Ivanka Trump, da first daughter a prima presidente donna degli Stati Uniti nel giro di un anno?

Le vittorie improbabili sono un talento di famiglia, quindi la figlia favorita di Donald Trump potrebbe anche candidarsi alla Casa Bianca appena l'occasione si presenta

Più Popolare

Cara Ivanka, gli imprevisti sono un segno del destino.

Papà Trump non aveva alcuna intenzione di diventare presidente degli Stati Uniti fino a quando non è diventato presidente degli Stati Uniti. Racconta Michael Wolff in Fire and fury: inside the Trump White House, il libro sviscerato e diffidato e pubblicato - in quest'ordine - negli Stati Uniti, che la sera delle elezioni "Melania era in lacrime, e non di gioia". Per mesi Donald Trump le aveva assicurato di non nutrire speranze, figuriamoci: lui voleva solo diventare (più) ricco e famoso, fare un po' di caciara, mica trovarsi un lavoro vero. Era un ordinario esercizio di megalomania: andava solo assecondato.

Ivanka Trump, 36 anni, figlia favorita del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.
Advertisement - Continue Reading Below

"Tutto quello che serve sapere di Melania", dicevi con sussiego ai tuoi amici democratici quando ancora ti rivolgevano la parola, "è che lei crede che potrebbe vincere sul serio". E poi ridevi. Invece è finita che Melania aveva ragione e tu (e i tuoi amici) torto, ma non è da questi particolari che si giudica un buon piano. Il solo altro a credere nell'impresa era Steve Bannon, detto: il pazzo. Capo della campagna elettorale, stratega massimo dell'amministrazione improvvisata, allontanato ad agosto per eccesso di suprematismo bianco: una delle vittorie che hai fatto meno fatica ad attribuire alla tua leggendaria (proprio nel senso di: prevalentemente immaginaria) influenza mitigatrice.

Con tuo marito il patto è resistere, resistere, resistere

Più Popolare

Come tutti gli innamorati respinti, Bannon ha provato a vendicarsi: il libro di Wolff si basa in gran parte sui suoi racconti inviperiti, e tu fai la figura della marmocchia opportunista che per darsi un tono ridicolizza l'acconciatura di papà: una struttura circolare di riporti tenuta insieme da impetuosi spruzzi di lacca extra-forte, tinta "con un prodotto che si chiama Just for men: più a lungo lo tieni, più scuro diventa. Il caratteristico biondo-arancio di Trump è pertanto da imputare all'impazienza".

Come per tutti gli innamorati respinti, il tentativo di vendetta è stato controproducente. Quel libraccio, devi aver sussurrato scuotendo la testa, dimostra solo una cosa: Bannon è un bruto, un pazzo, un traditore. Non ci si può fidare di nessuno, a parte te. E siccome Trump è il tipo di faraone che ricorda solo l'ultima cosa che sente, per convincerlo basta rimanergli vicino più a lungo degli altri. Tu non te ne andrai mai, Ivanka, non importa quanto frustrante possa diventare. Con tuo marito hai fatto un patto: resistere, resistere, resistere. E appena l'occasione si presenta, provare a farti eleggere - sorpresa! - il primo presidente donna degli Stati Uniti. Magari le vittorie improbabili sono un talento di famiglia.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili