Ivanka Trump, vicepresidente per finta

Moglie, madre e imprenditrice, la figlia di Donald Trump avrebbe avuto le carte in regola per diventare vicepresidente, ma serviva troppa faccia tosta: è stato scelto Mike Pence.

Più Popolare

Cara Ivanka,

lo so che sai strillare. Sono ragionevolmente certa tu sia stata una bambina capricciosa, almeno fino ai quattro o cinque anni, perché pure il privilegio dinastico è un'abitudine che richiede compromessi: puoi avere tutto ciò che desideri, però devi onorare mamma e papà.

Con la mamma è stato facile: nei primi anni Ottanta Ivana incarnava l'ambizione suprema, e dalla fierezza con cui portavi il ciuffo fonato di lato è evidente che già alle elementari avevi riconosciuto la validità del modello. Papà, invece, ha richiesto una certa inventiva: ti sei impratichita di palazzi e rimozione, e in dieci anni hai costruito un universo parallelo in cui ha senso affermare: «Mio padre è femminista». Riesci a dirlo spesso – senza ridere, senza piangere, senza neanche spettinarti – e ogni volta i giornali ci fanno un titolo: l'uomo che ha saputo crescere una donna così deliziosamente determinata non può essere malvagio per intero.

Advertisement - Continue Reading Below

Il tuo ruolo in campagna elettorale è stato fin qui nitido: sei lo sbirro buono, l'angioletto sulla spalla, la voce beneducata della coscienza. Ma la settimana scorsa il senatore Bob Corker si è ritirato dalla lista di plausibili vicepresidenti – non è stato il primo, non sarà l'ultimo: nessuno vuole immolare una porzione così significativa della propria carriera a giustificare un megalomane – e nel farlo ha avanzato una controproposta: «Ivanka sarebbe perfetta». E quel cretino di tuo fratello subito dietro: «È bella! È sveglia! Io la voterei!». (Ci mancherebbe altro).

Più Popolare

È facile che l'ipotesi sia stata buttata lì per misurare le reazioni – abbiamo visto in tv come funziona – e certo sarebbe inelegante e poco pratico, ché per ragioni di costituzione uno dei due dovrebbe traslocare. Ma queste sono elezioni a improbabilità crescente, e voi siete Trump: faccia tosta e disponibilità immobiliare costituiscono il patrimonio di famiglia. E poi qualcuno bisogna pur trovare: la convention repubblicana comincia la settimana prossima, e tu a novembre avrai, giusti giusti, i 35 anni minimi richiesti. Perciò facciamo come da piccole: giochiamo che eri la candidata vice, e io ti consigliavo.

Flying into the weekend. Have a good one, everyone! #TGIF #FBF

A post shared by Ivanka Trump (@ivankatrump) on

Ricomincia a strillare. Sei figlia di un magnate prepotente, moglie di un imprenditore smanioso, madre di tre marmocchi anagraficamente intollerabili: hai senz'altro un carattere feroce, e il diritto di non poterne più. Le signore ragionevoli non ti voterebbero comunque, prova a conquistare le irascibili. Siamo tante, e abbiamo bisogno di rappresentanza. Di una che alzi gli occhi al cielo quando il padre dice una scemenza, che finga di esser morta quando telefona il marito per discutere la cena, che s'inventi un'ora di straordinario al giorno perché tornaci tu a casa da quei mostri. Altro che i manuali di auto-aiuto che scrivi per donne che non faranno mai carriera: insegnaci come si perde la pazienza.

Aggiornamento del 15 luglio: il candidato vicepresidente in lista con Donald Trump per le elezioni presidenziali americane del prossimo novembre è Mike Pence, governatore dell'Indiana (insieme nella foto). E Ivanka potrà continuare a mantenere la calma.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati
Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi