Theresa May è il nuovo premier della Gran Bretagna

Theresa May entra a Downing street 37 anni dopo Margaret Thatcher: nelle sue mani la pesante responsabilità del dopo Brexit 

Più Popolare

Dopo il disastro Brexit, la patata bollente passa in mani femminili. Le dimissioni di David Cameron, la rinuncia di Boris Johnson e una serie di bocciature preventive lasciavano in corsa per la leadership del partito conservatore inglese (e di conseguenza per la non confortevole poltrona di Primo ministro) soltanto due persone, entrambe donne over 50: Theresa May, già ministro dell'Interno (nella foto, mentre esce dal 10 di Downing street), e Andrea Leadsom, ministro dell'Energia.

Advertisement - Continue Reading Below

Delle due l'una: Andrea si è ritirata ed è rimasta Theresa, che dal 13 luglio è il nuovo capo del governo britannico. In attesa di sapere se abbia una personalità tutta sua, viene paragonata un po' alla Thatcher (per la perfidia) e un po' alla Merkel (per essere pure lei figlia femmina d'un pastore protestante). 

Più Popolare

Già schierata per un blando "remain", ma ora convinta che quando si è fuori si è fuori e non ha senso riparlarne, molto severa nei confronti dell'Europa eppure a modo suo europeista, Theresa viene considerata una perfetta premier di compromesso – a parte i gusti in fatto di scarpe, estremamente divisivi – e insomma la persona ideale per rappresentare un Paese incerto, o confuso. Lei ne è convinta: «La più adatta», ha detto, «sono io». Andrea un po' meno, ma le critiche rivolte alla May (più o meno: io sono madre, tu no) non paiono più così rilevanti.

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?