Ashely Graham, se sei formosa non puoi dimagrire

​La prima modella curvy della storia a comparire sulla copertina di Sports Illustrated posta su Instagram una foto in cui sembra dimagrita, e viene accusata di alto tradimento

Più Popolare

Cara Ashley,

dimagrisci, ne hai facoltà.

Non che importi: eri smodatamente sventola sulla copertina di Sports Illustrated – la prima modella grassa! – lo scorso febbraio; sei stata smodatamente sventola in tutte le immagini posate da allora per promuovere la lingerie che disegni (quante mutande devo comprare per avere un seno così?); sei smodatamente sventola nella foto che hai messo l'altro giorno su Instagram, quando hanno cominciato a insultarti perché sembravi – santi numi – un po' più magra. Siccome sei una modella di taglia forte e carattere amabile, hai spiegato che era solo questione di prospettiva, e saperla sfruttare. Al tuo posto, io avrei sbuffato: e anche se fosse?

Advertisement - Continue Reading Below

Glam squad magic 💕

A post shared by A S H L E Y G R A H A M (@theashleygraham) on

Più Popolare

 

Sono stata un'adolescente paffuta, so tutto del body shaming da prima che si chiamasse così. Erano altri tempi: non esisteva neanche il bullismo, e quelli che ti prendevano in giro durante l'ora di ginnastica si chiamavano «maschi» – oppure «stronze», ma ne ho incontrate di meno. Sono stata una ventenne affamata e molto scema, convinta che per diventare Kate Moss bastasse saltare il pranzo. Erano altri tempi: le modelle si usavano struggenti, e nessuno riteneva opportuno sottolineare l'irriproducibilità del prototipo. Sono una quarantenne vanesia: ogni tanto butto soldi in diete detox, ma lo faccio di nascosto dalle mie figlie, e quando parlo con loro del corpo che cambia misuro tutte le parole. Non si dice: bellezza; si dice: salute. Non si dice: mangia di meno; si dice: muoviti di più.

Eppure si vergogneranno. Saranno troppo alte, troppo basse, troppo magre, troppo grasse, piene di peli o senza sedere, col naso storto o le spalle a stampella. Ci saranno giorni in cui vorranno essere invisibili, perché un maschio – o una stronza – avrà guardato con malevola intenzione proprio quel brufolo in mezzo alla fronte. (Oppure fissato senza espressione un punto qualunque nelle immediate vicinanze: è uguale). Ci saranno giorni in cui vorranno essere diverse, e nel tentativo di coprirsi scopriranno cosa vogliono tenere (quantomeno: nell'armadio). L'insicurezza – quella fisiologica – è un privilegio dell'età. Ed è senz'altro più lungimirante di certa tracotanza che rende ogni critica un affronto.

Period. 💪🏽👊🏽✌🏽️

A post shared by A S H L E Y G R A H A M (@theashleygraham) on

Anche perché, crescendo, ho capito due cose. La prima è che è più difficile difendersi dai complimenti che dagli insulti. Sei dimagrita, Ashley? A me puoi dirlo, mica cambia niente: eri un prototipo irriproducibile anche prima. La seconda è che mi tranquillizza guardare le foto di quando ero ragazzina – pertanto irresistibile – e pensare all'apprensione con cui sistemavo il golf intorno ai fianchi per occultare al mondo l'intera provincia del mio culo. Ma mai quanto guardare le foto dell'altra mattina in spiaggia, quelle in cui il medesimo compare per sbaglio mezzo nudo sullo sfondo, e pensare senza un brivido: «Vabbè, speravo meglio. Per fortuna ho comprato un caftano».

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo