Ashely Graham, se sei formosa non puoi dimagrire

​La prima modella curvy della storia a comparire sulla copertina di Sports Illustrated posta su Instagram una foto in cui sembra dimagrita, e viene accusata di alto tradimento

Più Popolare

Cara Ashley,

dimagrisci, ne hai facoltà.

Non che importi: eri smodatamente sventola sulla copertina di Sports Illustrated – la prima modella grassa! – lo scorso febbraio; sei stata smodatamente sventola in tutte le immagini posate da allora per promuovere la lingerie che disegni (quante mutande devo comprare per avere un seno così?); sei smodatamente sventola nella foto che hai messo l'altro giorno su Instagram, quando hanno cominciato a insultarti perché sembravi – santi numi – un po' più magra. Siccome sei una modella di taglia forte e carattere amabile, hai spiegato che era solo questione di prospettiva, e saperla sfruttare. Al tuo posto, io avrei sbuffato: e anche se fosse?

Advertisement - Continue Reading Below

Glam squad magic 💕

A post shared by A S H L E Y G R A H A M (@theashleygraham) on

Più Popolare

 

Sono stata un'adolescente paffuta, so tutto del body shaming da prima che si chiamasse così. Erano altri tempi: non esisteva neanche il bullismo, e quelli che ti prendevano in giro durante l'ora di ginnastica si chiamavano «maschi» – oppure «stronze», ma ne ho incontrate di meno. Sono stata una ventenne affamata e molto scema, convinta che per diventare Kate Moss bastasse saltare il pranzo. Erano altri tempi: le modelle si usavano struggenti, e nessuno riteneva opportuno sottolineare l'irriproducibilità del prototipo. Sono una quarantenne vanesia: ogni tanto butto soldi in diete detox, ma lo faccio di nascosto dalle mie figlie, e quando parlo con loro del corpo che cambia misuro tutte le parole. Non si dice: bellezza; si dice: salute. Non si dice: mangia di meno; si dice: muoviti di più.

Eppure si vergogneranno. Saranno troppo alte, troppo basse, troppo magre, troppo grasse, piene di peli o senza sedere, col naso storto o le spalle a stampella. Ci saranno giorni in cui vorranno essere invisibili, perché un maschio – o una stronza – avrà guardato con malevola intenzione proprio quel brufolo in mezzo alla fronte. (Oppure fissato senza espressione un punto qualunque nelle immediate vicinanze: è uguale). Ci saranno giorni in cui vorranno essere diverse, e nel tentativo di coprirsi scopriranno cosa vogliono tenere (quantomeno: nell'armadio). L'insicurezza – quella fisiologica – è un privilegio dell'età. Ed è senz'altro più lungimirante di certa tracotanza che rende ogni critica un affronto.

Period. 💪🏽👊🏽✌🏽️

A post shared by A S H L E Y G R A H A M (@theashleygraham) on

Anche perché, crescendo, ho capito due cose. La prima è che è più difficile difendersi dai complimenti che dagli insulti. Sei dimagrita, Ashley? A me puoi dirlo, mica cambia niente: eri un prototipo irriproducibile anche prima. La seconda è che mi tranquillizza guardare le foto di quando ero ragazzina – pertanto irresistibile – e pensare all'apprensione con cui sistemavo il golf intorno ai fianchi per occultare al mondo l'intera provincia del mio culo. Ma mai quanto guardare le foto dell'altra mattina in spiaggia, quelle in cui il medesimo compare per sbaglio mezzo nudo sullo sfondo, e pensare senza un brivido: «Vabbè, speravo meglio. Per fortuna ho comprato un caftano».

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...