Ivanka Trump, vicepresidente per finta

Moglie, madre e imprenditrice, la figlia di Donald Trump avrebbe avuto le carte in regola per diventare vicepresidente, ma serviva troppa faccia tosta: è stato scelto Mike Pence.

Più Popolare

Cara Ivanka,

lo so che sai strillare. Sono ragionevolmente certa tu sia stata una bambina capricciosa, almeno fino ai quattro o cinque anni, perché pure il privilegio dinastico è un'abitudine che richiede compromessi: puoi avere tutto ciò che desideri, però devi onorare mamma e papà.

Con la mamma è stato facile: nei primi anni Ottanta Ivana incarnava l'ambizione suprema, e dalla fierezza con cui portavi il ciuffo fonato di lato è evidente che già alle elementari avevi riconosciuto la validità del modello. Papà, invece, ha richiesto una certa inventiva: ti sei impratichita di palazzi e rimozione, e in dieci anni hai costruito un universo parallelo in cui ha senso affermare: «Mio padre è femminista». Riesci a dirlo spesso – senza ridere, senza piangere, senza neanche spettinarti – e ogni volta i giornali ci fanno un titolo: l'uomo che ha saputo crescere una donna così deliziosamente determinata non può essere malvagio per intero.

Advertisement - Continue Reading Below

Il tuo ruolo in campagna elettorale è stato fin qui nitido: sei lo sbirro buono, l'angioletto sulla spalla, la voce beneducata della coscienza. Ma la settimana scorsa il senatore Bob Corker si è ritirato dalla lista di plausibili vicepresidenti – non è stato il primo, non sarà l'ultimo: nessuno vuole immolare una porzione così significativa della propria carriera a giustificare un megalomane – e nel farlo ha avanzato una controproposta: «Ivanka sarebbe perfetta». E quel cretino di tuo fratello subito dietro: «È bella! È sveglia! Io la voterei!». (Ci mancherebbe altro).

Più Popolare

È facile che l'ipotesi sia stata buttata lì per misurare le reazioni – abbiamo visto in tv come funziona – e certo sarebbe inelegante e poco pratico, ché per ragioni di costituzione uno dei due dovrebbe traslocare. Ma queste sono elezioni a improbabilità crescente, e voi siete Trump: faccia tosta e disponibilità immobiliare costituiscono il patrimonio di famiglia. E poi qualcuno bisogna pur trovare: la convention repubblicana comincia la settimana prossima, e tu a novembre avrai, giusti giusti, i 35 anni minimi richiesti. Perciò facciamo come da piccole: giochiamo che eri la candidata vice, e io ti consigliavo.

Flying into the weekend. Have a good one, everyone! #TGIF #FBF

A post shared by Ivanka Trump (@ivankatrump) on

Ricomincia a strillare. Sei figlia di un magnate prepotente, moglie di un imprenditore smanioso, madre di tre marmocchi anagraficamente intollerabili: hai senz'altro un carattere feroce, e il diritto di non poterne più. Le signore ragionevoli non ti voterebbero comunque, prova a conquistare le irascibili. Siamo tante, e abbiamo bisogno di rappresentanza. Di una che alzi gli occhi al cielo quando il padre dice una scemenza, che finga di esser morta quando telefona il marito per discutere la cena, che s'inventi un'ora di straordinario al giorno perché tornaci tu a casa da quei mostri. Altro che i manuali di auto-aiuto che scrivi per donne che non faranno mai carriera: insegnaci come si perde la pazienza.

Aggiornamento del 15 luglio: il candidato vicepresidente in lista con Donald Trump per le elezioni presidenziali americane del prossimo novembre è Mike Pence, governatore dell'Indiana (insieme nella foto). E Ivanka potrà continuare a mantenere la calma.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?