Michelle Obama, l'ultima first lady e la sua eredità

Ci ha insegnato a mangiare bene, a studiare meglio, a cucire assorbenti, a dare importanza ai fatti invece che alle parole: come lei non ce ne saranno più​

Più Popolare

Cara Michelle,

scusami tanto. Ero così impegnata a rimpiangere preventivamente quel presidente da palcoscenico che ti sei sposata – il quale, peraltro, sta compiendo i suoi giri d'onore con tale entusiasmo che a gennaio dovrete trascinarlo via, spero tu abbia pronto un programma diversificato di cantieri da fargli supervisionare per distrarsi – che non mi sono resa conto subito dell'inevitabile danno collaterale: te ne andrai anche tu. E con te il glorioso istituto della first lady.

Advertisement - Continue Reading Below

Non solo perché, nella migliore delle ipotesi, la prossima potrebbe chiamarsi Bill, e avere l'aria di quello che alla Casa Bianca c'è già stato, il capo di Stato l'ha già fatto, e adesso ti fa vedere il gioco di polso che serve per chiudere il passaggio segreto dello studio ovale senza spifferi. Non solo perché, nella più distopica delle ipotesi, la prossima potrebbe chiamarsi Melania, avere l'aria della modella di Postalmarket, l'affabilità di una Daniela Santanchè, e l'intenzione di chiedere al Donald una legge per placcare d'oro le rose del giardino. Qualunque cosa succeda di qui a quattro (più quattro) anni, mi pare verosimile pensare che più nessuna vorrà essere definita in base allo stato di famiglia.

Più Popolare

Il political-correttismo è un'ideologia fondata sul retweet, perciò troveremo senz'altro in fretta una maniera sintetica per identificare il ruolo del coniuge presidenziale nel rispetto delle sue precipue caratteristiche e competenze (un po' come si fa con i bambini più somari a scuola). E d'altra parte persino tu, otto anni fa, non eri sicura di voler fare la first lady a tempo pieno, e ti riservavi «il diritto di cambiare idea, se necessario». Invece hai cambiato il modo di fare la first lady. Hai preso le ansie primordiali delle mamme – che le bambine mangino bene, che le bambine studino di più – e le hai fatte diventare pubblicità progresso. Ha funzionato: mentre tu coltivavi l'orto, gli americani – dice il Journal of the American Medical Association – hanno (quasi) smesso di mangiare zozzerie.

 L'altra settimana sei andata in Africa con Sasha, Malia e nonna Marian per promuovere Let Girls Learn – «Siamo l'unità speciale delle ragazze Obama, abbiamo lasciato il presidente a casa perché è maschio» – e sottolineare come sapersi cucire gli assorbenti sia, da quelle parti, un'abilità essenziale per riuscire ad andare a scuola tutti i giorni. Io, che sono nata ricca e scema, non ci avevo mai pensato. Quante cose mi hai insegnato, mia Michelle. Che per cambiare i ruoli non serve cambiare i nomi. Che quelle brave la lagna non la fanno. 

Inoltre, adesso ho la predica perfetta per disinnescare le proteste di quelle che non scendono neanche a buttare la spazzatura, con le mestruazioni. È come il ricatto dei «bambini che muoiono di fame» agitato sulle inappetenze della mia infanzia – non possiamo mandarla a loro, la minestra? – ma assai più femminista.

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali