Migranti, la piccola Favour è diventata un simbolo

La bambina nigeriana arrivata orfana in Italia è solo una dei 5.800 minori che sono sbarcati da soli sulle nostre coste: una ragione in più per non chiudere la porta in faccia a chi fugge dalla morte

Più Popolare

Adesso che sta bene e che sorride, sembra impossibile che ce l'abbia fatta. Non ce la fanno uomini temprati da destini ostili, a volte, ragazzi con corpi giovani e cuori impavidi, assetati di vita, e neppure le madri, così poco propense a regalare orfani al mondo. Non basta la volontà a resistere, l'obbligo di non morire, per vincere la guerra contro il mare. Non conta quanto forti siano le tue braccia o grande il tuo desiderio di farcela: il mare è comunque più grande e più forte di te se lo sfidi con mezzi di fortuna, inadatti all'impresa. Però non è più forte della vita che vuole vivere, a prescindere dalle intenzioni e dalle capacità. 

Advertisement - Continue Reading Below

Sua mamma è morta nel gommone

Per questo Favour ce l'ha fatta. Ha 9 mesi, è nigeriana e non si capisce come sia riuscita ad arrivare in Italia con quello sguardo illeso e docile, la voglia di giocare e stare in braccio come un qualsiasi batuffolo nato qua. Era tra i 4.000 migranti portati in salvo la scorsa settimana dalla grande flottiglia senza bandiera che segue una sola regola, quella del mare: «Salvare sempre chi chiede aiuto». Sua mamma è morta nel gommone soccorso da una nave norvegese al largo di Lampedusa. E anche se sembra orribile dirlo, forse è meglio così. Aveva in grembo un altro bimbo, concepito in Libia, in uno dei tanti campi di detenzione dove le donne sono carne da macello, corpi da prendere e violentare a piacere. A cosa serve un cuore che batte se dentro sei morta e rimorta cento volte, come se la fine fosse un copione replicabile?

Più Popolare

Ragazzi venuti da lontano

Adesso Favour la vogliono tutti. I medici, gli assistenti sociali, i membri della Guardia Costiera che per primi l'hanno portata a terra. Le tante persone che da  Nord a Sud hanno chiesto la possibilità di adottarla, in una gara di solidarietà. Sarà il Tribunale dei minori di Palermo a decidere a chi verrà affidata. Il suo destino è quello dei 5.800 minori sbarcati soli sulle nostre coste. Fiori recisi che resistono al vento, arbusti senza radici capaci di attecchire dentro qualsiasi terra, essendo abituati a scovare in sé la luce e l'acqua. Ma vanno innaffiati. Accuditi. Lasciati crescere. Perché messi in un angolo appassiscono. O diventano piante cattive. Avranno esistenze tortuose e complicate questi ragazzi venuti da lontano e condannati a mendicare amore, a convivere con una mancanza a cui non sanno dare un nome. Ma saranno comunque fortunati, per il solo fatto di esserci. Perché tanti coetanei, invece, non  arrivano neppure.

 Il mare trasformato in un cimitero

Mentre Favour riceveva le prime cure, dalla Libia partivano altri 1.000 migranti con due grossi barconi fatiscenti, più altri 100 ammucchiati su un gommone. Dopo 8 ore di navigazione, uno dei due pescherecci, trainato dall'altro, ha iniziato a imbarcare acqua. C'è chi si è tuffato, chi è affondato senza neppure sapere di morire, in quell'asfissia confusa di braccia e gambe e mani e pianti e grida imprigionate nella pancia dell'imbarcazione. Pochissimi i superstiti. Tra i morti, almeno 40 bambini. Nell'ultima settimana sono approdati nei porti siciliani e calabresi 12.000 profughi, 700 sono morti. Il mare trasformato in un grande cimitero. A chi dice peggio per loro, dovevano starsene a casa, riporto le parole di Abdullah Kurdi, padre del bimbo trovato senza vita sulla spiaggia di Bodrum, che aveva commosso il mondo. «Non è più moralmente accettabile chiudere le porte in faccia a chi fugge dalla morte e dall'umiliazione. Chi si mette su un barcone non ha alternative, credetemi». 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della vioneza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?