Angelina Jolie e i figli perfetti

Shiloh, Pax, Maddox, Zahara, Vivienne e Knox studiano lingue, e da grandi faranno io benefattori internazionali

Più Popolare

Cara Angelina,

figurati se non ti capisco. Hai vinto un Oscar e la riconoscenza della regina Elisabetta, hai combattuto il cancro e la fame nel mondo. Hai una carriera da regista a credito illimitato, e una cattedra temporanea alla London School of Economics. Hai un segretario di Stato americano, e 65 milioni di profughi, da accudire. Quelle labbra sono naturali. Eppure, quando vuoi fare bella figura, non parli di te. Quando vuoi sentirti dire «brava», tu parli dei tuoi figli. I magnifici sei. Nessuno dei quali risulta intenzionato a fare l'attore: la tua non è una famiglia per vanitosi.

Advertisement - Continue Reading Below

E se davvero a casa vostra si celebra ogni anno la giornata internazionale del rifugiato, presumo sia difficile dopo il pensierino altruista della sera cambiare discorso e confessare: «Mamma, da grande voglio essere Tom Hiddleston». Piuttosto il musicista, dici, ma ti viene da ridere, perché sai già che nel loro destino c'è la diplomazia internazionale. Shiloh sta imparando lo khmer, Pax il vietnamita, Maddox il russo, Zahara il francese, Vivienne l'arabo e Knox – chissà che mal di testa, poveretto – il linguaggio dei segni. Lo hai raccontato alla BBC con la disinvoltura con cui io ho lasciato cadere ovunque mi sia capitato di passare nelle ultime settimane – compreso: qui – indiscrezioni sulle pagelle (bellissime) delle mie figlie (bravissime). Sei entrata nel dettaglio con lo stesso entusiasmo delle madri che fanno la cronaca su Facebook degli esami di maturità di figli non particolarmente verosimili – «È uscito Eco! Con il programma non ci sono arrivati, ma per fortuna lui lo ha letto tutto» – e l'immedesimazione di chi non contempla il rinnovamento: la matematica non sarà mai il mio mestiere, figuriamoci il suo.

Più Popolare

Perché possiamo essere scienziate, alte commissarie, sindache o presidentesse degli Stati Uniti: niente ci misura con la precisione della potenza intellettuale dei nostri figli. Ci vuole superiorità genetica, ci vuole lungimiranza tattica, ci vuole culo: mica crederanno che sia merito loro. E in un momento storico in cui, per rappresentare la maternità, Donatella Versace prende Karlie Kloss e Gigi Hadid (45 anni in due) e le mette in un supermercato a far da mamme a giovinette abbondantemente scolarizzate – anche per fare figli c'è stato un momento giusto: si portava molto nel 2006, esibire un neonato oggi è da parvenu – mi rendo conto che pure tu, che di mestiere sconfiggi il male, hai bisogno di gratificazioni.

Perciò, Angeli', diciamoci tutto. Che la versione di greco era difficilissima, e la professoressa un'incapace, ma la bidella dice che l'amore mio è stato il più bravo. Che quel film Maddox in Cambogia lo sta girando praticamente da solo, coi soldi della paghetta, e sarà l'opera struggente di un formidabile genio. Che durante le vacanze lavoreranno negli ospizi, e per rilassarsi la sera leggeranno Proust. Tanto diventeranno adulti comunque: avranno tutto il tempo di sostituire alle nostre illusioni le loro mitomanie.

More from Gioia!:
La vita di Victoria Beckham, e di tutta la famiglia più posh d'Inghilterra, è un po' come la nostra, e somiglia a quello che succede sui social: c'è chi ride, chi piange, e chi non sa quello che dice.
Firme
CONDIVIDI
Cara Victoria, la vita vera non è facile
L'ostinazione delle celebrità a fingersi normali sui social network ha convinto noi normali a comportarci come celebrità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento