Chi era Bill Cunningham, il fotografo che ha inventato lo street style

«Non gli importava di vivere nel lusso, anche se per tutta la vita ha fatto le cronache del lusso»​, commenta Guia Soncini in questo ricordo del fotografo di moda mancato il 25 giugno 2016

Più Popolare

Quel che dovete sapere di Bill Cunningham è che fu il primo a capire che non conta niente come quelli che disegnano i vestiti decidano di farli sfilare: conta come quelle che li comprano decidono di indossarli, e quindi era la strada che bisognava fotografare, mica le passerelle. Ora si chiama street style e lo fanno cani, porci e blogger; alla fine degli anni '70, c'era solo Bill Cunningham sul New York Times

Advertisement - Continue Reading Below

Quel che dovete sapere di Bill Cunningham è che gli importava solo della moda. Le sue foto cominciarono a essere pubblicate sul New York Times perché ne aveva scattate a Greta Garbo, ma senza riconoscerla: gli piaceva come le cadeva il cappotto su una spalla. Nel documentario del 2011 sulla sua vita, Bill Cunningham New York, c'è una coerente scena in cui, alle sfilate di Parigi, tutti fanno ressa per fotografare Catherine Deneuve e lui sta in disparte: «Non indossava niente d'interessante». 

Più Popolare

Quel che dovete sapere di Bill Cunningham è che non gli importava di vivere nel lusso, che non è un dettaglio irrilevante se quello che fai tutta la vita è cronachizzare il lusso. Sempre in quel documentario, lo si vedeva dormire su una brandina in quello che non era un appartamento ma un archivio fotografico: ai suoi negativi tutto lo spazio, a lui un angolo. Indossava sempre la stessa divisa da lavoro, girava in bicicletta e, quando il 25 giugno è morto a 87 anni, non c'era coccodrillo che non riportasse che agli eventi che andava a fotografare rifiutava anche di farsi offrire un bicchiere d'acqua. 

Anni fa il suo capo al NYT raccontò che durante le sfilate i giornalisti a Parigi scendevano al Ritz – sennò cosa scrivi per il New York Times a fare – e Bill insisteva ad andare in un alberghetto nelle cui stanze non c'era il telefono, che prenotava mandando una cartolina postale. Dopo la sua morte abbiamo passato due giorni a dire che bravo, che esempio. Poi è arrivata la prima conferenza stampa con buffet, e le tartine a scrocco ci hanno fatto dimenticare Bill. 

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne