Fisiologia della gatta morta

​Tutte abbiamo un'amica così. Come racconta una scrittrice americana che si candida a madrina del genere

Più Popolare

Tutte abbiamo un'amica gatta morta. Se non ce l'hai, significa che la gatta morta sei tu. Tutte abbiamo un'amica che non sa badare a se stessa (cioè: produce disastri dai quali, poverina, come si fa a non salvarla), che non ha il senso dell'orientamento (cioè: che arriva regolarmente in ritardo, fa un'entrata con tutte le attenzioni, e poi per mezz'ora monopolizza la conversazione dicendo quant'è stata sbadata a sbagliare il posto dell'appuntamento), che con quella modalità da vittima ha trovato marito e quindi non ritiene di disinnescarla mai, neppure quando ha a che fare con altre donne. Donne che nei momenti più benevoli meditano di metterle il cianuro nel tè verde, ma non lo dicono, perché se sei aggressiva con una così gatta e così morta poi passi per stronza tu.

L'amica gatta morta viene sempre prelevata e riaccompagnata( ma qualche volta si finge autonoma ed è anche peggio

Advertisement - Continue Reading Below

L'amica gatta morta si scusa in continuazione. Si scusa moltissimo, costringendoti a rassicurarla che no, nessun disturbo, non vedi l'ora di provvedere a lei, non è affatto un problema che lei abbia lo spirito pratico di una coperta bagnata; e che certo: è perfettamente normale che non sappia come funzionano le scadenze delle bollette o i controlli aeroportuali o la rimozione in divieto di sosta (l'amica gatta morta viene sempre prelevata e riaccompagnata: l'unica volta che si è finta autonoma, è toccato a tutti passare la serata accompagnandola in giro per depositi di auto rimosse).

Più Popolare

La settimana scorsa la scrittrice Sloane Crosley (nella foto) si è candidata a fata madrina delle gatte morte con un articolo sulNew York Times in cui spiegava che lei ha questo problema: si scusa sempre. Dice che è una cosa delle donne (tutte quelle che hanno atteggiamenti odiosi – troppa ambizione, troppo sentimentalismo, troppo vittimismo, troppa fissazione per la dieta – li attribuiscono all'essere state allevate con tic e aspettative da donne; quelle normali le ascoltano e pensano: «Si vede che m'hanno cresciuta come un uomo»).

Tutte abbiamo moltissime amiche che, pur di non restare sole, sono disposte a fare gli occhi dolci

Dice che è perché è donna che in un ristorante s'è scusata col cameriere che le aveva servito un'insalata con del terriccio dentro; e poi s'è scusata perché, essendo vegetariana, ha rimandato indietro una pietanza a base di pancetta: e poi s'è scusata perché chiedeva la forchetta che non le avevano portato.  Secondo me non è perché è donna: è perché le interessa più far innamorare che cenare. È perché, come la tipica gatta morta in cerca di marito, ha detto sbattendo gli occhioni all'inutile pezzo di carne con cui esce: «Caro, il ristorante sceglilo tu che sei più bravo» (e lui, che di solito mangia solo pizza al taglio, ha scelto quel covo d'incompetenti).

Tutte abbiamo moltissime amiche che, pur di non restare sole, sono disposte a fare gli occhi dolci invece di dire «Ma come t'è venuto in mente di portarmi in questa bettola?».

Credits: Getty Images

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...
zerocalcare-cappuccio-rosso-morta
Firme
CONDIVIDI
Chi era Ayse, la Cappuccio Rosso di Zerocalcare
Aveva 23 anni la combattente curda detta Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana: è caduta nell'assalto a Raqqa
donald-trump-accordo-clima
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump, non distruggiamo il pianeta!
Come la mettiamo con l'ozono? Col global warming? Con gli orsi polari? Sfilarsi dagli accordi di Parigi significa rifiutare il futuro
Firme
CONDIVIDI
Il terrorismo si combatte con la cultura
I jihadisti hanno lasciato i territori dello Stato Islamico e sono pronti a inflitrarsi e colpire altrove: ma invocare muri e leggi...