouTube e l'ultimo l'ha resa la cattiva della settimana: Dear fat people ha, mentre scrivo questa pagina, sei milioni di visualizzazioni sul suo solo canale (che a un certo punto YouTube ha chiuso per le polemiche, e poi riaperto), più quelle sui canali che l'hanno ripresa per insultarla.

Advertisement - Continue Reading Below

Lei mica si sente una stronza: semmai eroica, di quelle che ci dicono le verità scomode e pagano in impopolarità – ma la storia farà giustizia. La sinossi di Dear fat people (Cari ciccioni) è: smettetela di frignare, smettetela di abbuffarvi. Nicole è stufa di venire superata nelle file per i controlli aeroportuali da obesi che vengono ritenuti disabili perché mangiano troppo, stufa di quelli che si offendono se si sentono dire che sono grassi ma moriranno di cuore («Al medico direte che è stato offensivo?»).

Più Popolare

Nicole fa di tutto per creare lo scandalo. Sei milioni di visualizzazioni e molti insulti dicono che ha vinto: un'invettiva riuscita è un'invettiva dopo la quale tutti ci tengono a dirti quanto ti disprezzano. Le comiche dicono che non è degna d'appartenere alla loro categoria, le attrici tecnicamente obese e che siamo abituate a definire curvy la accusano di fat-shaming (la specifica forma di bullismo in cui dici ai ciccioni che sono ciccioni). Lei dice che la sua è satira: eccellente scusa per dire cose odiose.

Poi, siccome è sveglia, si gioca la stessa carta di Matteo Renzi. Lui ha risposto alle polemiche per i costi del volo di Stato con cui è andato a vedere la partita tra Roberta Vinci e Flavia Pennetta dicendo che, se fosse andato a vedere una finale di calcio, nessuno avrebbe detto niente. Risposta così ricattatoria da essere inattaccabile: nessuno vuol fare la parte del maschilista, tutti ammutoliscono se cali la carta «Mi criticate solo perché è uno sport da femmine». Nicole Arbour, la Matteo Renzi del Canada, fa la stessa mossa. Dice che il punto è il suo essere troppo caruccia per essere considerata un'autrice satirica: «Se fossi un uomo, nessuno si scandalizzerebbe per le cose che dico».

Intanto un regista sostiene di averle tolto le mansioni di coreografa per un suo film, visto che lei manca di rispetto ai grassi. Nicole risponde che il regista non l'aveva mai scritturata e che vuol solo farsi pubblicità. Che dica verità scomode o vinca tornei di tennis, a ogni eroina tocca il fastidio di un qualche maschio che la usa per farsi pubblicità. In cambio, però, la cliccano in sei milioni.

Foto: Getty

More from Gioia!:
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?
Firme
CONDIVIDI
Il maniaco senza qualità è peggio di Weinstein
C'è chi pensa di poterti saltare addosso senza possedere punti di forza evidenti, e senza che tu gli abbia dato il via libera