Vittoria della Brexit: l'Unione europea è al capolinea?

Vince il sì al referendum con il 51,9% e già si prevede un effetto domino in altri Paesi europei, ma con la sfida dei mercati asiatici, milioni di profughi in marcia e la minaccia crescente del terrorismo un'Europa unita è indispensabile

Brexit è la fine dell'Unione europea? È presto per dirlo. Ma almeno il voto dei cittadini britannici porta chiarezza. L'eccezione inglese nella Ue era infatti diventata insopportabile. Bruxelles ha accordato a Londra così tanti privilegi pur di tenerla stretta a sé, da aver creato un mostriciattolo giuridico: un paese che dell'Europa prendeva solo ciò che gli conveniva senza assumersi vincoli e oneri. 

Advertisement - Continue Reading Below

Pensate fino a che punto si era spinta l'accondiscendenza: si prendeva atto che la Gran Bretagna non sarebbe mai entrata nell'euro, ma le si riconosceva il diritto di partecipare alle decisioni  sulla moneta unica. In che modo una regola così folle avrebbe potuto tutelare i nostri interessi? Senza contare che, sempre per tenersi buona Londra, ogni anno gli altri europei versano alla Gran Bretagna sei miliardi di euro per ridurre i suoi contributi al bilancio della Ue. Capito? Noi cittadini avremmo continuato a pagare gli inglesi pur di farli restare! Tanto per darvi un'idea, questo è un giochino che solo per i contribuenti italiani vale 1,2 miliardi di euro. 

Più Popolare

In compenso il governo inglese poteva sottrarsi all'accoglienza dei profughi di guerra, discriminare i cittadini comunitari e negare loro l'assistenza sociale e sanitaria. Ecco, tutto questo col divorzio sancito dal referendum di giovedì finirà. Londra ballerà da sola, coi suoi colossi finanziari della City ma anche le periferie impoverite. Inutile dire che l'effetto domino sarà micidiale: si prevedono referendum a cascata in altri paesi europei e il rafforzamento della campagna populista di Trump negli Stati Uniti. 

Da noi gioisce Salvini, altrove i leader ultranazionalisti. Ma nessuno sa davvero cosa accadrà. Una sola cosa è certa: con la sfida dei mercati asiatici, milioni di profughi in marcia e la minaccia crescente del terrorismo, un'Europa unita, sia pure con regole diverse, è indispensabile. E chi dice che possiamo farcela da soli, magari tirando su un bel muro, mente per una manciata di voti.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Rose McGowan ovvero la donna che per prima ha dato il via allo scandalo delle molestie a Hollywood
Esce in Italia il libro dell'attrice che con la sua denuncia ha dato il via allo scandalo delle molestie di Hollywood
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori