Rupert Everett, intervista al più pettegolo

​Intervistato dal Sunday Times, l'attore ha sparlato di tutti: da Caitlyn Jenner alla ex migliore amica Madonna

In un'imperdibile intervista al Sunday Times, Rupert Everett ha completato la sua metamorfosi: da archetipo di favoloso amico gay a contessa vedova di Grantham, la vecchia nobile che tiene insieme tradizioni e malelingue in Downton Abbey

Come Lady Violet, Everett ha una parola spietata per ognuno. A partire da Caitlyn Jenner, che l'anno scorso è diventata donna – nasceva Bruce, patrigno di Kardashian – ma «povera cara, non aveva la minima idea di cosa comportasse essere transessuale. Quando ha scoperto che sono tutte drogate o prostitute, è inorridita». 

Advertisement - Continue Reading Below

Come Lady Violet, Everett ha vissuto abbastanza da avere un aneddoto personale a supporto di qualunque teoria: dai sei ai 14 anni si è vestito da ragazza «ma all'epoca era diverso: fosse successo oggi avrei iniziato subito con gli ormoni, invece a 15 anni già non mi interessava più». 

Come Lady Violet, Everett non sa tenere un segreto: per vent'anni amico del cuore di Madonna – «le grandi dive ti succhiano tutta l'energia» – ha scritto di lei nell'autobiografia Bucce di banana che sembrava un Picasso, si comportava da barista lagnosa, e masturbava Sean Penn nei ristoranti. Lei si è infuriata e non gli ha parlato più, lui ora empatizza con le ribellioni del figlio Rocco: vivere con Madonna «presenta le sue difficoltà». 

Ma proprio come come a Lady Violet in Downton Abbey, a Rupert Everett dovrebbero essere concesse solo poche battute a settimana. Per darci il tempo di metabolizzarle, e riciclarle con adeguato sopracciglio in società.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Io, umiliata da un amante molto più vecchio»
L'eterna illusione di una ragazza che si mette con l'attempato: esser protetta! Sta fresca, spesso è lui ad aver bisogno di sicurezza
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa