Ettore Scola e le sue donne

Monica Vitti, Stefania Sandrelli, Giovanna Ralli: per loro il regista scomparso nei suoi film ha creato ruoli indimenticabili

Monica Vitti che, in Dramma della gelosia, va da uno psicologo della mutua per capire il perché della sua bigamia, del suo tradire Marcello Mastroianni col suo migliore amico Giancarlo Giannini: «Di che natura è il mio male? Ho avuto un trauma? Sono sotto choc? È un disturbo neurovegetativo? O è perché sono mignotta?».

Giovanna Ralli che, in C'eravamo tanto amati, appare – fantasma – al marito che non l'ha mai amata, che l'ha sposata solo perché lei era ricca e lui s'era stufato d'essere povero, e lei era così docile da farsi mettere l'apparecchio per i denti e farsi costringere a leggere classici della letteratura. La moglie morta compare domandandogli se, da morta, sia finalmente importante per lui, e il vedovo sbuffa come sapeva sbuffare solo Vittorio Gassman: «Se una non è stata importante da viva, non lo è nemmeno da morta». E lei finalmente può dargli dell'ignorante: «La morte sublima, si vede che non hai letto ilSiddharta: a me mi obbligavi a leggere, ma tu non leggi mai niente». E Stefania Sandrelli che, alla fine di quello stesso film, si sente dire da Gassman che lui, in tutti quegli anni di ricchezza e lontananza, non ha fatto che pensare a lei, e sospira: «Eh, ma io no».

Advertisement - Continue Reading Below

E Fanny Ardant che, nella Famiglia, è la cognata che Gassman ha sempre amato anche se ha sposato sua sorella  e, quando lo manda in bianco un'ennesima volta e lui sbotta «Vattene, vattene sempre», gli risponde con la crudeltà aggraziata delle donne che sanno stare sole: «E tu resta, resta sempre».

C'è una ragione per cui questa rubrica s'intitola La terrazza, ed è che quello del 1980 è il mio preferito tra i capolavori di Ettore Scola, che è morto il 19 gennaio, e che viene ricordato come regista di storie di favolosi personaggi maschili, ma ha scritto le migliori donne del cinema italiano. Quelle già elencate, e quelle della Terrazza. Tutte meravigliose, da Milena Vukotic che, a «Secondo te chi soffre di più: uno sceneggiatore o un critico cinematografico?», risponde senza esitare: «Le loro mogli»; a Stefania Sandrelli che, a Gassman che vuole scriverle una seconda lettera per spiegarle perché devono lasciarsi, risponde: «No, lascia stare: casomai mi rileggo questa».

More from Gioia!:
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita
Migranti emergenza piano Ue chiusura porti
Firme
CONDIVIDI
Sempre più migranti verso l'Italia, l'invitante terra di mezzo
Complici l'estate e il mare calmo, gli sbarchi aumentano e il nostro Paese è in prima linea, ma nessun blocco navale può risolvere...
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, la dolce bellezza della solitudine
Mi sono accorto che dal primo luglio, Milano si trasforma nella città dei papà, che fingono tristezza nel rimanere soli
Firme
CONDIVIDI
Perché McEnroe non deve chiedere scusa a Serena Williams
È la migliore, ma se giocasse contro un uomo perderebbe: il tennista non si pente delle sue parole (in fondo, un'ovvietà)