Gli inutili sforzi delle malelingue sulla rete

​Da Lena Dunham a Gigi Hadid: perché alle celeb non dispiace essere bersaglio di cattiverie sul web

Più Popolare

Ormai è un modulo anche un po' consunto: celebrità stigmatizza i commentatori dell'Internet che sono cattivi (è il modo comunicativamente efficace per dire "imbecilli" senza innervosire le platee: siamo tutti pronti a stigmatizzare la cattiveria, mentre le accuse di scemenza inciampano spesso nelle nostre code di paglia). L'ultima è stata Lena Dunham, spiegando che del proprio account di Twitter non ha neanche più la password: era stufa di leggere gente che le dava della cicciona; se vuole twittare qualcosa lo detta all'assistente, e non legge le risposte che le arrivano.

Advertisement - Continue Reading Below

Accantoniamo per un attimo la specifica forma di scemenza per cui ad alcuni soggetti, al di fuori di un concorso di bellezza, «sei grassa» (o altra stroncatura estetica) appare come un espediente dialettico sensato. E occupiamoci invece di: chi è questa gente? Voi conoscete qualcuno che si prenda il disturbo di scrivere a una persona che non ha mai incontrato che la disprezza per questo e quel motivo? Esistono davvero?

Più Popolare

Gigi Hadid, übermodella dotata di fianchi, la settimana scorsa ha scritto su Instagram un pensierino rivolto a quelli che la insultano. C'era un elemento abituale: ogni celebrità che dice di fare un discorso generale sull'odio in Rete, e di preoccuparsi soprattutto delle ragazzine che leggono e poi magari smettono di mangiare, in realtà vuole innanzitutto rimarcare di non essere grassa; il modo di Gigi di farcelo capire è stato buttar lì: «Porto la taglia-campionario», cioè una 40 scarsa. Ma il dettaglio illuminante era un altro.

«I vostri commenti feroci non cambiano l'opinione che gli stilisti hanno di me». Cioè: non c'è uno stilista che, a causa dello spernacchiamento proveniente dall'Internet, rinunci a Gigi Hadid per una campagna (o a vestire Lena Dunham per un red carpet). Lo spernacchiamento di quelli dell'Internet interessa solo a quelli dell'Internet (e torna utile alle spernacchiate per ottenere qualche copertina facendo le vittime, ma in realtà neanche a loro frega granché: «Sull'Internet mi hanno detto che sono grassa» non è esattamente un presupposto per mettersi a piangere).

Negli stessi giorni, Robert Pattinson ha raccontato d'aver scommesso (e vinto) col padre circa l'ipotesi che, sotto il video del funerale di Nelson Mandela su YouTube, il primo commento fosse razzista (d'altra parte a Mandela era difficile dare della cicciona: bisognava trovare nuove forme per la propria annoiata ostilità). Concludeva Pattinson che non si tratta di gente normale: «Non ho mai conosciuto nessuno che abbia lasciato un commento». Lo so, viene il sospetto che gli stroncatori da tastiera non siano umani. E invece, altroché: sono quelli che, se t'incontrano, sono più emozionati nel chiederti un autografo.


Foto: Getty

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?