Gli inutili sforzi delle malelingue sulla rete

​Da Lena Dunham a Gigi Hadid: perché alle celeb non dispiace essere bersaglio di cattiverie sul web

Più Popolare

Ormai è un modulo anche un po' consunto: celebrità stigmatizza i commentatori dell'Internet che sono cattivi (è il modo comunicativamente efficace per dire "imbecilli" senza innervosire le platee: siamo tutti pronti a stigmatizzare la cattiveria, mentre le accuse di scemenza inciampano spesso nelle nostre code di paglia). L'ultima è stata Lena Dunham, spiegando che del proprio account di Twitter non ha neanche più la password: era stufa di leggere gente che le dava della cicciona; se vuole twittare qualcosa lo detta all'assistente, e non legge le risposte che le arrivano.

Advertisement - Continue Reading Below

Accantoniamo per un attimo la specifica forma di scemenza per cui ad alcuni soggetti, al di fuori di un concorso di bellezza, «sei grassa» (o altra stroncatura estetica) appare come un espediente dialettico sensato. E occupiamoci invece di: chi è questa gente? Voi conoscete qualcuno che si prenda il disturbo di scrivere a una persona che non ha mai incontrato che la disprezza per questo e quel motivo? Esistono davvero?

Più Popolare

Gigi Hadid, übermodella dotata di fianchi, la settimana scorsa ha scritto su Instagram un pensierino rivolto a quelli che la insultano. C'era un elemento abituale: ogni celebrità che dice di fare un discorso generale sull'odio in Rete, e di preoccuparsi soprattutto delle ragazzine che leggono e poi magari smettono di mangiare, in realtà vuole innanzitutto rimarcare di non essere grassa; il modo di Gigi di farcelo capire è stato buttar lì: «Porto la taglia-campionario», cioè una 40 scarsa. Ma il dettaglio illuminante era un altro.

«I vostri commenti feroci non cambiano l'opinione che gli stilisti hanno di me». Cioè: non c'è uno stilista che, a causa dello spernacchiamento proveniente dall'Internet, rinunci a Gigi Hadid per una campagna (o a vestire Lena Dunham per un red carpet). Lo spernacchiamento di quelli dell'Internet interessa solo a quelli dell'Internet (e torna utile alle spernacchiate per ottenere qualche copertina facendo le vittime, ma in realtà neanche a loro frega granché: «Sull'Internet mi hanno detto che sono grassa» non è esattamente un presupposto per mettersi a piangere).

Negli stessi giorni, Robert Pattinson ha raccontato d'aver scommesso (e vinto) col padre circa l'ipotesi che, sotto il video del funerale di Nelson Mandela su YouTube, il primo commento fosse razzista (d'altra parte a Mandela era difficile dare della cicciona: bisognava trovare nuove forme per la propria annoiata ostilità). Concludeva Pattinson che non si tratta di gente normale: «Non ho mai conosciuto nessuno che abbia lasciato un commento». Lo so, viene il sospetto che gli stroncatori da tastiera non siano umani. E invece, altroché: sono quelli che, se t'incontrano, sono più emozionati nel chiederti un autografo.


Foto: Getty

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda