Theresa May, le cose che sappiamo di lei

​Il nuovo primo ministro inglese è una risoluta signora conservatrice col vezzo della scarpa eccentrica, ma neanche il carattere di ferro la salva dalla mistica della maternità

Più Popolare

Cara Theresa,

tre cose so di te. La prima è che non hai figli. Lo ha ricordato Andrea Leadson, quando ancora si considerava tua rivale, sottolineando come solo l'essere madri conferisca genuino interesse nel futuro di un paese (disgraziatamente due giorni dopo non ha più retto tanto coinvolgimento, e si è ritirata dalla competizione). La seconda è che sei così intelligente che puoi permetterti scarpe sceme: collezioni décolleté leopardate e, piuttosto che farti vedere con indosso un mocassino molle, ti cambi in macchina (la regina, sono sicura, apprezza moltissimo). La terza è che hai un caratteraccio. «Bloody difficult», si dice in inglese. Ma non mi pare una caratteristica sorprendente, per una che è diventata primo ministro dopo una selezione più simile alla trama di Highlander che alle dinamiche di democrazia rappresentativa.

Advertisement - Continue Reading Below

Sei una risoluta signora conservatrice, insomma, che non pratica la bonarietà per favorire il consenso. Una che non ha mariti in bilico che scrivono lettere, o bambini da far insediare su scranni. Una che non vuole essere come noi, perché è un po' meglio, e non si capacita dell'interesse pubblico per i dettagli intimi: «Un tempo importava solo quello che facevi, l'impressione che davi». Eppure ti è sembrato doveroso, in un'intervista al Daily Mail, tranquillizzarci sul dolore inestinguibile della mancata maternità

Più Popolare

Mentre tu eri presa con gli scatoloni, il giorno prima del trasloco in Downing Street, Jennifer Aniston ha scritto sull'Huffington Post che non è incinta – ha solo mangiato troppo – ma piuttosto esasperata dall'ossessività con cui i giornali, da vent'anni, le misurano la pancia. 

Ci sono tre cose che devi sapere di Jennifer Aniston: ha reso famosa una messinpiega irriproducibile, è la santa protettrice delle mollate male – per una che poi di figli ne ha avuti sei – e difficilmente la fotografano se non vuole. E senz'altro ha qualche ragione, quando sostiene che lo zelo riproduttivo è ancora il metro con cui si misura il valore sociale di una donna. Ma poi scrive che sì, potrebbe ancora diventare madre «un giorno» – ha 47 anni, ma è come se non contasse – e un po' neutralizza l'efficacia della rivendicazione.

Nonostante siano sempre più frequenti gli studi che scombaciano figli e felicità, nessuna si è ancora emancipata abbastanza da confessare che in fondo è andata bene così. Anzi: meglio. Anche se non è stata una scelta. Non la prima, quantomeno. Le mie figlie sono in appalto da tre settimane: il ricongiungimento è imminente, la nostalgia conclamata, ma mi sono chiarissimi i privilegi che perderò. Il tempo, il silenzio, il posto migliore sul divano. La vertigine della piena concentrazione sui fatti miei. Tre settimane: una simulazione di realtà impossibile, un «se fosse» visceralmente impensabile. Perché sono madre, e certe cose non le posso capire. Raccontatemele.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...