Unioni civili, la nuova legge è una conquista di tutti

Finalmente è stato riconosciuto il principio di uguaglianza di tutti i cittadini, come recita la Costituzione: una buona notizia che ci mette in pari con buona parte degli altri Paesi europei



Più Popolare

Ci sono settimane di cattive notizie e settimane di buone notizie. L'ultima è stata una settimana di buone notizie. Primo perché sono passate le unioni civili. Una svolta epocale che ci mette finalmente in pari con buona parte dei Paesi europei. Non siamo ancora i primi della classe, ma non siamo nemmeno i più somari. Da qui in avanti, se ci si applica, si può solo migliorare. Spiace soltanto che, tra anatemi, proclami omofobi, inviti alla resistenza e annunci funebri, non si gioisca all'unisono, considerando questa legge non una conquista di tutti ma un capriccio di pochi. Dimenticando che uno Stato democratico, fondato su una Carta che al terzo articolo recita «tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge», deve poter rappresentare tutti quanti, compresi gli atei, i separati, i miscredenti, i gay incalliti e i conviventi. Mi sembra da tempo una cosa così ovvia che mi vergogno persino a scriverla.

Advertisement - Continue Reading Below

Giustizia è fatta

La seconda cosa bella è la condanna a 20 anni in Cassazione di Luca Varani, l'uomo che tre anni fa ha sfregiato con l'acido il bel sorriso di Lucia Annibali, ex fidanzata e collega. Un gesto che, come notava un'amica in redazione, si può definire solo in un modo: tribale. Eppure lo ha commesso un avvocato, uno che ci s'immagina civile e acculturato. Infatti per non sporcarsi le mani ha assoldato due sicari. Le accuse sono di stalking e tentato omicidio. La condanna ormai confermata in via definitiva. Giustizia è fatta. Lucia, 39 anni, avvocato di Pesaro, un'infinità di interventi alle spalle e una resistenza, non solo fisica, che può paragonarsi solo a quella delle querce secolari, ha commentato la sentenza dicendo: «Ho dimostrato che sono più forte di chi mi ha sfregiato». Piccola donna con una tempra d'acciaio (Cristiana Capotondi la interpreterà in una fiction di cui sono appena iniziate le riprese). Il caso è chiuso, ma la sua vita continua, tra medici, ospedali e quella voce dentro che le ripete ogni giorno, non mollare. Uno pensa che si nasca forti e invece è un incessante ed eroico esercizio quotidiano.

Più Popolare

Ai vertici si parla, lì si fa

La terza buona notizia è che quasi mille migranti sono stati messi in salvo la scorsa settimana, nel mare tra la Libia e Lampedusa, dalla Guardia costiera italiana. Si tratta per lo più di siriani partiti dalle coste egiziane, tra di loro tante donne e bambini. Alcuni sono sbarcati ad Augusta, altri a Catania, Palermo, Crotone. Mentre l'Europa si accapiglia sul tema delle barriere e dei confini, sul numero di rifugiati da prendere e respingere, laggiù nel profondo sud d'Italia qualcuno si occupa di dare loro riparo e accoglienza. Ai vertici si parla, lì si fa. Una che fa tantissimo è Agnese Ciulla, 44 anni, da tre assessore alle Attività sociali di Palermo. Ha due figli suoi, di 8 e 14 anni, e 480 arrivati dal mare. Dal 2012 si occupa di profughi minorenni: la scuola, i documenti, le malattie da curare, a tutto pensa lei, come una mamma. Infatti la chiamano la Grande Madre, e come minimo bisognerebbe farle un monumento. Di altre notizie buone ce ne sono, ma mi fermo qui. Per una volta le brutte non le guardo neanche, perché si parla quasi solo di quelle. E poi alla fine c'è sempre chi dice: non faccio figli perché il mondo è crudele. Senza pensare che se ci fossero più figli — più teste nuove, più idea di futuro — magari crudele lo sarebbe di meno. Chissà se basta un bonus per crederci davvero.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda