Chi era Bill Cunningham, il fotografo che ha inventato lo street style

«Non gli importava di vivere nel lusso, anche se per tutta la vita ha fatto le cronache del lusso»​, commenta Guia Soncini in questo ricordo del fotografo di moda mancato il 25 giugno 2016

Più Popolare

Quel che dovete sapere di Bill Cunningham è che fu il primo a capire che non conta niente come quelli che disegnano i vestiti decidano di farli sfilare: conta come quelle che li comprano decidono di indossarli, e quindi era la strada che bisognava fotografare, mica le passerelle. Ora si chiama street style e lo fanno cani, porci e blogger; alla fine degli anni '70, c'era solo Bill Cunningham sul New York Times

Advertisement - Continue Reading Below

Quel che dovete sapere di Bill Cunningham è che gli importava solo della moda. Le sue foto cominciarono a essere pubblicate sul New York Times perché ne aveva scattate a Greta Garbo, ma senza riconoscerla: gli piaceva come le cadeva il cappotto su una spalla. Nel documentario del 2011 sulla sua vita, Bill Cunningham New York, c'è una coerente scena in cui, alle sfilate di Parigi, tutti fanno ressa per fotografare Catherine Deneuve e lui sta in disparte: «Non indossava niente d'interessante». 

Più Popolare

Quel che dovete sapere di Bill Cunningham è che non gli importava di vivere nel lusso, che non è un dettaglio irrilevante se quello che fai tutta la vita è cronachizzare il lusso. Sempre in quel documentario, lo si vedeva dormire su una brandina in quello che non era un appartamento ma un archivio fotografico: ai suoi negativi tutto lo spazio, a lui un angolo. Indossava sempre la stessa divisa da lavoro, girava in bicicletta e, quando il 25 giugno è morto a 87 anni, non c'era coccodrillo che non riportasse che agli eventi che andava a fotografare rifiutava anche di farsi offrire un bicchiere d'acqua. 

Anni fa il suo capo al NYT raccontò che durante le sfilate i giornalisti a Parigi scendevano al Ritz – sennò cosa scrivi per il New York Times a fare – e Bill insisteva ad andare in un alberghetto nelle cui stanze non c'era il telefono, che prenotava mandando una cartolina postale. Dopo la sua morte abbiamo passato due giorni a dire che bravo, che esempio. Poi è arrivata la prima conferenza stampa con buffet, e le tartine a scrocco ci hanno fatto dimenticare Bill. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena