Angelina Jolie e i figli perfetti

Shiloh, Pax, Maddox, Zahara, Vivienne e Knox studiano lingue, e da grandi faranno io benefattori internazionali

Più Popolare

Cara Angelina,

figurati se non ti capisco. Hai vinto un Oscar e la riconoscenza della regina Elisabetta, hai combattuto il cancro e la fame nel mondo. Hai una carriera da regista a credito illimitato, e una cattedra temporanea alla London School of Economics. Hai un segretario di Stato americano, e 65 milioni di profughi, da accudire. Quelle labbra sono naturali. Eppure, quando vuoi fare bella figura, non parli di te. Quando vuoi sentirti dire «brava», tu parli dei tuoi figli. I magnifici sei. Nessuno dei quali risulta intenzionato a fare l'attore: la tua non è una famiglia per vanitosi.

Advertisement - Continue Reading Below

E se davvero a casa vostra si celebra ogni anno la giornata internazionale del rifugiato, presumo sia difficile dopo il pensierino altruista della sera cambiare discorso e confessare: «Mamma, da grande voglio essere Tom Hiddleston». Piuttosto il musicista, dici, ma ti viene da ridere, perché sai già che nel loro destino c'è la diplomazia internazionale. Shiloh sta imparando lo khmer, Pax il vietnamita, Maddox il russo, Zahara il francese, Vivienne l'arabo e Knox – chissà che mal di testa, poveretto – il linguaggio dei segni. Lo hai raccontato alla BBC con la disinvoltura con cui io ho lasciato cadere ovunque mi sia capitato di passare nelle ultime settimane – compreso: qui – indiscrezioni sulle pagelle (bellissime) delle mie figlie (bravissime). Sei entrata nel dettaglio con lo stesso entusiasmo delle madri che fanno la cronaca su Facebook degli esami di maturità di figli non particolarmente verosimili – «È uscito Eco! Con il programma non ci sono arrivati, ma per fortuna lui lo ha letto tutto» – e l'immedesimazione di chi non contempla il rinnovamento: la matematica non sarà mai il mio mestiere, figuriamoci il suo.

Più Popolare

Perché possiamo essere scienziate, alte commissarie, sindache o presidentesse degli Stati Uniti: niente ci misura con la precisione della potenza intellettuale dei nostri figli. Ci vuole superiorità genetica, ci vuole lungimiranza tattica, ci vuole culo: mica crederanno che sia merito loro. E in un momento storico in cui, per rappresentare la maternità, Donatella Versace prende Karlie Kloss e Gigi Hadid (45 anni in due) e le mette in un supermercato a far da mamme a giovinette abbondantemente scolarizzate – anche per fare figli c'è stato un momento giusto: si portava molto nel 2006, esibire un neonato oggi è da parvenu – mi rendo conto che pure tu, che di mestiere sconfiggi il male, hai bisogno di gratificazioni.

Perciò, Angeli', diciamoci tutto. Che la versione di greco era difficilissima, e la professoressa un'incapace, ma la bidella dice che l'amore mio è stato il più bravo. Che quel film Maddox in Cambogia lo sta girando praticamente da solo, coi soldi della paghetta, e sarà l'opera struggente di un formidabile genio. Che durante le vacanze lavoreranno negli ospizi, e per rilassarsi la sera leggeranno Proust. Tanto diventeranno adulti comunque: avranno tutto il tempo di sostituire alle nostre illusioni le loro mitomanie.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria
Firme
CONDIVIDI
Politica vs stampa: non sparate sul cronista
Tempi duri per la libertà di stampa: dalla Turchia agli Usa, fino all'Italia, i politici forzano la mano sui giornalisti
Firme
CONDIVIDI
Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè
I ragazzi di oggi, rivela il Censis, di sesso ne sanno, ma il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e...
Firme
CONDIVIDI
La Caporetto della grammatica
I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: gli italiani non sanno più scrivere né parlare