Megyn Kelly, la verità non basta

Megyn Kelly ha accusato di molestie sessuali il suo (ex) capo di Fox News, che è stato prontamente licenziato​. Ma questo non basta fare di lei una vittima credibile

Più Popolare

Cara Megyn,

la verità non è tutto. L'ho pensato quando ho letto che anche tu – piuttosto clamorosamente – hai accusato di molestie sessuali Roger Ailes, il capo di Fox News. No, scusa, l'apposizione è ingenerosa: Roger Ailes è quello che vent'anni fa, insieme a Rupert Murdoch, ha inventato Fox News per assicurare anche ai repubblicani un canale che desse le notizie nella maniera in cui se le volevano sentir raccontare. Roger Ailes è altresì quello che ha deciso che eri sprecata in cronaca giudiziaria, e ha benedetto la tua carriera fino agli ascolti trionfali di The Kelly File, e le copertine dei giornali. Roger Ailes è infine quello che, a sentir te, quando hai posto a Donald Trump la famosa domanda sul sessismo – ora ne scrivo persino io, ma tu sei stata la prima: era novembre – non ha esitato un istante a dimostrarti solidarietà. Più che un mentore: un amico.

Advertisement - Continue Reading Below

Adesso invece sostieni che, dieci anni fa, Roger Ailes aveva infastidito anche te. E lo hai raccontato agli avvocati della Fox che già indagavano sulla denuncia per molestie di Gretchen Carlson, giornalista cui non è stato rinnovato il contratto. Quindi hai incoraggiato altre colleghe a confermare le accuse, per rivelare «l'altro lato della storia». Ailes, naturalmente, ti ha dato dell'ingrata – il maschio dà, il maschio toglie – ma il danno ormai era irreparabile: liquidato. Alla Fox sei rimasta tu. Sia chiaro, Megyn: io ti credo. Ti credo davvero. Solo che la verità non basta a renderti una vittima plausibile.

Più Popolare

La settimana scorsa è successa anche un'altra cosa: gravissima. Taylor Swift ha perso la sua innocenza. Dopo giorni passati a litigare sui versi di Famous in cui Kanye West la trattava da oggetto sessuale – rapper nero contro amichetta bionda: da che parte potevamo stare? – Kim Kardashian ha postato il video della telefonata in cui il marito chiedeva parziale permesso, e Swift garantiva oculato consenso. Da allora, Taylor Swift vacilla. Deve decidere se intignarsi a uscirne da vittima, o diventare abbastanza adulta da farsi carico del proprio cinismo. Tu che pensi di fare?

In una vecchia intervista a Vanity Fair dicevi di ispirarti a Oprah Winfrey perché «non si è mai crogiolata nel vittimismo. Non ha mai giocato la carta della razza, non ha mai giocato la carta del genere. Semplicemente: era troppo brava per essere ignorata». Sottintendendo: «Come me». Che puoi insultare chi definisce il congedo di maternità «un'estorsione», e contestualmente trovare sensato che una donna, tornata a lavorare dopo un anno, guadagni un po' meno di chi invece è rimasto sempre lì – «Ma se osi dirlo: anatema!». Servirebbe, Megyn, lo stesso pragmatismo, per ribaltare il vittimismo in esercizio di potere, e dimostrare come aver oculatamente incassato l'offesa, dieci anni fa, ti ha messo nella condizione di poter guidare il contrattacco, ora.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica