Gruppi WhatsApp: tutte le mamme li detestano, nessuna li lascia

Tutte si lamentano per i gruppi WhatsApp creati per stare in contatto con i genitori dei compagni di scuola dei figli, ma in realtà non li abbandonano mai, commenta Guia Soncini

C'è quella che si domanda se le altre mamme non abbiano un lavoro, e dove trovino il tempo di tempestarla di messaggi sulla grave mancanza della psicomotricità dai programmi dell'asilo; quello che sbuffa a ogni notifica sull'ora di religione; quella che inoltra schermate per provare alle amiche zitelle che mamme più nevrotiche di lei esistono, e si disperano perché la mensa serve un formaggio che al loro piccino adorato non piace; quello che ha disinstallato WhatsApp per rendersi irreperibile. 

Advertisement - Continue Reading Below

Il principale problema di tutti i genitori che conosco sono gli altri genitori. Il principale problema di tutti i genitori che conosco sono le notifiche dei gruppi WhatsApp creati per tenersi in contatto coi genitori dei compagni di scuola dei figli. Come per certi partiti politici che nessuno ammette di votare ma che misteriosamente vincono le elezioni, nessuno dei miei conoscenti è mai animatore di questi gruppi. Tutti giurano di detestarli, di aver silenziato le notifiche, di disprezzarne le preoccupazioni: nessuno è il genitore ansioso, tutti sono spettatori sprezzanti. 

Più Popolare

La mia amica C., che insegna alle medie, lo usa come osservatorio della controparte. Nel gruppo dei genitori delle compagne di sua figlia scopre le verità che i genitori dei suoi alunni non le svelerebbero mai. Per la fine di quest'anno scolastico volevano regalare alla maestra una lampada di sale, «una roba da 12 euro: ho detto che se l'avessero regalata a me l'avrei buttata dalla finestra». 

Il denaro è un fattore primario nell'insofferenza da gruppo di genitori. Mi è appena stato inoltrato il monologo di un padre che, in uno stringato messaggio che occupa cinque schermate di smartphone, s'indigna perché il contributo di otto euro chiesto per la gita è troppo alto: la mia amica F. me l'ha inviato assieme a un elenco dei possedimenti dello spilorcio (mentre lui simulava indigenza, lei gli stimava il suv). Ma il mio preferito è quello (padre anche lui: sono più lagne delle madri) che vibratamente protesta perché il gruppo dei boy scout ha tenuto i loro piccini all'aperto per mezza giornata: «E se avesse piovuto?!». Cresceranno una generazione di rammolliti, ma c'è da essergli comunque grate: senza le loro schermate, di cosa parleremmo a cena? 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna