Theresa May è il nuovo premier della Gran Bretagna

Theresa May entra a Downing street 37 anni dopo Margaret Thatcher: nelle sue mani la pesante responsabilità del dopo Brexit 

Più Popolare

Dopo il disastro Brexit, la patata bollente passa in mani femminili. Le dimissioni di David Cameron, la rinuncia di Boris Johnson e una serie di bocciature preventive lasciavano in corsa per la leadership del partito conservatore inglese (e di conseguenza per la non confortevole poltrona di Primo ministro) soltanto due persone, entrambe donne over 50: Theresa May, già ministro dell'Interno (nella foto, mentre esce dal 10 di Downing street), e Andrea Leadsom, ministro dell'Energia.

Advertisement - Continue Reading Below

Delle due l'una: Andrea si è ritirata ed è rimasta Theresa, che dal 13 luglio è il nuovo capo del governo britannico. In attesa di sapere se abbia una personalità tutta sua, viene paragonata un po' alla Thatcher (per la perfidia) e un po' alla Merkel (per essere pure lei figlia femmina d'un pastore protestante). 

Più Popolare

Già schierata per un blando "remain", ma ora convinta che quando si è fuori si è fuori e non ha senso riparlarne, molto severa nei confronti dell'Europa eppure a modo suo europeista, Theresa viene considerata una perfetta premier di compromesso – a parte i gusti in fatto di scarpe, estremamente divisivi – e insomma la persona ideale per rappresentare un Paese incerto, o confuso. Lei ne è convinta: «La più adatta», ha detto, «sono io». Andrea un po' meno, ma le critiche rivolte alla May (più o meno: io sono madre, tu no) non paiono più così rilevanti.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna
Firme
CONDIVIDI
Non prendete esempio da Serena Williams
Era incinta quando ha vinto gli Australian Open, ma se qualcuno ancora osa indicarla come un esempio positivo, mi metto a urlare