Ettore Scola e le sue donne

Monica Vitti, Stefania Sandrelli, Giovanna Ralli: per loro il regista scomparso nei suoi film ha creato ruoli indimenticabili

Monica Vitti che, in Dramma della gelosia, va da uno psicologo della mutua per capire il perché della sua bigamia, del suo tradire Marcello Mastroianni col suo migliore amico Giancarlo Giannini: «Di che natura è il mio male? Ho avuto un trauma? Sono sotto choc? È un disturbo neurovegetativo? O è perché sono mignotta?».

Giovanna Ralli che, in C'eravamo tanto amati, appare – fantasma – al marito che non l'ha mai amata, che l'ha sposata solo perché lei era ricca e lui s'era stufato d'essere povero, e lei era così docile da farsi mettere l'apparecchio per i denti e farsi costringere a leggere classici della letteratura. La moglie morta compare domandandogli se, da morta, sia finalmente importante per lui, e il vedovo sbuffa come sapeva sbuffare solo Vittorio Gassman: «Se una non è stata importante da viva, non lo è nemmeno da morta». E lei finalmente può dargli dell'ignorante: «La morte sublima, si vede che non hai letto ilSiddharta: a me mi obbligavi a leggere, ma tu non leggi mai niente». E Stefania Sandrelli che, alla fine di quello stesso film, si sente dire da Gassman che lui, in tutti quegli anni di ricchezza e lontananza, non ha fatto che pensare a lei, e sospira: «Eh, ma io no».

Advertisement - Continue Reading Below

E Fanny Ardant che, nella Famiglia, è la cognata che Gassman ha sempre amato anche se ha sposato sua sorella  e, quando lo manda in bianco un'ennesima volta e lui sbotta «Vattene, vattene sempre», gli risponde con la crudeltà aggraziata delle donne che sanno stare sole: «E tu resta, resta sempre».

C'è una ragione per cui questa rubrica s'intitola La terrazza, ed è che quello del 1980 è il mio preferito tra i capolavori di Ettore Scola, che è morto il 19 gennaio, e che viene ricordato come regista di storie di favolosi personaggi maschili, ma ha scritto le migliori donne del cinema italiano. Quelle già elencate, e quelle della Terrazza. Tutte meravigliose, da Milena Vukotic che, a «Secondo te chi soffre di più: uno sceneggiatore o un critico cinematografico?», risponde senza esitare: «Le loro mogli»; a Stefania Sandrelli che, a Gassman che vuole scriverle una seconda lettera per spiegarle perché devono lasciarsi, risponde: «No, lascia stare: casomai mi rileggo questa».

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine
Ivanka Trump candidata presidente Usa
Firme
CONDIVIDI
Ivanka Trump, da first daughter a prima presidente donna degli Stati Uniti nel giro di un anno?
Le vittorie improbabili sono un talento di famiglia: la figlia favorita di Trump potrebbe anche diventare il primo presidente donna degli...