Ettore Scola e le sue donne

Monica Vitti, Stefania Sandrelli, Giovanna Ralli: per loro il regista scomparso nei suoi film ha creato ruoli indimenticabili

Monica Vitti che, in Dramma della gelosia, va da uno psicologo della mutua per capire il perché della sua bigamia, del suo tradire Marcello Mastroianni col suo migliore amico Giancarlo Giannini: «Di che natura è il mio male? Ho avuto un trauma? Sono sotto choc? È un disturbo neurovegetativo? O è perché sono mignotta?».

Giovanna Ralli che, in C'eravamo tanto amati, appare – fantasma – al marito che non l'ha mai amata, che l'ha sposata solo perché lei era ricca e lui s'era stufato d'essere povero, e lei era così docile da farsi mettere l'apparecchio per i denti e farsi costringere a leggere classici della letteratura. La moglie morta compare domandandogli se, da morta, sia finalmente importante per lui, e il vedovo sbuffa come sapeva sbuffare solo Vittorio Gassman: «Se una non è stata importante da viva, non lo è nemmeno da morta». E lei finalmente può dargli dell'ignorante: «La morte sublima, si vede che non hai letto ilSiddharta: a me mi obbligavi a leggere, ma tu non leggi mai niente». E Stefania Sandrelli che, alla fine di quello stesso film, si sente dire da Gassman che lui, in tutti quegli anni di ricchezza e lontananza, non ha fatto che pensare a lei, e sospira: «Eh, ma io no».

Advertisement - Continue Reading Below

E Fanny Ardant che, nella Famiglia, è la cognata che Gassman ha sempre amato anche se ha sposato sua sorella  e, quando lo manda in bianco un'ennesima volta e lui sbotta «Vattene, vattene sempre», gli risponde con la crudeltà aggraziata delle donne che sanno stare sole: «E tu resta, resta sempre».

C'è una ragione per cui questa rubrica s'intitola La terrazza, ed è che quello del 1980 è il mio preferito tra i capolavori di Ettore Scola, che è morto il 19 gennaio, e che viene ricordato come regista di storie di favolosi personaggi maschili, ma ha scritto le migliori donne del cinema italiano. Quelle già elencate, e quelle della Terrazza. Tutte meravigliose, da Milena Vukotic che, a «Secondo te chi soffre di più: uno sceneggiatore o un critico cinematografico?», risponde senza esitare: «Le loro mogli»; a Stefania Sandrelli che, a Gassman che vuole scriverle una seconda lettera per spiegarle perché devono lasciarsi, risponde: «No, lascia stare: casomai mi rileggo questa».

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena