Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili

Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso: operazione nostalgia? Tutt'altro, abbiamo buttato un occhio indietro per imparare a guardare lontano

Più Popolare

Quando il Sessantotto arrivò, mandando gambe all'aria ragioni e convinzioni, mettendo a soqquadro l'intera società, io non c'ero. Mancai l'appello per un soffio, essendo nata nel '69, e non potendo in ogni caso cavalcare, data l'età, la grande onda della contestazione che come una scossa attraversava il mondo - da San Francisco a Praga, dalla Sorbonne alla Statale, passando per Pechino - con un effetto domino di magnitudo 10. Però la rivoluzione era nell'aria, bastava mettere il naso all'insù per sentirne l'odore. Era nel cestino della merenda all'asilo (in forma di tortine 100 per cento olio di palma, ottimo salvavita e salvatempo per mamme indaffarate già predisposte all'autocoscienza), nei gonnelloni delle sorelle maggiori, nelle notizie dei tiggì, nelle canzoni alla radio (Beatles, Doors, Rolling Stones, Bob Dylan, Janis Joplin, Jimi Hendrix: il meglio della musica è nato in quegli anni).

Advertisement - Continue Reading Below

Tutto venne rimesso in discussione: lo Stato, l'istruzione, la politica, il senso del pudore, la famiglia, il sesso, l'insopportabile principio d'autorità. Gli hippie negli Usa marciavano contro la guerra del Vietnam, i neri rivendicavano pari diritti, gli studenti zero privilegi e voto politico nelle università, gli operai salari più alti, le ragazze superamento della messa in piega e abolizione della verginità. In Cecoslovacchia si lottava per la libertà di espressione, a Parigi per la liberalizzazione dei costumi e la fine del perbenismo borghese con look e modi da resistenza gauche caviar (i contestatori del maggio francese, se guardate le foto come quella di apertura di questo articolo, sono in assoluto i più charmant).

Il seme portato da quel vento che soffiava scamiciato è arrivato fino a noi

Più Popolare

Mai nella storia tante battaglie sono state combattute tutte insieme, producendo slogan a ritmo di hashtag, inventando mode, rilanciando utopie, facendo germogliare l'illusione che un mondo nuovo fosse possibile -più giusto, più libero, più fantasioso - e che non fosse solo un'illusione ma un progetto vero e realizzabile. Le cose poi sono andate in altro modo, ma il seme portato da quel vento che soffiava scamiciato è arrivato fino a noi. Gettando, al netto di tante derive sovversive di matrice armata, le basi su cui abbiamo costruito l'impalcatura del vivere civile: tutti i diritti acquisiti negli ultimi 50 anni sono partiti da lì. Come ci raccontano Mario Capanna e Lidia Ravera, testimoni oculari e molto attivi di quegli anni magici, nel primo numero di Gioia! del 2018 che celebra l'anniversario dell'era flower power.

Chicago, 1968: una ragazza offre una rosa alla polizia militare come gesto di pace.

Operazione nostalgia? Tutt'altro. Abbiamo buttato un occhio indietro per imparare a guardare lontano. Per riappropriarci di tutto quell'estro immaginifico e sovversivo così da darci slancio e continuare la strada. Solo pensando che tutto è possibile le cose succedono davvero. E non basta dirle soltanto, bisogna farle, in prima persona, senza aspettare che qualcuno si muova. Abbiamo immaginato 12 nuove rivoluzioni possibili da prendere in mano e portare lontano: a volte seguendo l'esempio di chi ha già cominciato a darsi da fare, altre ipotizzando scenari nuovi o rispolverando vecchie utopie. Sono piccoli, grandi cambi di prospettiva e strategia per rendere il pianeta più pulito, il lavoro flessibile più sicuro, i migranti non un problema ma un'opportunità... Queste sono solo alcune delle rivoluzioni per cui vale la pena di combattere insieme. Poi ci sono quelle personali, e lì sta a voi. Il nostro nuovo esperto di astri Stefano Vighi ci ha rivelato che Urano, pianeta delle svolte, quest'anno non risparmierà nessuno. Paura? No, siate contente. La vita è un moto perenne, basta saperlo indirizzare. Per quanto mi riguarda, sono felice di iniziare un nuovo anno insieme. Ho un solo consiglio: siate spericolate.

(Scrivete a Maria Elena Viola, direttore di Gioia!: direttoregioia@hearst.it)

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo
Lucio Dalla Sky Arte 33 giri
Firme
CONDIVIDI
Lucio Dalla: com'è (ancora) profondo il mare 40 anni dopo
Il primo documentario di un ciclo di Sky Arte sui vecchi dischi è dedicato a questo autore e contiene delle meraviglie
Madre e figlia rapporto
Firme
CONDIVIDI
L'amore di una mamma può essere una coperta che soffoca
Ci sono mamme che ti tirano a fondo e mamme che ti buttano lontano, perché sanno che appartieni al mondo