Perché il Pd è uscito sconfitto alle elezioni amministrative 2016

Il partito di Matteo Renzi appare sempre più distante dai problemi delle persone​, come testimoniano i risultati elettorali voti nelle periferie di 3 grandi città: Roma, Torino e Napoli

Non faccio il politologo né mi avventuro nell'analisi dei flussi elettorali. Ma la sconfitta del Pd nelle grandi città, Milano a parte (ma che fatica anche lì...), pare dovuta a un effetto rottamazione al contrario. Se il Renzi che vinse le primarie del Pd appariva in rottura con le lobby e i vecchi papaveri del partito, quello di oggi sembra chiuso in una ferrea logica di consolidamento del potere, distante dai problemi delle persone ed estraneo alle dinamiche del proprio partito.

Advertisement - Continue Reading Below

Dov'è finito il Matteo che scendeva dal camper e riempiva le piazze? Oggi non le frequenta più, né si fa vedere sui luoghi della sofferenza. Il suo discorso pubblico è incentrato ossessivamente sui risultati economici raggiunti, molto spesso definiti con aggettivi mirabolanti. E il richiamo costante a una narrazione positiva dell'Italia inizia a irritare i tanti che, pur apprezzando un leader ottimista, non vedono nella realtà quei segni di cambiamento annunciati con le fanfare. 

Più Popolare

Basta guardare i voti nelle periferie delle grandi città per rendersi conto che è proprio lo scollamento tra «racconto» ed «esperienza» che sta alla base della frana elettorale del partito renziano. Roma, Torino, Napoli: tre delle quattro più grandi città d'Italia hanno votato contro, premiando Virginia Raggi, Chiara Appendino e Luigi de Magistris. Tre candidati anti sistema molto votati nelle grandi e sempre più povere periferie urbane. Dove la svolta economica non è arrivata affatto e i problemi sono quelli di sempre. E dove quei sindaci rappresentano oggi la rottamazione (almeno a parole) della vecchia politica.

La rabbia sociale è forte e i risultati economici scarsi. Ma se Renzi non riuscirà a connettersi di nuovo con i sogni e le paure degli italiani, se non tornerà a sembrare «uno di loro», altre sconfitte, cocenti, potrebbero arrivare.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento