Francesco Guccini è la mia Madeleine: con le sue canzoni torno adolescente

​Non fa più concerti, ma ha pubblicato un cofanetto con le sue vecchie hit, come Bruce Springsteen. E subito scatta l'effetto nostalgia

Più Popolare

Non esistono le generazioni. L'ho scoperto qualche mese fa, trovandomi con coetanei che non erano mai stati a un concerto di Guccini e trasecolavano all'idea che non fossero già negli anni Ottanta "roba da vecchi". Ho spiegato a sguardi scettici che veramente erano pieni di ventenni, negli anni Ottanta come nei decenni successivi, finché non ha smesso; e che io a 16 anni conoscevo solo sedicenni che sapessero tutto Guccini a memoria, «Si vede che voi frequentavate licei diversi». E invece avrei dovuto solo dire: «E se anche fossero da vecchi? Voi siete vecchi (e anch'io non è che sia più un fiorellino)». Se non esistono madeleines condivise da un'intera generazioneper chi si è formato quando c'erano pochi canali in tv, figurati adesso: tra vent'anni sarà impossibile trovarne due che siano cresciuti con lo stesso cartone animato. Ma il tuo – di cartone animato, di disco, di ricordo d'infanzia – sarà sempre il più denso, la tua Madeleine sempre la più profumata, la tua determinazione a pucciarla di nuovo nel latte sempre più forte man mano che invecchi.

Advertisement - Continue Reading Below

Non l'ho certo scoperto io: sulla nostalgia degli adulti per la loro adolescenza si sono fondati programmi televisivi (Anima mia) e cinematografie (da Sapore di mare a Notte prima degli esami). Ma me ne sono ricordata in questi giorni in cui, con la scusa di farmi i regali di Natale da sola, ho speso in cd una cifra che non spendevo da prima della morte della discografia, e l'ho fatto per riavere la me stessa quattordicenne – quella che limonava nello studio di papà sentendo The river, che Springsteen ha saggiamente ripubblicato in una megaedizione contando sui portafogli delle nostalgiche – e anche la me stessa diciottenne, che andava a sentire Guccini in concerto e non sapeva che da grande avrebbe dovuto accontentarsi di un cofanetto di cd.

Più Popolare

Siccome Guccini non fa più concerti, alla presentazione milanese del suo cofanetto c'erano centinaia di persone che, senza che lui cantasse, hanno fatto tutto quel che avrebbero fatto a un concerto: la fila per vederlo, e i cori sulle canzoni. Squarciagolavano «Trionfi la giustizia proletaria» reggendo il cofanetto per il quale avevano appena pagato 125 euro, e io pensavo che non si può pretendere coerenza dalla platea d'un concerto, neanche se è un concerto in cui quello sul palco si limita a firmare autografi sbuffando.

Li guardavo, per lo più ventenni di un'altra generazione, e pensavo che sembravano quei bambini che nei centri commerciali vanno a farsi la foto con Babbo Natale. Un Babbo Natale che ha smesso di fare il suo lavoro, ma gli vuoi ancora bene per tutti i regali che ti ha portato finché gli andava di guidare la slitta – che, ora che siamo cresciute lo sappiamo, è un lavoro usurante.

Foto: Getty

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne