Gli inutili sforzi delle malelingue sulla rete

​Da Lena Dunham a Gigi Hadid: perché alle celeb non dispiace essere bersaglio di cattiverie sul web

Più Popolare

Ormai è un modulo anche un po' consunto: celebrità stigmatizza i commentatori dell'Internet che sono cattivi (è il modo comunicativamente efficace per dire "imbecilli" senza innervosire le platee: siamo tutti pronti a stigmatizzare la cattiveria, mentre le accuse di scemenza inciampano spesso nelle nostre code di paglia). L'ultima è stata Lena Dunham, spiegando che del proprio account di Twitter non ha neanche più la password: era stufa di leggere gente che le dava della cicciona; se vuole twittare qualcosa lo detta all'assistente, e non legge le risposte che le arrivano.

Advertisement - Continue Reading Below

Accantoniamo per un attimo la specifica forma di scemenza per cui ad alcuni soggetti, al di fuori di un concorso di bellezza, «sei grassa» (o altra stroncatura estetica) appare come un espediente dialettico sensato. E occupiamoci invece di: chi è questa gente? Voi conoscete qualcuno che si prenda il disturbo di scrivere a una persona che non ha mai incontrato che la disprezza per questo e quel motivo? Esistono davvero?

Più Popolare

Gigi Hadid, übermodella dotata di fianchi, la settimana scorsa ha scritto su Instagram un pensierino rivolto a quelli che la insultano. C'era un elemento abituale: ogni celebrità che dice di fare un discorso generale sull'odio in Rete, e di preoccuparsi soprattutto delle ragazzine che leggono e poi magari smettono di mangiare, in realtà vuole innanzitutto rimarcare di non essere grassa; il modo di Gigi di farcelo capire è stato buttar lì: «Porto la taglia-campionario», cioè una 40 scarsa. Ma il dettaglio illuminante era un altro.

«I vostri commenti feroci non cambiano l'opinione che gli stilisti hanno di me». Cioè: non c'è uno stilista che, a causa dello spernacchiamento proveniente dall'Internet, rinunci a Gigi Hadid per una campagna (o a vestire Lena Dunham per un red carpet). Lo spernacchiamento di quelli dell'Internet interessa solo a quelli dell'Internet (e torna utile alle spernacchiate per ottenere qualche copertina facendo le vittime, ma in realtà neanche a loro frega granché: «Sull'Internet mi hanno detto che sono grassa» non è esattamente un presupposto per mettersi a piangere).

Negli stessi giorni, Robert Pattinson ha raccontato d'aver scommesso (e vinto) col padre circa l'ipotesi che, sotto il video del funerale di Nelson Mandela su YouTube, il primo commento fosse razzista (d'altra parte a Mandela era difficile dare della cicciona: bisognava trovare nuove forme per la propria annoiata ostilità). Concludeva Pattinson che non si tratta di gente normale: «Non ho mai conosciuto nessuno che abbia lasciato un commento». Lo so, viene il sospetto che gli stroncatori da tastiera non siano umani. E invece, altroché: sono quelli che, se t'incontrano, sono più emozionati nel chiederti un autografo.


Foto: Getty

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità