Ettore Scola e le sue donne

Monica Vitti, Stefania Sandrelli, Giovanna Ralli: per loro il regista scomparso nei suoi film ha creato ruoli indimenticabili

Monica Vitti che, in Dramma della gelosia, va da uno psicologo della mutua per capire il perché della sua bigamia, del suo tradire Marcello Mastroianni col suo migliore amico Giancarlo Giannini: «Di che natura è il mio male? Ho avuto un trauma? Sono sotto choc? È un disturbo neurovegetativo? O è perché sono mignotta?».

Giovanna Ralli che, in C'eravamo tanto amati, appare – fantasma – al marito che non l'ha mai amata, che l'ha sposata solo perché lei era ricca e lui s'era stufato d'essere povero, e lei era così docile da farsi mettere l'apparecchio per i denti e farsi costringere a leggere classici della letteratura. La moglie morta compare domandandogli se, da morta, sia finalmente importante per lui, e il vedovo sbuffa come sapeva sbuffare solo Vittorio Gassman: «Se una non è stata importante da viva, non lo è nemmeno da morta». E lei finalmente può dargli dell'ignorante: «La morte sublima, si vede che non hai letto ilSiddharta: a me mi obbligavi a leggere, ma tu non leggi mai niente». E Stefania Sandrelli che, alla fine di quello stesso film, si sente dire da Gassman che lui, in tutti quegli anni di ricchezza e lontananza, non ha fatto che pensare a lei, e sospira: «Eh, ma io no».

Advertisement - Continue Reading Below

E Fanny Ardant che, nella Famiglia, è la cognata che Gassman ha sempre amato anche se ha sposato sua sorella  e, quando lo manda in bianco un'ennesima volta e lui sbotta «Vattene, vattene sempre», gli risponde con la crudeltà aggraziata delle donne che sanno stare sole: «E tu resta, resta sempre».

C'è una ragione per cui questa rubrica s'intitola La terrazza, ed è che quello del 1980 è il mio preferito tra i capolavori di Ettore Scola, che è morto il 19 gennaio, e che viene ricordato come regista di storie di favolosi personaggi maschili, ma ha scritto le migliori donne del cinema italiano. Quelle già elencate, e quelle della Terrazza. Tutte meravigliose, da Milena Vukotic che, a «Secondo te chi soffre di più: uno sceneggiatore o un critico cinematografico?», risponde senza esitare: «Le loro mogli»; a Stefania Sandrelli che, a Gassman che vuole scriverle una seconda lettera per spiegarle perché devono lasciarsi, risponde: «No, lascia stare: casomai mi rileggo questa».

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi