L'omofobia e il potere di un hashtag

Cosa succede se la Rai censura una scena di sesso gay da una serie tv? Dopo un taglio in una puntata di Le regole del delitto perfetto tutti hanno twittato #omofobia e così è stata rimandata in onda la versione integrale

Manhattan è un film del 1979. Ike, il personaggio interpretato e scritto e diretto da Woody Allen, s'innamorava d'una diciassettenne. Erano tempi molto diversi da ora: potevi raccontare la storia tra un adulto e una ragazzina senza che l'opinione pubblica sentisse il dovere d'inventarsi qualche hashtag sulla tua pedofilia

A un certo punto c'è una scena in cui i due sono con un'altra coppia: l'amico di lui e la sua amante adulta; la ragazzina dice che fa il liceo, e l'adulta dice «Da qualche parte Nabokov sta sorridendo». Era un riferimento alla giusta altezza: Lolita non era certo un consumo troppo spregiudicato per il genere di pubblico che andava a vedere un film di Woody Allen. Erano tempi molto uguali a ora: anche allora chi adattò il film pensò che per il pubblico italiano Nabokov fosse davvero troppo, e nel doppiaggio la battuta cambiò in un sospiroso «Sembra così lontano, il liceo». 

Advertisement - Continue Reading Below

Il "davvero troppo" è un concetto che cambia ma resta uguale: due settimane fa Rai 2 ha tagliato una scena di sesso gay dal telefilm Le regole del delitto perfetto. Lo sdegno collettivo è invece sempre uguale a se stesso, e scatta solo se c'è l'hashtag pronto. È bastato #omofobia, e Rai 2 ha replicato la puntata senza tagli. 

Anni fa dissi a qualcuno della Mondadori che Cinquanta sfumature era tradotto indegnamente e, considerato che sapevano sarebbe stato il libro più venduto dell'anno, avrebbero potuto investire due lire per farne una traduzione meno sgrammaticata. La risposta conteneva le parole «E secondo te avremmo venduto una copia in più, se fosse stato tradotto meglio?». 

Più Popolare

Il bestseller di quest'estate è il giallo La vedova (Einaudi). Contiene un numero di «gli», invece di «le», riferiti a oggetti femminili, tale da revocare al redattore la licenza elementare. Ora che ho capito il trucco, so che hanno ragione loro: non avrebbero venduto una copia in più, coi pronomi giusti. Ed è inutile fare polemiche che non rientrino in 140 caratteri: come hashtag, #grammaticafobia è debolissimo.

More from Gioia!:
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te